Concorso scuola straordinario: ok al tampone (non per tutti) e nuova autocertificazione

Teresa Maddonni

12 Febbraio 2021 - 13:10

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Concorso scuola straordinario: il giorno della prova occorrerà presentare il referto del tampone negativo, ma solo in alcune zone. Necessaria anche l’autocertificazione. Le nuove regole del Miur.

Concorso scuola straordinario: ok al tampone (non per tutti) e nuova autocertificazione

Concorso scuola straordinario: riparte lunedì 15 febbraio 2021 dopo mesi di sospensione e intanto i candidati dovranno presentarsi con tampone negativo, ma non tutti. Sarà anche necessaria una nuova autocertificazione che illustreremo di seguito.

Le indicazioni sul concorso scuola straordinario le fornisce il Miur in una nota dell’11 febbraio a firma del Capo di Dipartimento Marco Bruschi.

La nota del Miur segue il protocollo per i concorsi pubblici validato dal Cts che stabilisce per tutti i candidati la necessità di presentare all’atto di ingresso alla prova il referto del tampone negativo fatto entro le 48 ore precedenti.

Il Miur tuttavia stabilisce che tale regola non sia valida per tutti, nonostante USR delle Marche e delle Province autonome di Trento e Bolzano si siano già espressi diversamente, ma solo per coloro che provengono da zone rosse.

Vediamo nel dettaglio chi dovrà presentare il tampone negativo, e anche l’autocertificazione, il giorno della prova del concorso scuola straordinario.

Concorso scuola straordinario: sì a tampone negativo

La nota del Miur dell’11 febbraio chiarisce che per il concorso scuola straordinario che si terrà, secondo il calendario, dal 15 al 19 febbraio 2021, i candidati dovranno presentare tampone negativo, ma solo coloro che si spostano dalle zone rosse verso altra sede o nella stessa. Si legge nella nota:

“Ai fini del contenimento massimo delle situazioni di rischio, in attesa di fornire eventuali ulteriori indicazioni, si prevede la necessità precauzionale, per i candidati che si spostino dalle aree classificate a livello di rischio alto di cui all’articolo 3 del DPCM del 14 gennaio 2021 (c.d. zone rosse) verso altra sede concorsuale o che ivi svolgano le prove, di presentare all’atto dell’ingresso nell’area concorsuale un referto relativo ad un test antigenico rapido o molecolare, effettuato mediante tampone oro/rino-faringeo presso una struttura pubblica o privata accreditata/autorizzata in data non antecedente a 48 ore dalla data di svolgimento delle prove.”

Il parere del Cts in merito inoltre evidenzia che vi è la necessità di limitare in ogni caso gli spostamenti tra regioni classificate a livello di rischio alto, quindi le cosiddette zone rosse. Pertanto lo stesso Cts ha evidenziato la necessità di rivedere il calendario delle prove. Per il Cts per il concorso scuola straordinario le sedi nelle zone rosse possono essere mantenute fatto salvo la necessità di ricollocare coloro che provengono da altra zona in una nuova sede.

In merito ancora non sembra vi siano indicazioni dal Miur, il che potrebbe essere un problema per i candidati che devono spostarsi in altra regione per sostenere le prove lunedì 15 febbraio.

D’altronde i nuovi colori delle regioni per la prossima settimana, quando si svolgerà il concorso scuola straordinario, verranno rese note oggi.

L’auspicio è che il Miur dia indicazioni ulteriori al più presto. I docenti che devono partecipare al concorso scuola straordinario possono contattare l’Ufficio scolastico regionale di pertinenza per maggiori indicazioni su tampone negativo e sedi delle prove del concorso scuola straordinario, oppure più agevolmente consultare il sito istituzionale di riferimento.

Concorso scuola straordinario: autocertificazione

Non solo il tampone negativo per il concorso scuola straordinario perché servirà anche l’autocertificazione necessaria per accedere alle sedi previste.

L’autocertificazione, che alleghiamo di seguito scaricabile e compilabile, deve essere presentata, stando a quanto si legge nella nota del Miur dell’11 febbraio, dai candidati che devono attestare la non provenienza da una zona rossa. Leggendo l’autocertificazione si evince tuttavia che siano tenuti a presentarla anche i candidati che provengono da zona rossa e che hanno effettuato il tampone.

Ricordiamo anche, come da protocollo sui concorsi pubblici, che i candidati:

  • non devono presentare temperatura superiore ai 37,5 °C o altri sintomi influenzali;
  • non devono essere stati sottoposti a quarantena o isolamento domiciliare;
  • devono indossare la mascherina chirurgica sempre prima della prova, durante e all’uscita della sede concorsuale fermo restando l’obbligo dell’uso della mascherina vigente ovunque sul territorio nazionale.
Autocertificazione
Autocertificazione da presentare per lo svolgimento del concorso scuola straordinario.

Argomenti

# Scuola
# MIUR

Iscriviti alla newsletter

Money Stories