Disfatta big tech: Wall Street brucia $200 miliardi di valore, che succede?

Violetta Silvestri

28/10/2022

28/10/2022 - 08:40

condividi

Big tech sotto pressione e Wall Street in tilt: con i dati deludenti di Amazon e in parte Apple, le azioni dei colossi della tecnologia, tra i più preziosi tra i quotati, crollano e bruciano miliardi.

Disfatta big tech: Wall Street brucia $200 miliardi di valore, che succede?

I mercati reagiscono alla crisi dei colossi del tech, che stanno pubblicando conti trimestrali deludenti e non privi di segnali di rallentamento e prospettive incerte.

Le azioni in Asia sono scese in seguito al calo di Wall Street, mentre gli investitori si sono confrontati con nuovi risultati poco incoraggianti dei giganti della tecnologia.

I futures Nasdaq 100 sono in perdita stamane, dopo che gli utili non convincenti di Amazon hanno spinto ancora più in basso l’indice già sotto pressione. Il gigante dell’e-commerce ha guidato il calo nel trading after-hours, dopo che la società ha registrato ricavi trimestrali più deboli del previsto e ha emesso una guida alle vendite deludente per il quarto trimestre.

Anche le azioni Apple sono state deboli inizialmente, con l’azienda che ha riportato entrate iPhone inferiori alle attese.

All’inizio della giornata, il Nasdaq Composite ha perso l′1,6%, a causa di una pesante ritirata di Meta e di altri titoli tecnologici. Il settore tech sta precipitando e Wall Street ha perso miliardi di valore nella seduta di ieri: cosa sta accadendo ai giganti della tecnologia?

Perché Wall Street ha perso $200 miliardi di valore con il crollo tech

Oltre 200 miliardi di dollari di valore del mercato azionario statunitense sono andati in fumo negli scambi estesi giovedì, dopo che una previsione debole di Amazon si è aggiunta a una serie di rapporti trimestrali negativi delle società big tech.

Le azioni di Amazon sono crollate del 17% nell’after-hour, spazzando via $190 miliardi di capitalizzazione di mercato. Il peso massimo della vendita al dettaglio e della tecnologia ha previsto un crollo durante le prossime vacanze che lascerebbe le vendite del trimestre in corso al di sotto delle stime di Wall Street.

Inoltre, dopo la campana, le azioni di Apple sono scese di circa l’1%, cancellando circa $30 miliardi del suo valore di mercato azionario dopo che la società di Cupertino, in California, ha riferito che le vendite trimestrali di iPhone sono state al di sotto degli obiettivi di Wall Street.

Il rapporto debole di Amazon ha fatto precipitare i futures del Nasdaq di circa il 3%, mostrando che i trader si aspettano che Wall Street apra con un profondo calo venerdì. Alphabet e Microsoft sono scese di circa l’1% ciascuna, aggiungendo altre perdite a quelle registrate dopo i numeri trimestrali scarsi.

Risultati deludenti sono arrivati anche da Meta Platforms, proprietario di Facebook, che in precedenza ha fatto crollare le sue azioni del 25%. Il calo di giovedì ha lasciato il valore del mercato azionario di Meta a circa $260 miliardi, con il colosso che ora è la 20a azienda più preziosa di Wall Street.

I deboli e incerti risultati trimestrali di alcune delle società quotate più preziose sottolineano le profonde preoccupazioni per la salute dell’economia globale, mentre le banche centrali alzano i tassi di interesse in una battaglia contro l’inflazione.

“Le aziende big tech non sono immuni ai rallentamenti dell’economia, in particolare se sono guidate dai consumatori. Mentre la Fed si imbarca in questo rallentamento pianificato, sta divorando alcune delle loro attività rivolte ai consumatori e, dati i loro multipli elevati, sta causando grandi contrazioni dei prezzi delle azioni” ha affermato Rick Meckler, partner di Cherry Lane Investments a New Vernon, nel New Jersey.

Nessun commento

Gentile utente,
per poter partecipare alla discussione devi essere abbonato a Money.it.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.