Come leggere i dati sull’inflazione Usa in rallentamento

Violetta Silvestri

12 Gennaio 2023 - 15:30

condividi

L’inflazione Usa di dicembre non ha deluso le attese e ha confermato il rallentamento: come interpretare i numeri ottimistici secondo gli attenti calcoli della Fed? I rialzi tassi non sono finiti.

Come leggere i dati sull'inflazione Usa in rallentamento

L’inflazione annuale degli Stati Uniti è scesa a dicembre al livello più basso in più di un anno, un ulteriore segno che le pressioni sui prezzi potrebbero aver raggiunto il picco nel mezzo della storica campagna della Federal Reserve per inasprire la politica monetaria.

L’indice dei prezzi al consumo, pubblicato mercoledì dal Bureau of Labor Statistics , è diminuito per il sesto mese consecutivo, registrando un aumento annuo del 6,5%. Sebbene sia ancora vicino al massimo pluridecennale, questo è stato il livello più basso dall’ottobre 2021 e rappresenta un notevole calo rispetto al 9,1% raggiunto a giugno. Rispetto al mese precedente, i prezzi sono scesi dello 0,1%.

La misura «core» seguita da vicino, che esclude i prezzi volatili di cibo ed energia ed è considerata il miglior indicatore per la traiettoria dell’inflazione , è aumentata dello 0,3% rispetto al mese precedente, traducendosi in un ritmo annuo del 5,7%.

Tutto questo basterà alla Fed per rallentare in modo profondo il rialzo dei tassi?

La Fed è pronta a cambiare passo dopo i dati sull’inflazione?

I funzionari della Fed stanno monitorando da vicino gli ultimi dati sull’inflazione. Dopo essere già scesa a un aumento del tasso di mezzo punto il mese scorso - dopo quattro aumenti consecutivi di 0,75 punti percentuali - la banca centrale sta ora valutando se può tornare a una velocità più normale di un quarto di punto alla sua prossima riunione politica (31 gennaio - 1 febbraio).

A dicembre, la Federal Reserve ha deciso di rallentare il ritmo degli aumenti dei tassi dopo che li aveva già spinti in modo significativo in un breve periodo di tempo.

La decisione ha seguito una serie di dati sull’inflazione migliori del previsto che hanno suggerito che la domanda dei consumatori stava iniziando a diminuire in modo più evidente. Ciò si è verificato insieme a un allentamento dei nodi della catena di approvvigionamento, contribuendo a far scendere i prezzi dell’energia e degli articoli di uso quotidiano come automobili, elettrodomestici e abbigliamento.

Stesso andamento si è palesato con i dati pubblicati il 12 gennaio. Tuttavia, la Fed sta prestando molta attenzione all’inflazione dei servizi, una volta esclusi i costi relativi a energia, cibo e alloggio, che secondo i funzionari sono strettamente legati al mercato del lavoro e agli aumenti salariali.

Mentre è iniziata la disinflazione dei beni, i prezzi dei servizi rimangono solidi, sostenuti da affitti vischiosi. Anche escludendo gli affitti, l’inflazione dei servizi è stabile, riflettendo una crescita salariale ancora forte.

Il tasso di disoccupazione si aggira ancora intorno ai minimi storici. La preoccupazione è che le pressioni sui prezzi legate ai servizi saranno difficili da sradicare e richiederanno un periodo di crescita molto bassa e disoccupazione più elevata.

Nessun commento

Gentile utente,
per poter partecipare alla discussione devi essere abbonato a Money.it.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

SONDAGGIO