Chi è il “de cuius”?

Chi è il “de cuius”? Cosa significa? Definizione e spiegazione della locuzione latina utilizzata in ambito di successioni.

Chi è il “de cuius”?

Chi è il “de cuius”? Cosa significa ed in che ambito di utilizza?

Bene, se hai avuto a che fare con eredità e successioni, ti sarà senza dubbio capitato di incontrare la locuzione “de cuius”. Dunque, di chi si tratta?

Precisiamo subito che, come molto spesso accade nel mondo giuridico, notai, avvocati e magistrati, fanno largo uso di termini e locuzioni latine per indicare fattispecie determinate. Ebbene, il termine “de cuius” viene utilizzato nell’ambito delle successioni mortis causa.

Infatti, i giuristi preferiscono avvalersi della locuzione “de cuius” anziché utilizzare il termine “il morto” o “il defunto”. “De cuius”, difatti, significa letteralmente “colui della cui eredità si tratta”.

Chi è il “de cuius”? La definizione

Nel mondo del diritto le espressioni latine sono molto utilizzate, sia per indicare modi di dire sia categorie di soggetti determinati (si pensi al «giudice a latere» o alla particella «ex»d’avanti agli articoli di legge).

Come abbiamo anticipato, il “de cuius” è la locuzione di origine latina che viene utilizzata quando si parla di successione per causa di morte. Dunque, i giuristi preferiscono non utilizzare il termine “defunto” per indicare il proprietario dei beni oggetto dell’eredità, e lo sostituiscono con la locuzione “de cuius”.

Infatti, “de cuius” non è altro che l’abbreviazione di “de cuius hereditate agitur”, ovvero “colui della cui eredità si tratta”.

Può accadere che notai, avvocati e magistrati preferiscano avvalersi del termine “ereditando” (colui da cui si eredita); a questo punto non bisogna fare confusione perché “ereditando” e “de cuius” indicano la stessa cosa, in parole semplici il defunto.

“De cuius”, quando si utilizza?

Come abbiamo anticipato, la locuzione “de cuius” è utilizzata in ambito di successioni mortis causa (anche qui i giuristi preferiscono il corrispondente latino di successione a causa di morte). La successione è l’istituto giuridico con il quale più soggetti, spesso uniti da un legale di parentela, subentrano nella titolarità di un patrimonio o di singoli diritti patrimoniali del titolare precedente, ovvero il de cuius, alla morte di quest’ultimo.

La successione mortis causa riguarda sia il patrimonio del defunto che i singoli diritti che lo compongono (la proprietà, l’uso, l’usufrutto, l’enfiteusi, la superficie, l’abitazione).

La successione a causa di morte può essere:

  • successione legittima, quando i diritti e i beni del defunto si trasferiscono agli eredi indicati dalla legge e sulla base di quote determinate dal Codice Civile, poiché manca un atto testamentario;
  • successione testamentaria quando i diritti e i beni del defunto vengono trasferiti agli eredi sulla base della volontà del de cuius, espressa nel testamento.

Iscriviti alla newsletter Lavoro e Diritti per ricevere le news su Eredità

Argomenti:

Eredità

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.