Niente bonus in busta paga né aumenti di stipendio: perché la strategia di Meloni contro il caro energia è fallimentare

Stefano Rizzuti

15 Novembre 2022 - 15:23

condividi

Bonus 150 euro non riconfermato, nessun nuovo aumento di stipendi e aiuti per tutti sulle bollette: perché il piano del governo Meloni contro il caro energia rischia di essere fallimentare.

Niente bonus in busta paga né aumenti di stipendio: perché la strategia di Meloni contro il caro energia è fallimentare

I bonus in busta paga non ci saranno più. Gli aumenti di stipendio più volte annunciati vengono rimandati almeno di un anno. E intanto l’unica cosa che resta contro il caro energia del governo Meloni, per il primo decreto e per la legge di Bilancio, sono gli aiuti in bolletta. Niente più che una conferma delle misure già esistenti.

Una conferma parziale, in realtà, considerando che i bonus per lavoratori e pensionati - sia quello da 200 che quello da 150 euro - non verranno rinnovati. Mentre la presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, ha voluto prorogare le misure sul fronte bollette a favore di aziende e famiglie ed è intenzionata a prorogare per tutto il 2023 anche il taglio del cuneo fiscale per i redditi sotto i 35mila euro. [...]

Contenuto riservato agli abbonati

Accedi ai contenuti riservati

Navighi con pubblicità ridotta

Ottieni sconti su prodotti e servizi

Disdici quando vuoi

Abbonati ora

A partire da € 2,99 a settimana

​ ​

Nessun commento

Gentile utente,
per poter partecipare alla discussione devi essere abbonato a Money.it.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.