Chi ha vinto e chi ha perso davvero le elezioni amministrative: il bilancio tra primo turno e ballottaggi

Redazione

27 Giugno 2022 - 08:07

condividi

Il centrodestra conquista più comuni al primo turno, il centrosinistra elegge più sindaci ai ballottaggi: chi ha vinto e chi ha perso davvero le elezioni comunali 2022?

Chi ha vinto e chi ha perso davvero le elezioni amministrative: il bilancio tra primo turno e ballottaggi

I ballottaggi delle elezioni comunali 2022 sorridono sicuramente al centrosinistra, con la vittoria in sette comuni e soprattutto in tutte le principali sfide del secondo turno del 26 giugno. Ma qual è il bilancio definitivo di questa tornata di elezioni amministrative? Sommando primo e secondo turno va evidenziato come a conquistare più comuni sia stata la coalizione di centrodestra.

Ma, allo stesso tempo, è altrettanto vero che il centrodestra ha perso molti comuni rispetto a cinque anni fa e il centrosinistra ha invece raddoppiato i primi cittadini eletti. Le liste civiche eleggono invece tre sindaci. Quindi chi ha vinto e chi ha perso davvero le elezioni comunali sommando i risultati del primo e del secondo turno?

Elezioni comunali, chi ha vinto al primo turno

Al primo turno a prevalere sono stati i candidati del centrodestra, con la vittoria senza ricorrere al ballottaggio nelle città di Palermo, Genova, L’Aquila, Asti, Belluno, La Spezia, Oristano, Pistoia e Rieti. Il centrosinistra aveva invece confermato i sindaci di Padova e Taranto, strappando invece la città di Lodi al centrodestra. A Messina vittoria per un candidato civico.

Chi ha vinto le elezioni al ballottaggio

Ai ballottaggi le parti sembrano essersi invertite, con più vittorie per il centrosinistra. A Catanzaro, giunta uscente di centrodestra, ha vinto il candidato del centrosinistra Fiorita. Vittoria per Tommasi contro il sindaco uscente di centrodestra a Verona. Mentre resta nell’area di centrosinistra (ma prima c’era un civico) Parma con la vittoria di Guerra.

A Monza e Piacenza il centrosinistra strappa il comune al centrodestra, così come avviene anche ad Alessandria. Conferme per il centrodestra a Barletta, Frosinone e Gorizia e per il centrosinistra a Cuneo. A Lucca il centrodestra strappa la città al centrosinistra, mentre a Viterbo e Como (giunta uscente di centrodestra) vincono candidati civici. In definitiva ai ballottaggi si affermano 7 candidati del centrosinistra, 4 del centrodestra e 2 civici.

Chi ha vinto e chi ha perso davvero le elezioni comunali 2022

Il bilancio definitivo vede un primo turno più favorevole al centrodestra e un secondo a favore del centrosinistra. Ma va detto che la situazione di partenza era nettamente favorevole alla coalizione formata da Fratelli d’Italia, Lega e Forza Italia. Alle elezioni comunali 2022 si votava in 26 comuni capoluogo e si partiva da 18 sindaci per il centrodestra, 5 per il centrosinistra e 3 civici.

Alla fine di questa tornata elettorale - tra primo e secondo turno - il centrodestra chiude con 13 sindaci eletti, perdendone cinque rispetto alla precedente tornata elettorale. Il centrosinistra raddoppia i suoi primi cittadini, passando da cinque a 10. I civici eletti restano tre, anche se in differenti città.

In conclusione, è vero che il centrodestra ha ottenuto vittorie importanti in comuni capoluogo come Genova, Palermo e L’Aquila strappando anche il capoluogo siciliano al centrosinistra. Ma, allo stesso tempo, è vero che il centrosinistra ha conquistato città tradizionalmente ritenute quasi impossibili da vincere negli ultimi anni come Catanzaro e Verona. Inoltre la coalizione guidata dal Pd ha sconfitto molti sindaci uscenti di centrodestra e ha raddoppiato i suoi sindaci nei comuni capoluogo.

Iscriviti a Money.it