Coronavirus: spuntano i “positivi misteriosi”. Di cosa si tratta?

In questo delicato momento per la diffusione del coronavirus nel mondo, spunta la storia di alcuni positivi misteriosi. Per loro, rintracciare la fonte del contagio sembra impossibile. Cosa aspettarsi?

Coronavirus: spuntano i “positivi misteriosi”. Di cosa si tratta?

Mentre il coronavirus si diffonde nel mondo a una velocità ancora preoccupante, spuntano storie di casi di positività misteriosi.

Di cosa si tratta e dove si sta verificando il fenomeno? Australia e Francia hanno per prime lanciato questa nuova allerta, a testimonianza della complessità della pandemia COVID.

Il caso di questi contagiati, infatti, risulta strano per un motivo molto semplice: non si riesce a individuare la fonte dell’infezione. Se fermare subito i focolai è uno degli strumenti più utili in questo momento per evitare picchi, come si possono arginare cluster senza origine conosciuta?

I positivi misteriosi aumentano i motivi di preoccupazione.

Casi misteriosi in Australia: cosa succede?

L’Australia ha dichiarato lo stato di disastro e il coprifuoco nello Stato Victoria, in un crescendo di contagiati che sta mettendo in grande allerta.

Tra i motivi di forte preoccupazione ci sono i cosiddetti contagiati misteriosi, ovvero
positivi confermati per i quali non si trova la fonte di infezione.

Attualmente ci sono 760 contagiati da coronavirus attivi a Victoria che non sanno come si sono infettati e il premier locale Andrews ha avvertito che il numero è destinato a salire.

La situazione è grave, secondo il governatore, perché:

“Sono casi attivi in cui non possiamo risalire alla fonte delle infezioni della persona. Questi misteri (mostrano) che la trasmissione nella comunità è per molti aspetti la nostra più grande sfida e il motivo per cui dobbiamo passare a un diverso insieme di regole.”

L’Australia ha inasprito le misure di prevenzione, prolungando il lockdown di Melbourne e dintorni fino a settembre. In questa cornice, la presenza di positivi senza rintracciare il contagio di origine è un problema. Arginare i focolai è infatti importante per evitare la diffusione ampia.

Casi strani e isolati anche in Francia

La questione dei casi di positività senza fonte certa rischia di diventare un fenomeno diffuso, più che circoscritto. Una storia simile a quella dell’Australia, infatti, arriva dalla Francia.

Nello specifico, in una regione di Tolosa, stanno emergendo decine di casi di positività tra ragazzi che non hanno avuto contatti certi con persone a loro volta positive.

Il fenomeno sta preoccupando e il responsabile locale incaricato alla Salute ha avvisato che:

“Questi casi isolati sono ripartiti su tutto il territorio, il che ci lascia pensare che il virus circoli a fari spenti. Ma è la conferma che lui, il virus, in vacanza non c’è andato”

Nel mirino delle autorità ci sono i tanti e non scovati asintomatici e il mancato rispetto delle misure di distanziamento soprattutto tra i più giovani.

Un problema aggiuntivo per la Francia, dove l’allarme seconda ondata coronavirus è ai massimi livelli.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories