Comunione dei beni: come funziona ed effetti su debiti e conto corrente

Isabella Policarpio

3 Maggio 2021 - 12:48

condividi

La comunione dei beni come regime patrimoniale dopo il matrimonio: come funziona e cosa dice il Codice civile? Pro e contro su debiti, beni immobili e mobili e che succede in caso di divorzio e separazione.

Comunione dei beni: come funziona ed effetti su debiti e conto corrente

La comunione dei beni è il regime patrimoniale che si applica automaticamente dopo il matrimonio, a partire dalla Riforma della famiglia del 1975.

Come funziona e che effetti produce sul patrimonio della coppia dopo il divorzio e la separazione? È il Codice civile a stabilirlo in numerosi articoli, in cui è descritto cosa avviene in caso di debiti contratti dall’altro coniuge e divisione del patrimonio dopo separazione o divorzio.

Ecco cosa comporta la comunione dei beni, quando parte, quali beni ne sono esclusi e come cambia la gestione del conto corrente familiare.

Cosa vuol dire comunione dei beni nel Codice civile

La comunione legale dei beni è il regime patrimoniale che si applica dopo il matrimonio, civile o in chiesa, in maniera automatica, a meno che i coniugi non optino espressamente per la separazione dei beni. Gli effetti della comunione sul patrimonio dei coniugi sono disciplinati all’articolo 177 e seguenti del Codice civile.

Il regime di comunione legale non va confuso con la comunione universale che, al contrario, comprende tutti i beni del coniuge, anche quelli acquistati prima del matrimonio. La comunione dei beni, invece, ha come effetto la titolarità di entrambi sui beni mobili, immobili e il denaro successivi alla celebrazione delle nozze.

Marito e moglie, se lo desiderano, possono cambiare regime patrimoniale anche dopo il matrimonio, rivolgendosi al notaio e chiedendo di passare alla separazione dei beni.

Ai sensi dell’articolo 177 del Codice civile, fanno parte della comunione dei beni:

  • gli acquisti compiuti dai due coniugi insieme o separatamente durante il matrimonio, ad esclusione di quelli relativi ai beni personali;
  • i frutti dei beni propri di ciascuno dei coniugi, percepiti e non consumati allo scioglimento della comunione;
  • i proventi dell’attività separata di ciascuno dei coniugi se, allo scioglimento della comunione, non siano stati consumati;
  • le aziende gestite da entrambi i coniugi e costituite dopo il matrimonio.

    Per quanto riguarda le aziende appartenenti ad uno dei coniugi anteriormente al matrimonio ma gestite da entrambi, la comunione concerne solo gli utili e gli incrementi.

Cosa non fa parte della comunione dei beni

L’elenco completo dei beni esclusi dalla comunione dei beni è previsto all’articolo 179 del Codice civile. Nello specifico si tratta di:

  • beni di proprietà di ciascun coniuge prima del matrimonio o sui cui il coniuge ha un diritto reale di godimento. Rientrano in questa categoria i beni che marito e moglie possedevano ancor prima di sposarsi o che hanno acquistato senza il sacrificio comune;
  • beni ricevuti in donazione o successione - anche dopo il matrimonio - quando il donante o il de cuius nel testamento non specificano che il bene può confluire nella comunione;
  • beni strettamente personali e altri accessori (orologio da polso, collane e così via);
  • beni funzionali all’esercizio della professione del coniuge (a meno che non siano beni destinati all’azienda in comunione tra i coniugi);
  • beni e somme di denaro ottenuti a titolo di risarcimento dei danno e allo stesso modo la pensione percepita per perdita totale o parziale della capacità lavorativa;
  • tutti i beni acquistati con i proventi della vendita dei beni sopra elencati (se dichiarato in modo espresso nell’atto di acquisto).

    Tutti i beni non compresi in questo elenco vanno a costituire la comunione tra i coniugi, a meno che non siano strettamente personali, come ad esempio le strumentazioni di lavoro.

Come si dividono i beni in caso di divorzio e separazione

La sentenza di separazione o divorzio ha l’effetto di sciogliere la comunione dei beni. A questo punto ciascuno dei coniugi avrà il diritto di pretendere la divisione dei beni al 50%, sia delle passività che delle attività. I beni che non possono essere divisi saranno venduti e il ricavato distribuito ai coniugi in parti uguali, salvo diverso accordo tra marito e moglie.

Per quanto riguarda la casa familiare, invece, l’attribuzione all’uno o all’altro coniuge non dipende dal regime patrimoniale scelto né da chi ne sia l’effettivo proprietario ma dalla presenza di figli non economicamente autosufficienti o disabili. In presenza di figli, infatti, la legge attribuisce l’immobile al genitore affidatario mentre se l’affido è congiunto il giudice dovrà decidere caso per caso a chi attribuire l’immobile.

Se mancano i figli l’attribuzione della casa è più incerta, tuttavia, la Giurisprudenza è concorde nell’escludere che l’immobile venga attribuito a chi non era il legittimo proprietario.

Debiti del coniuge in comunione dei beni

Si tende a pensare che in costanza di comunione dei beni i coniugi siano sempre responsabili in solido dei debiti contratti da uno soltanto dei due. Ciò è vero soltanto in parte. La legge, infatti, vuole tutelare il coniuge che non è direttamente responsabile dei debiti “personali” dell’altro.

Quindi, se i debiti sono stati contratti nell’interesse della famiglia, marito e moglie sono entrambi obbligatori a pagare, mentre se sono prettamente personali risponderà soltanto il coniuge responsabile con i suoi beni personali e, se questi non fossero sufficienti a coprire l’intera somma, con i beni della comunione per la metà del credito.

Si considerano “debiti personali”, esclusi dalla responsabilità comune tra i coniugi, quelli riportati di seguito:

  • i debiti contratti prima del matrimonio dal singolo coniuge;
  • i debiti contratti dopo il matrimonio per motivi esclusivamente personali
  • i debiti per l’acquisto di beni che non ha alcuna utilità per la famiglia (ad esempio strumentazioni per il lavoro)
  • i debiti per i quali ha compiuto un atto di straordinaria amministrazione senza il consenso dell’altro coniuge

Effetti della comunione sul conto corrente dei coniugi

Che succede al conto corrente bancario personale e cointestato se i coniugi sono in comunione dei beni?

Se i coniugi decidono di avere un conto corrente cointestato entrambi potranno eseguire operazioni di ordinaria amministrazione senza il consenso dell’altro (ad esempio versamenti e prelievi); per gli atti di straordinaria amministrazione, invece, serve la firma di entrambi (ad esempio accendere un mutuo).

Il denaro versato sul conto corrente, in caso di divorzio o separazione, spetterà ad entrambi in misura del 50%.

Per quanto riguarda il denaro depositato nel conto corrente personale (non intestato ad entrambi i coniugi), questo appartiene esclusivamente al coniuge intestatario in costanza di matrimonio mentre, in caso di separazione e divorzio, la somma andrà divisa a metà. Prima di tale momento il coniuge non intestatario non vanta alcun diritto sul denaro depositato sul conto corrente.

Differenze con separazione dei beni (vantaggi e svantaggi)

Rispetto alla separazione dei beni le differenze sono molteplici. La comunione ha l’effetto di creare un patrimonio comune del quale, in linea di massima, sono entrambi beneficiari e responsabili allo stesso modo (eccetto i debiti personali e i beni dell’articolo 179).

Con la separazione, invece, ciascuno mantiene la titolarità esclusiva sui propri beni e sulle somme di denaro guadagnate, con l’effetto di:

  • dividere in maniera chiara beni mobili, immobili e conti correnti di ciascuno;
  • ridurre i contenziosi in caso di divorzio e separazione e conservare la titolarità esclusiva sui propri averi.

Quindi, in costanza di comunione dei beni, entrambi i coniugi hanno diritto ad amministrare le risorse familiari con l’obbligo, però, di coinvolgere l’altro per gli atti di straordinaria amministrazione, mentre nella separazione dei beni non serve il consenso/autorizzazione.

Spesso la separazione dei beni è preferita da chi ha dei debiti o teme di contrarli per salvaguardare il coniuge e il patrimonio familiare oppure da chi vuole beneficiare del bonus prima casa (nel caso sia stato richiesto soltanto da un coniuge). Tuttavia la scelta del regime patrimoniale dopo il matrimonio non è irreversibile e si può cambiare in ogni momento stipulando un atto pubblico dal notaio.

Come si scioglie la comunione dei beni?

Come e quando si sceglie la comunione dei beni tra i coniugi è previsto dall’articolo 191 del Codice civile:

  • morte di uno dei coniugi;
  • sentenza di divorzio;
  • dichiarazione di assenza o morte presunta di uno dei coniugi;
  • annullamento del matrimonio;
  • separazione legale dei coniugi;
  • fallimento di uno dei coniugi;
  • separazione giudiziale dei beni;
  • convenzione tra i coniugi.

Con il riguardo al momento, la legge dispone che:

“la comunione tra i coniugi si scioglie nel momento in cui il Presidente del Tribunale autorizza i coniugi a vivere separati, ovvero alla data di sottoscrizione del processo verbale di separazione consensuale dei coniugi dinanzi al Presidente, purché omologato.”

Argomenti

Nessun commento

Gentile utente,
per poter partecipare alla discussione devi essere abbonato a Money.it.

Iscriviti a Money.it

SONDAGGIO