Wall Street: i titoli caldi di mercoledì 7 novembre

I principali futures sugli indici azionari statunitensi proseguono in rialzo dopo le tanto attese elezioni di mid-term. Per l’operatività odierna L’ufficio studi di Money.it ha rilevato interessanti setup operativi su alcuni titoli del settore e-commerce, del lusso e farmaceutico

Wall Street: i titoli caldi di mercoledì 7 novembre

I principali futures sugli indici azionari statunitensi proseguono in rialzo a seguito dei risultati delle elezioni di mid-term. La struttura tecnica dei future sull’indice S&P 500 e del derivato sull’indice Dow 30 sono in netto miglioramento, meno il future sull’indice tecnologico Nasdaq 100.

In entrambi i futures sono stati violati i massimi della candela di inversione ribassista disegnata venerdì scorso, rispettivamente a 2.766,25 e 25.684 punti. In particolare per un operatività sul future dell’indice S&P 500 si potrebbero implementare strategie di natura long intraday in caso di ritracciamento nei pressi di area 2.760 punti, con la conferma di pattern dalle implicazioni rialziste.

Per un operatività di tipo breakout si potrebbe attendere la violazione dei massimi di seduta a 2.786,75 punti. In tal caso un primo obiettivo di profitto potrebbe essere identificato in area 2.800 punti, mentre un obiettivo di profitto più ambizioso a 2.824,25 punti.

Di seguito una lista dei titoli da monitorare nel corso della giornata selezionati dall’Ufficio studi di Money.it:

  • TripAdvisor: il titolo con la brillante seduta di ieri è riuscito a chiudere il gap lasciato aperto tra le sedute del primo e del 2 agosto, chiudendo a 57 dollari per azione. Nel medio periodo il titolo ha recentemente rimbalzato dai minimi di periodo a 43,40 dollari a seguito di tutta la fase di ritracciamento sviluppatasi a partire dai top registrati a fine luglio. Alla luce di una visione di più lungo periodo si potrebbe privilegiare un’operatività di tipo short a seguito del forte momentum rialzista ormai in atto dalla seconda decade di ottobre. In particolare, un ritorno sotto 56 dollari fornirebbe un segnale short che avrebbe come primo obiettivo la copertura del gap lasciato aperto nelle ultime sedute di ottobre, a 51 dollari per azione.
  • Ralph Lauren: il titolo del settore del lusso ha invertito bruscamente direzione nella seduta di ieri a contatto con la trendline di medio periodo che conta i massimi segnati nell’ultima seduta di luglio a 147,79 dollari e quelli successivi segnati tra l’ultimo giorno di settembre e il primo di ottobre in area 140 dollari. La chiusura di ieri si è attestata a quota 127,43 dollari, in prossimità del supporto di breve periodo ereditato dai minimi segnati nei primi giorni di agosto e sfiorando inoltre, con il minimo di seduta, il successivo supporto a 124 dollari. Per l’operatività odierna una rottura dei minimi a 124 dollari fornirebbero un primo segnale short con obiettivo di profitto posto a ridosso dei minimi segnati l’11 ottobre a 116,08 dollari.
  • Mylan Inc: il titolo del settore farmaceutico nella seduta di ieri, oltre ad aprire in forte gap up, si è attestato a 36 dollari per azione tornando ai valori registrati a inizio ottobre. Nel lungo periodo il trend rimane ribassista e il massimo di ieri registrato a 37,54 dollari si avvicina alla trendline di lungo periodo che conta i principali massimi segnati da inizio anno a 47,82 dollari e a 39,59 dollari segnato il 21 settembre. Quindi, per l’operatività della giornata odierna un ritorno delle quotazioni al di sotto di 35 dollari darebbe il via ad operazioni di natura ribassista con obiettivo 31,84 dollari livello al quale i corsi colmerebbero il gap lasciato aperto con la candela di lunedì scorso.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Wall Street

Condividi questo post:

Commenti:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.