Bonus sanificazione ambienti di lavoro: modifiche e novità con la Legge di Bilancio 2021

Rosaria Imparato

11 Gennaio 2021 - 13:50

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Bonus sanificazione ambienti di lavoro, la Legge di Bilancio 2021 ha apportato modifiche al credito d’imposta: va usato in compensazione tramite modello f24 o ceduto fino al 30 giugno 2021. I dettagli nel provvedimento dell’Agenzia delle Entrate dell’8 gennaio 2021.

Bonus sanificazione ambienti di lavoro: modifiche e novità con la Legge di Bilancio 2021

Bonus sanificazione ambienti di lavoro, novità in arrivo con la Legge di Bilancio 2021: la manovra è intervenuta sul provvedimento del credito d’imposta introducendo alcune modifiche.

I cambiamenti riguardano in particolare la data di utilizzo del credito di imposta in compensazione, tramite il modello F24, che è prevista entro il 30 giugno 2021 (invece del 31 dicembre 2021).

La stessa data va rispettata anche per la cessione del credito, quindi l’opzione va esercitata fino al 30 giugno 2021 anziché fino a fine anno.

Con il provvedimento dell’8 gennaio 2021 l’Agenzia delle Entrate apporta le modifiche della Legge di Bilancio alle istruzioni del modello di comunicazione, approvato con il precedente provvedimento del 10 luglio 2020: vediamo i dettagli.

Bonus sanificazione ambienti di lavoro: modifiche e novità con la Legge di Bilancio 2021

Alla luce delle novità della Legge di Bilancio 2021 sul bonus sanificazione per gli ambienti di lavoro, l’Agenzia delle Entrate ha emanato il provvedimento dell’8 gennaio.

Provvedimento AdE dell’8 gennaio 2021
Credito d’imposta per l’adeguamento degli ambienti di lavoro, di cui all’articolo 120 del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34. Modifiche al provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate prot. n. 259854 del 10 luglio 2020.

Tale provvedimento apporta modifiche alle precedenti istruzioni contenute nel documento del 10 luglio 2020, relativo alle modalità di fruizione del credito d’imposta per l’adeguamento degli ambienti di lavoro.

La Legge di Bilancio 2021 interviene su due ambiti in particolare:

  • il credito di imposta può essere usato in compensazione tramite modello F24 non più fino a fine anno, ma solo fino al 30 giugno 2021;
  • l’opzione della cessione del credito può essere effettuata fino al 30 giugno 2021 (e non più fino al 31 dicembre 2021).

La data da cerchiare in rosso, quindi, è il 30 giugno 2021: è la nuova scadenza sia per cedere (anche parzialmente) il credito del bonus sanificazione, sia per usarlo in compensazione.

Bonus sanificazione ambienti di lavoro: la Legge di Bilancio 2021 modifica le istruzioni

Con il provvedimento dell’8 gennaio 2021 l’Agenzia delle Entrate recepisce quindi le modifiche dettate dalla Legge di Bilancio 2021 e di conseguenza sono pronte anche le nuove istruzioni da seguire per la comunicazione all’Agenzia delle Entrate l’ammontare:

  • delle spese che danno diritto al credito adeguamento;
  • delle spese che danno diritto al credito sanificazione, per consentire di individuare la quota dello stesso effettivamente fruibile, in proporzione alle risorse disponibili.
COMUNICAZIONE DELLE SPESE PER L’ADEGUAMENTO DEGLI AMBIENTI DI LAVORO E/O PER LA SANIFICAZIONE E L’ACQUISTO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE
Clicca qui per scaricare il file.

Ricordiamo che il decreto Rilancio ha introdotto due tipi di credito d’imposta per la sanificazione:

  • uno pari al 60% delle spese sostenute nel 2020 fino a un massimo di 80.000 euro per l’adeguamento dei luoghi di lavoro (articolo 120);
  • uno pari al 60% delle spese sostenute nel 2020 fino a un massimo di 60.000 euro per la sanificazione degli ambienti e degli strumenti utilizzati, nonché per l’acquisto di dispositivi di protezione individuale.

Il bonus adeguamento degli ambienti di lavoro può essere utilizzato anche per le spese relative a software o computer necessari per lo smart working.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories