Borsa Italiana: i 10 titoli da monitorare in settimana (dal 29 marzo al 4 aprile)

Ufficio Studi Money.it

29 Marzo 2021 - 04:58

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Dall’analisi sul FTSEMib40 alla valutazione settoriale attraverso i dieci titoli sotto la lente da seguire nelle prossime sedute tra cui: A2a, Poste Italiane, Tamburi & Partners e La Doria.

Borsa Italiana: i 10 titoli da monitorare in settimana (dal 29 marzo al 4 aprile)

L’indice FTSEMib40 chiude la settimana di Borsa a 24.393,26 punti con una performance di periodo del +0,80%. La seduta di venerdì sembra intenzionata a mettere le basi per una ripartenza rialzista, ma il segnale appare ancora poco deciso. Si attende quindi un breakout in allungo del massimo della barra del 18 marzo 2021, per definire con chiarezza il trend.

Tra le performance settoriali del Dow Jones Italia in evidenza sul mercato durante la scorsa settimana: le utility con una crescita del +4,68% e i tecnologici con un rialzo del +3,53%. Molti i segni negativi: in pesante calo il comparto delle telecomunicazioni che lascia sul terreno il 6,11%, seguito dai viaggi e tempo libero, con un -5,72% e le costruzioni e materiali edili con una flessione del 5,35%.

Tra i settori europei dello Stoxx sotto i riflettori e tra le preferenze degli operatori del mercato: i tecnologici con una salita del +4,81% e il chimico con un rialzo del +2,35%. Segni in rosso per diversi comparti, ma nessuna flessione pesante e degna di nota.

FTSEMib40: il quadro tecnico di breve periodo

L’indice FTSEMib40 sembra riprendere la forza per impostare la salita. La seduta di venerdì a range ristretto, non appare molto convinta, ma l’apertura in gap up fornisce un segnale di risalita. Resta fondamentale la violazione del massimo della barra del 18 marzo 2021 a quota 24.459 punti e della resistenza in area 24.600. In caso di breakout il primo obiettivo long sarebbe la zona dei 25.000 punti. Un cambio di direzione ribassista sarebbe plausibile solo sotto la trendline di medio periodo e il supporto a 23.620 punti.

Ad oggi il prezzo si trova ampiamente sopra la EMA(21) e sopra la SMA(200), media mobile di lungo termine. Il livello del Supertrend è positivo ed ha formato un pavimento in area 23.487,26 punti. L’RSI(14) invece sfiora il limite di ipercomprato a quota 67,56, mentre la volatilità, rappresentata dall’ATR(14), prosegue il calo avviato dall’8 marzo 2021.

Il Directional Movement, DMI(14), indicatore direzionale, riapre di poco la convergenza nelle ultime sedute di mercato, dopo il restringimento di inizio settimana. L’ADX(14), invece resta tendenzialmente ancora piatto e non indica ancora la presenza di una direzionalità.

Uno scenario long sarebbe plausibile solo sopra la resistenza statica a quota 24.600 punti con un entry in area 24.710. Uno stop loss si potrebbe posizionare in zona 23.900 Il primo target si potrebbe collocare a 25.500, mentre il secondo target a 26.000.

Una posizione short si potrebbe posizionare alla rottura del supporto statico a quota 23.620 con un entry in area 23.510 punti. Uno stop loss si potrebbe inserire a 24.120 punti. Il primo target si potrebbe collocare a quota 23.000 ed un secondo target in zona 22.600.

I 10 titoli azionari sotto la lente a Piazza Affari

Tra i titoli del FTSEMib40 da tenere monitorati questa settimana si valutano alcune strutture tecniche interessanti:

A2A allunga il movimento e rompe la resistenza statica in zona 1,53 euro. Adesso il prossimo obiettivo long si trova in area 1,60 euro. L’impostazione tecnica di breve appare positiva ed un cambio di scenario sarebbe possibile solo sotto quota 1,46 euro, con conseguente violazione della trendline di medio termine.

Poste Italiane si trova poco sopra la resistenza statica in area 10,50 euro. Il titolo sembra prendere fiato dopo la lunga corsa avviata dal 30 ottobre. E’ importante la violazione anche dei massimi della scorsa settimana per non incorrere in un falso breakout. Primo target long in area 11 euro. Cambio di veiw sotto i 10 euro.

Prysmian rompe a rialzo sia la trendline di breve periodo che la resistenza statica a quota 26,90 euro. Il titolo potrebbe allungare verso la zona dei 28 euro. Fondamentale è il mantenimento del livello attuale, per non vedere scivolare il prezzo nuovamente sotto la trendline di breve termine.

CNH Industrial indietreggia, ma poi sembra ritrovare le energie per una ripartenza. Il test del massimo a quota 13,4350 euro segnato il 18 marzo 2021 deciderà le sorti del titolo nel breve periodo. L’impostazione tecnica resta comunque rialzista. Solo la rottura di quota 12,60 euro, potrebbe condurre il titolo ad un ritracciamento.

IntesaSanpaolo rimbalza dopo le prese di beneficio avviate da quota 2,3540 euro e si riporta verso il test del massimo del 18 marzo 2021. Una rottura porterebbe il titolo alla prosecuzione del trend positivo e verso quota 2,40 euro.

Nel segmento MidCap e STAR di Borsa italiana sotto la lente si presenta invece: La Doria, Tamburi & Partners, Acea ed El.En. Nell’AIM Italia l’azione Digital Value.

Tamburi & Partners segna il nuovo massimo storico in chiusura di settimana a quota 7,64 euro. Il titolo, in corsa dal 30 ottobre 2020, continua la sua progressione. Prossimo obiettivo in area 8 euro, zona ancora inesplorata. Un cambio di scenario in ottica short sarebbe possibile solo alla violazione della trendline di medio periodo e del supporto a 7,10 euro.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories