La Cina vota contro il risarcimento all’Ucraina alle Nazioni Unite, segnando un cambiamento nella diplomazia

Lorenzo Bagnato

15 Novembre 2022 - 18:15

condividi

A differenza di altre risoluzioni dell’Assemblea Generale, questa volta la Cina non si è astenuta e ha votato contro. Questo segna un importante cambiamento nella politica estera cinese.

La Cina vota contro il risarcimento all'Ucraina alle Nazioni Unite, segnando un cambiamento nella diplomazia

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il leader cinese Xi Jinping si sono incontrati oggi a Bali, in Indonesia, in vista del vertice del G20. Si sono stretti la mano in modo amichevole, ma un recente sviluppo diplomatico potrebbe compromettere le relazioni tra le due potenze.

Lunedì, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha votato una risoluzione sulla responsabilità della Russia per l’invasione dell’Ucraina. Il testo, pubblicato da Associated Press la scorsa settimana, include anche un meccanismo per i risarcimenti di guerra all’Ucraina.

La Cina, che finora non ha mai né condannato né sostenuto l’invasione russa dell’Ucraina, ha votato contro questa risoluzione. Questo segna un cambiamento nella politica estera cinese, che si allontana dalla calma ambiguità mostrata finora.

In ogni caso, la delibera stessa è stata approvata a stragrande maggioranza. Solo altri 11 paesi hanno votato contro, tra cui la Corea del Nord, l’Iran e, ovviamente, la Russia.

Nell’ultima risoluzione delle Nazioni Unite, sull’illegalità dell’annessione russa dei territori occupati, la Cina si è astenuta. Lo stesso è accaduto lo scorso marzo nella risoluzione sulla responsabilità russa per la crisi umanitaria.

L’unica altra volta in cui la Cina ha votato contro una risoluzione simile è stato il 7 aprile. Riguardava l’appartenenza della Russia all’Human Rights Watch e, anche se fosse stato approvato, ha visto il maggior numero di voti contrari (24).

Questa mossa mostra che, nonostante qualsiasi accordo verbale preso tra Biden e Xi al G20, la Cina non è un alleato dell’occidente. Al contrario, sembra sempre più che la Cina diventerà un alleato russo “ufficiale”. E con i timori occidentali che la Cina possa invadere Taiwan, la guerra in Ucraina diventa sempre più centrale sulla scacchiera geopolitica.

Cosa diceva la risoluzione

Come ogni altra risoluzione sull’Ucraina finora proposta all’Assemblea generale delle Nazioni Unite, questa ritiene la Russia responsabile del conflitto. Proposta da Canada, Guatemala, Paesi Bassi e Ucraina, la risoluzione riconosce la «sovranità, indipendenza, unità e integrità territoriale» dello Stato ucraino. Richiede inoltre la cessazione immediata delle forze russe sul suolo ucraino.

Ancora più importante, tuttavia, la risoluzione riconosce la necessità di un meccanismo di risarcimento di guerra all’Ucraina. Il danno causato dalla guerra è immenso, vicino a 350 miliardi di dollari in un recente rapporto della Banca Mondiale.

Tali danni, derivanti dagli «atti illeciti» della Russia, dovrebbero essere risarciti dopo la stesura di un registro internazionale.

Essendo una risoluzione dell’Assemblea Generale, la Russia non può usare il suo potere di veto. Tale prerogativa è riservata alle decisioni del Consiglio di sicurezza, non all’Assemblea generale. Allo stesso tempo, tuttavia, tali risoluzioni non hanno valore giuridicamente vincolante e servono solo a mostrare l’opinione globale su una questione.

E la Cina, oggi, ha chiarito la sua posizione.

Articolo pubblicato su Money.it edizione internazionale il 2022-11-14 20:19:19. Titolo originale: China votes against Reparations to Ukraine at the UN, marking change in Diplomacy

Argomenti

# Russia
# Guerra

Iscriviti a Money.it