Dove vota lo scrutatore?

Dove votano scrutatori, presidenti di seggio e segretari? Ecco cosa sapere in vista delle elezioni amministrative, regionali e del referendum.

Dove vota lo scrutatore?

Chi è stato nominato scrutatore alle prossime elezioni dove vota? Quello che molti scrutatori, segretari e presidenti si chiedono è se dovranno esercitare il diritto di voto presso il seggio indicato nella loro tessera elettorale oppure potranno votare nella sezione elettorale in cui prestano servizio.

Precisiamo subito che lo scrutatore, al pari degli altri membri che costituiscono il seggio (quindi presidente e segretario) ha la facoltà di votare presso la sezione alla quale è stato assegnato. Questo però non è un obbligo, significa che chi lo preferisce può comunque allontanarsi per andare a votare nella sezione in cui è regolarmente iscritto.

Gli scrutatori che vogliono votare direttamente nel seggio loro assegnato devono darne comunicazione al presidente ed essere muniti di documento di riconoscimento e tessera elettorale.

Dove votano scrutatori, presidenti e segretari

La legge, quindi, prevede una “eccezione” circa il luogo in cui andare a votare per coloro che svolgono attività di scrutatore in occasione degli appuntamenti elettorali e referendari: dunque presidente di seggio elettorale, segretari e scrutatori possono - ma non sono obbligati - votare in loco, senza doversi allontanare per raggiungere la sezione elettorale assegnata loro dal Comune di residenza.

Allo stesso modo anche i rappresentanti di lista possono esprimere il voto direttamente nella sezione loro indicata per vigilare sulla correttezza delle votazioni e degli scrutini in rappresenta di un partito, comitato o singolo candidato.

Per votare nel seggio loro assegnato in occasione delle elezioni gli scrutatori devono essere muniti di documento di identità in corso di validità (ad esempio carta d’identità, patente di guida o passaporto) e tessera elettorale.

Cosa fanno gli scrutatori durante le elezioni

I compiti degli scrutatori all’interno del seggio elettorale sono molteplici. In breve devono allestire il seggio elettorale, controllare la correttezza del voto, prendere i nominativi degli elettori e procedere alla scrutinio delle schede elettorali.

Tra gli scrutatori presenti il presidente ne sceglie uno a cui dare l’incarico di vice. Ciascuno scrutatore comunque durante lo svolgimento dell’incarico è considerato a tutti gli effetti un pubblico ufficiale in esercizio delle funzioni; pertanto chi li offende, minaccia o aggredisce incorre nel penale.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories
SONDAGGIO