Dall’Europa all’Asia arrivano segnali cupi per la ripresa

Violetta Silvestri

1 Agosto 2022 - 11:59

condividi

Gli ultimi dati sull’attività manifatturiera e la produzione industriale hanno mostrato segni di rallentamento: dall’Europa all’Asia, la ripresa arranca e nuove nubi sono all’orizzonte.

Dall'Europa all'Asia arrivano segnali cupi per la ripresa

Segnali univoci arrivano dalle potenze mondiali: la ripresa dell’attività economica fatica a decollare.

L’industria europea è precipitata e la produzione manifatturiera asiatica ha continuato a indebolirsi a luglio, a causa delle persistenti complicazioni della catena di approvvigionamento e del rallentamento dell’economia globale.

Gli indici dei gestori degli acquisti per i quattro maggiori membri dell’area dell’euro hanno tutti indicato una contrazione, confermata anche per l’intera regione. In Asia, sono state Cina, Corea del Sud e Taiwan a subire il colpo maggiore.

I rapporti riflettono le prospettive cupe e incerte per l’economia mondiale, che hanno costretto il Fondo monetario internazionale la scorsa settimana ad abbassare le sue previsioni di crescita globale per quest’anno e il prossimo, avvertendo che una vera e propria recessione potrebbe essere proprio dietro l’angolo.

L’Eurozona in contrazione: cosa aspettarsi?

Le prospettive dell’area dell’euro appaiono sempre più allarmanti, nonostante un’espansione eccezionale dello 0,7% nel secondo trimestre. L’inflazione da record e la maggiore probabilità di un taglio energetico russo stanno minacciando il crollo nel blocco valutario a 19 membri.

“Il settore manifatturiero dell’Eurozona sta sprofondando in una flessione sempre più ripida, aumentando i rischi di recessione della regione”, ha affermato Chris Williamson, economista di S&P Global. “I nuovi ordini stanno già cadendo a un ritmo che, esclusi i mesi di blocco della pandemia, è il più forte dalla crisi del debito nel 2012, con probabilità peggiori.”

S&P Global ha affermato che la produzione è in calo in tutti i paesi esaminati ad eccezione dei Paesi Bassi e che il tasso di declino è particolarmente preoccupante in Germania, Francia e Italia, le tre maggiori economie del blocco.

L’indice dei nuovi ordini in Eurozona è sceso a 42,6 da 45,2, il livello più basso da maggio 2020, quando la pandemia stava iniziando a colpire il mondo, indicando scarse possibilità di un’inversione di tendenza a breve. Gli analisti di S&p Global hanno commentato che “le vendite inferiori al previsto, che si riflettono nei tassi di calo accelerati di nuovi ordini ed esportazioni, hanno portato al più grande aumento delle scorte invendute di prodotti finiti mai registrato dall’indagine.”

Da sottolineare, inoltre, che l’inflazione della zona euro è ulteriormente aumentata dall’obiettivo del 2% della Bce a un massimo record dell’8,9% a luglio, secondo i dati ufficiali preliminari mostrati la scorsa settimana. Sebbene gli indici dei prezzi di input e output siano diminuiti nell’indagine PMI, sono rimasti elevati.

L’Asia soffre: non è una buona notizia per l’economia mondiale

In Asia, i dati hanno mostrato che l’attività industriale cinese si è inaspettatamente contratta a luglio, invertendo il precedente slancio economico poiché sporadici focolai di Covid-19 pesano sulla ripresa.

L’indice ufficiale dei responsabili degli acquisti del settore manifatturiero è sceso a 49 da 50,2 di giugno. Ciò si confronta con la stima mediana di 50,3 in un sondaggio di Bloomberg sugli economisti. Anche la lettura del PMI Caixin ha osservato un rallentamento.

Le valute si sono indebolite nei confronti del dollaro Usa dopo le notizie dall’Asia, guidate dal won sudcoreano e dal peso filippino. Il dollaro di Taiwan è sceso al livello psicologico chiave di 30 per biglietto verde per la prima volta in più di due anni.

“Le aziende manifatturiere di Taiwan hanno dipinto un quadro sempre più cupo delle condizioni all’inizio del terzo trimestre”, ha affermato in un comunicato Annabel Fiddes, direttore associato per l’economia presso S&P Global Market Intelligence. “La produzione e i nuovi affari sono diminuiti entrambi ai tassi più elevati dalla fase iniziale della pandemia nel maggio 2020, con le aziende che spesso collegano questo a condizioni economiche globali più deboli”.

Il calo delle potenze asiatiche è un chiaro avvertimento su dove si dirigerà la domanda globale, mentre le banche centrali aumentano in modo aggressivo i costi dei prestiti per rallentare l’inflazione impennata.

Argomenti

# Asia

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.