Usa 2020, hanno già votato in 60 milioni: Biden meglio di Trump per uno studio

I dati elaborati dall’Us Election Project del voto anticipato per queste elezioni Usa 2020 parlerebbero chiaro: tra gli americani che già hanno espresso la propria preferenza, Joe Biden sarebbe nettamente in testa rispetto a Donald Trump.

Usa 2020, hanno già votato in 60 milioni: Biden meglio di Trump per uno studio

Elezioni Usa 2020: sono già 60 milioni gli americani che hanno espresso la loro preferenza, tra cui anche Donald Trump in Florida dove ha la residenza, con il voto anticipato che a causa del coronavirus mai era stato così gettonato.

Emblematico il caso della contea di Hays, in Texas, dove hanno già votato in 73.377 ovvero un numero superiore al totale del 2016. A quasi una settimana dal giorno delle elezioni, ci sarebbero buone notizie per Joe Biden.

Il candidato dei Democratici stando ai dati forniti dalla US Election Project del professore Michael McDonald dell’Università della Florida, con oltre il 20% degli aventi diritto che già ha votato per posta o di persona sarebbe nettamente in testa davanti a Trump.

Non si tratta ovviamente di dati reali, ma soltanto di una analisi fatta da McDonald visto che, in diciannove Stati, i registri sono pubblici e si possono trovare anche le affiliazioni politiche dei cittadini.

Usa 2020: il voto per posta sorride a Biden?

Stando a quanto diramato dalla US Election Project, che ha analizzato i dati riguardanti 25,7 milioni di elettori che già hanno votato, il 49,6% di questi sarebbero democratici contro il 27,5% invece repubblicani, mentre il 22,3% non ha indicato nessuna affiliazione politica.

Donald Trump sarebbe così al momento sette punti percentuale sotto a Joe Biden in Florida, uno degli Stati chiave insieme a Ohio e Oregon per l’esito finale di queste elezioni negli Stati Uniti così duramente segnate dall’emergenza coronavirus.

Questa elaborazione sarebbe in qualche modo in linea con i sondaggi che danno Biden in vantaggio sia a livello nazionale che, cosa molto importante guardando il sistema elettorale negli Usa, negli Stati tradizionalmente in bilico.

C’è da considerare però che Trump ha sempre attaccato il voto per posta, per molti sarebbe una sorta di tattica per non riconoscere una eventuale sconfitta, mentre il voto anticipato è stato sostenuto dai Democratici.

Il sentore è che Joe Biden sia il grande favorito di queste elezioni negli Usa, ma guai a dare per sconfitto Donald Trump: il colpo di coda del 2016 dovrebbe essere l’esempio lampante di come non si possa mai dare nulla per scontato quando di mezzo c’è il tycoon.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories