Conoravirus in Europa, situazione nei vari Paesi: contagi e misure

Violetta Silvestri

14/03/2020

12/04/2021 - 18:01

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Coronavirus in Europa: cosa sta succedendo? Una panoramica della situazione nei proncipali Paesi europei per quanto riguarda misure adottate e numero di contagi.

Conoravirus in Europa, situazione nei vari Paesi: contagi e misure

Coronavirus in Europa: qual è la situazione nel nostro continente? I contagi sono ormai presenti in tutti i maggiori Paesi europei, con crescite rilevanti soprattutto in Francia, Germania, Spagna.

Per questo, i Governi degli Stati stanno adottando misure straordinarie per affrontare, e cercare di arginare, quella che ormai è una pandemia secondo l’OMS.

Con la consapevolezza che in un’emergenza così rapida, le cifre e le misure cambiano costantemente, i dettagli di seguito offrono un’istantanea dei vari Paesi sulla crisi coronavirus in Europa.

Coronavirus in Europa: dalle misure ai contagi, cosa sta succedendo?

Come era prevedibile, la diffusione del coronavirus non sta risparmiando i Paesi europei. Dopo l’esplosione dei contagi in Italia e l’acuirsi dell’epidemia sul nostro territorio nazionale, anche altri Stati del continente stanno affrontando in queste difficili ore una crisi in preoccupante evoluzione.

La Francia ha appena deciso di inasprire le misure di contenimento, mentre in Germania e in Spagna i contagi stanno aumentando in modo esponenziale.

Di seguito, un quadro della situazione coronavirus in Europa.

Francia

Situazione sanitaria: La Francia è alla seconda fase del suo piano d’azione, con l’attenzione focalizzata sull’individuazione dei casi e sul tentativo di fermare la diffusione del virus.

Il ministero della salute ha annunciato giovedì che le operazioni chirurgiche non essenziali sarebbero state ritardate, al fine di dare priorità alle persone che soffrono di coronavirus. Le persone che rientrano da cinque località colpite (Cina, Iran, regioni settentrionali italiane, Singapore e Corea del Sud) vengono messe in quarantena.

Trasporti e viaggi: il presidente Emmanuel Macron ha dichiarato che il trasporto pubblico non verrà chiuso. Air France ha sospeso i voli da e per l’Italia tra il 14 marzo e il 3 aprile.

Istruzione: chiusura di scuole, università e asili nido da lunedì 16 marzo fino a nuovo avviso.

Eventi: i raduni di oltre 1.000 persone sono stati banditi dall’8 marzo, ad eccezione di eventi considerati essenziali per la vita della nazione. La maratona di Parigi, partita di rugby Six Nations, concerti e una fiera del libro sono tra i principali eventi annullati. Le elezioni comunali di domenica 15 marzo si faranno. I campionati di Ligue 1 e Ligue 2 sono sospesi. Chiuso anche il Louvre e invito ai musei di limitare le attività.

Economia: il governo si è impegnato a proteggere le aziende permettendo loro di ritardare i pagamenti fiscali e sociali. Il ministro delle finanze ha sollecitato l’UE a concordare un piano di stimolo per evitare una recessione economica.

Altre misure: i prezzi dei disinfettanti per le mani sono controllati dalla legge e il Governo ha preso il controllo della produzione di maschere per il viso. Tutte le visite a strutture di assistenza residenziale per anziani e unità di assistenza a lungo termine sono sospese fino a nuovo avviso.

Contagi e decessi (al 12 marzo): 2.876 positivi, 61 morti

Germania

Situazione sanitaria: il governo tedesco ha intensificato i controlli alle frontiere da martedì 10 marzo. Se viene rilevato un caso sospetto di coronavirus, le autorità sanitarie locali decideranno se una quarantena è appropriata o meno.

Trasporti e viaggi: l’agenzia tedesca di monitoraggio e controllo delle malattie, il Robert Koch Institute, ha etichettato l’Italia, l’Iran, la Corea del Sud e la regione di Hubei in Cina come aree a rischio, consigliando ai tedeschi di evitare di recarsi in quelle regioni, se possibile.

Istruzione: scuole chiuse in tutte le Regioni fino al 20 aprile.

Eventi: gli stati di Baviera, Renania settentrionale-Vestfalia, Brema, Schleswig-Holstein, Assia e Berlino hanno cancellato eventi di oltre 1.000 persone, a seguito di una raccomandazione del governo federale. La Lega calcio tedesca ha fermato il campionato.

Economia: il Governo ha firmato un nuovo pacchetto finanziario che fornisce sostegno alle società tedesche. Ha anche allentato le regole sui contratti a breve termine per facilitare i datori di lavoro.

Altre misure: l’Ufficio federale tedesco per la protezione civile e l’assistenza in caso di catastrofe (BBK) ha reso nota una guida sulle scorte alimentari, che suggerisce quali alimenti accumulare e di tenere almeno 20 litri di liquidi a persona, preferibilmente in bottiglia. Il Paese consente anche ai camion di circolare sulle autostrade la domenica.

Contagi e decessi (al 12 marzo): 2.369 positivi, 6 morti

Spagna

Situazione sanitaria: Il ministro per l’uguaglianza Irene Montero è positivo e attualmente in quarantena insieme al suo partner, il vice primo ministro Pablo Iglesias. Carolina Darias, ministro della politica territoriale, è diventato il secondo membro del Gabinetto spagnolo a testare positivamente il coronavirus giovedì. Tutto il Governo è sottoposto al test.

Il parlamento spagnolo è stato chiuso e i 52 i parlamentari del partito Vox e i loro team si sono auto-isolati. I leader del partito Santiago Abascal è risultato positivo.

Trasporti e viaggi: tutti i voli da e per l’Italia sono cancellati fino al 25 marzo. Migliaia di viaggiatori sono stati bloccati negli aeroporti spagnoli poiché altri Paesi proibiscono i voli in partenza da Barcellona e Madrid. Il programma di viaggio per pensionati cofinanziato dal governo è stato cancellato per un mese.

Istruzione: tutti i governi regionali spagnoli hanno ordinato la chiusura di scuole e università.

Eventi: gli eventi con oltre un migliaio di partecipanti sono stati cancellati, incluso il Fallas Festival di Valencia, che non era stato cancellato nemmeno con la guerra civile spagnola. Tutti gli eventi sportivi si svolgono a porte chiuse. Il campionato di calcio spagnolo è sospeso e le squadre di calcio e basket del Real Madrid sono state messe in quarantena dopo che un giocatore è risultato positivo.

Gli esami di servizio civile sono rinviati a tempo indeterminato. Nonostante le pressioni di Madrid, il governo regionale dell’Andalusia si rifiuta di annullare le festività della Settimana Santa, alle quali ogni anno partecipano centinaia di migliaia di persone.

Economia: il Governo ha decretato che tutte le persone in auto-isolamento riceveranno prestazioni di congedo per malattia. Ha annunciato anche una serie di agevolazioni fiscali di 14 miliardi di euro. Inoltre, il Primo Ministro Sánchez ha promesso 3,8 miliardi di euro per potenziare l’assistenza sanitaria.

Altre misure: il Governo ha imposto lo stato di emergenza. I cittadini devono restare a casa e muoversi solo per necessità. I musei e gli archivi di Madrid saranno chiusi dal 12 marzo. Le visite coniugali nelle carceri situate nelle aree colpite sono state cancellate. La comunità musulmana spagnola ha annullato i servizi di preghiera collettiva fino a nuovo avviso.

Contagi e decessi (al 12 marzo): 3.004 positivi, 84 morti

Regno Unito

Situazione sanitaria: attualmente le persone con sintomi anche lievi sono incoraggiate a rimanere a casa per sette giorni. Quando ci sarà il picco, si prevede che agli anziani e ai vulnerabili venga chiesto di autoisolarsi per diverse settimane.

Trasporti e viaggi: agli inglesi sono sconsigliati tutti i viaggi verso la provincia di Hubei in Cina e tranne in casi di necessità, verso il resto della Cina continentale. Sono stati anche invitati a non andare nelle città di Daegu, Cheongdo e Gyeongsan in Corea del Sud. Il Governo ha anche sconsigliato gli spostamenti, tranne quelli essenziali, in Italia.

I viaggiatori che rientrano da aree colpite in Italia sono invitati ad autoisolarsi e chiamare il numero 111 di emergenza del SSN. Coloro che rientrano da una serie di altri Paesi dovrebbero autoisolarsi solo se sviluppano sintomi. Il Governo ha predisposto un hotel vicino all’aeroporto di Heathrow in modo che le persone possano autoisolarsi immediatamente, senza, però, poterle costringere.

Istruzione: le scuole chiudono solo quando un alunno o un membro del personale risultano positivi o se qualcuno della scuola ha avuto uno stretto contatto con un caso confermato. Due casi sono stati confermati all’Università di Oxford e uno alla Bournemouth University, ma le istituzioni rimangono aperte. Alle scuole è stato ordinato di annullare i viaggi all’estero.

Eventi: il Regno Unito non ha cancellato gli eventi sportivi, ma la Scozia sarebbe in procinto di vietarli, chiedendo anche che gli incontri di oltre 500 vengano cancellati dalla prossima settimana. Un certo numero di artisti musicali britannici hanno cancellato i concerti in tutto il mondo. Il Governo, in generale, ha cercato di non annullare gli eventi e persino la regina ha svolto le sue funzioni, sebbene senza stringere mani.

Economia: il cancelliere britannico Rishi Sunak ha predisposto un pacchetto da 12 miliardi di sterline per spese pubbliche e tagli fiscali al fine di mitigare l’impatto del coronavirus.

Altre misure: i colloqui sulla Brexit non si terranno più a Londra la prossima settimana e le due parti stanno attualmente cercando modi per continuare le discussioni, includendo le videoconferenze.

Contagi e decessi (al 12 marzo): 590 positivi, 10 morti

Olanda

Situazione sanitaria: giovedì il Governo ha ordinato alle persone di stare a casa e di evitare i contatti sociali se evidenziano sintomi da coronavirus. Ha inoltre invitato a favorire il lavoro da casa il più possibile. Lunedì il governo ha chiesto anche di astenersi dalle strette di mano.

Trasporti e viaggi: il ministero degli esteri ha consigliato alle persone di non recarsi in Italia se non in caso di assoluta necessità. Le compagnie aeree olandesi KLM e Transavia hanno cancellato i voli da Amsterdam verso l’Italia.

Istruzione: le scuole primarie e secondarie rimarranno aperte. Alle università è stato chiesto di effettuare lezioni online per le classi da oltre 100 studenti.

Eventi: giovedì il Governo ha annunciato che saranno banditi tutti gli eventi con oltre 100 partecipanti. I luoghi visitati frequentemente da oltre 100 persone, inclusi musei e teatri, saranno chiuse.

Economia: la segretaria di Stato per gli affari economici Mona Keijzer ha dichiarato mercoledì che il Governo vuole aiutare gli imprenditori che si trovano in difficoltà finanziarie e che sarà garante per le piccole imprese che non sono più in grado di estinguere i propri debiti. Ha inoltre aperto una linea telefonica con gli imprenditori per domande relative al virus.

Contagi e decessi (al 12 marzo): 614 positivi, 5 morti

Austria

Situazione sanitaria: gli austriaci potranno tornare dall’Italia ma dovranno sottoporsi a due settimane di quarantena, ha detto il cancelliere Sebastian Kurz. Le visite in ospedale sono vietate nella maggior parte delle aree.

Trasporti e viaggi: nessuno può arrivare dal confine tra Italia e Austria senza un certificato sanitario. Il ministero degli esteri austriaco ha sconsigliato di recarsi in Italia. Il transito è consentito solo se non vengono effettuati scali, ad eccezione del traffico merci.

Istruzione: a partire dal 16 marzo fino a dopo Pasqua, gli studenti di età pari o superiore a 15 anni devono rimanere a casa e le lezioni si svolgeranno online. Da mercoledì 18 marzo, i minori di 14 anni avranno la possibilità di rimanere a casa ma le scuole rimarranno aperte. L’insegnamento nelle università è stato sospeso.

Eventi: sono vietati gli eventi all’aperto con oltre 500 partecipanti. Per eventi al chiuso, la soglia è 100. Eventi sportivi come partite di calcio possono svolgersi senza spettatori.

Altre misure: i teatri, i cinema e le sale per eventi saranno chiusi.

Contagi e decessi (al 12 marzo): 361 positivi, 1 morto

Argomenti

Iscriviti alla newsletter