Una criptovaluta di Amazon in arrivo? Ecco come cambierebbe il mondo

Ipotesi su un probabile ingresso di Amazon nel mercato delle criptovalute si susseguono dalla fine dello scorso anno, ma l’azienda di Bezos si astiene da ogni commento. Eppure una criptovaluta di Amazon potrebbe arrivare da un momento all’altro, e rappresenterebbe un’enorme rivoluzione

Una criptovaluta di Amazon in arrivo? Ecco come cambierebbe il mondo

Una criptovaluta di Amazon non cambierebbe solo il volto del più grande rivenditore online del mondo. Cambierebbe il mondo. L’era dell’adozione di massa delle criptovalute arriverebbe in pochi minuti se Jeff Bezos annunciasse la nascita di un AmazonCoin o di una partnership con una piattaforma già esistente, come Stellar o Ripple. E, malgrado non sia ancora successo, va valutata la possibilità che accada da un momento all’altro.

Le voci che vedono Amazon fare presto un’incursione nel mercato delle criptovalute circolano dalla fine del 2017, e sono state innescate dall’acquisto di tre domini legati al mercato delle criptovalute che il dipartimento legale di Amazon ha fatto ad ottobre. La società ha infatti acquisito AmazonEthereum.com, AmazonCryptocurrency.com e AmazonCryptocurrencies.com.

L’azienda non ha mai fatto annunci riguardo quelle registrazioni e non ha mai rilasciato nessun commento in merito a un futuro ingresso nell’universo blockchain. Tuttavia la speculazione si è diffusa rapidamente nella comunità delle criptovalute, portando a ipotizzare le potenziali implicazioni di una simile mossa.

Cosa succederebbe se una forza dominante come Amazon dovesse entrare nel mercato della criptovaluta su larga scala e iniziare ad accettare le criptovalute come metodo di pagamento? Amazon ha una solida reputazione per aver fatto lavorare la sua massiccia armata di sviluppatori a progetti di sviluppo avanzato, e non sembra inverosimile l’ipotesi che la piattaforma provi persino a lanciare la propria soluzione blockchain.

Ma che tipo di impatto avrebbe l’accettazione della criptovaluta di Amazon o l’integrazione della sua blockchain sull’ecosistema già esistente? E quali conseguenze potrebbe avere sulla struttura attuale di Amazon?
Proviamo a fare delle ipotesi.

Una catena di fornitura Amazon basata sulla blockchain

La maggior parte del discorso che ruota attorno ad Amazon e alla blockchain si concentra sulla possibile nascita di una criptovaluta Amazon che consenta agli utenti di pagare beni e servizi in tutto il mondo. Certamente questo è un punto importante, ma trascura una delle applicazioni più dirompenti della tecnologia del ledger distribuito - ovvero l’ottimizzazione della catena di distribuzione.

Amazon gestisce infatti quello che è probabilmente il sistema di distribuzione più innovativo di sempre. Ci sono oltre 300 milioni di account Amazon in tutto il mondo, che consentono all’azienda di Bezos di dominare più del 43% delle vendite online. Portare oltre 12 milioni di prodotti diversi e spedirli in tutto il mondo richiede un approccio altamente ottimizzato alla gestione della catena di distribuzione.

Amazon non è estranea a soluzioni innovative nel valutare il funzionamento della propria catena. Nel 2016 ha presentato un brevetto per l’utilizzo di una flotta di droni che consegnano i prodotti ai clienti. Se Amazon sta lavorando seriamente a robot volanti che riescano a portare la merce, non desterebbe alcuna meraviglia il fatto che stia anche studiando soluzioni di blockchain per la gestione della catena di distribuzione.

La tecnologia del ledger distribuito non solo consente la creazione di valute digitali decentralizzate, ma funziona anche come un punto di svolta per l’industria della distribuzione. La blockchain può essere utilizzata per creare transazioni che registrano ogni fase del movimento di un’unità attraverso il ciclo di vita della catena di approvvigionamento, aumentando notevolmente la risoluzione della registrazione, del tracciamento e dell’adempimento degli ordini.

Tramite l’inclusione di un sistema di gestione basato sulla blockchain, Amazon potrebbe acquisire la capacità di documentare il percorso di un prodotto, migliorando notevolmente l’efficienza della gestione della catena di distribuzione.

Complessivamente, una catena di distribuzione Amazon basata sulla blockchain migliorerebbe notevolmente il servizio già eccellente offerto dalla piattaforma diminuendone anche le spese, e fornendo ai consumatori la merce in modo più rapido ed economico.

L’impatto sul mercato al dettaglio di una criptovaluta di Amazon

Data la propensione dell’azienda di Bezos per le soluzioni interne, è molto probabile che se la piattaforma dovesse integrare una soluzione di criptovaluta sarebbe basata su una blockchain di cui Amazon è proprietaria, e che funzionerà quindi come una criptovaluta propria di Amazon.

Una simile valuta sarebbe probabilmente spendibile per i molti servizi di Amazon, come Amazon Prime, Twitch e Audible. Questa è l’eventualità più probabile per una criptovaluta all’interno dell’ecosistema creato da Bezos, considerando che le criptovalute più popolari oggi sul mercato - bitcoin ed ethereum - restano molto lontane dalle 600 transazioni al secondo richieste da Amazon durante i periodi di picco delle vendite.

È indiscutibile il fatto che una criptovaluta di Amazon sia inevitabile, considerando che la piattaforma opera su quasi tutte le valute legali. Una crittografia Amazon standardizzata consentirebbe agli acquirenti di acquistare beni a un tasso internazionale standardizzato, eliminando la confusione e la volatilità portate dal cambio di valuta.

La possibilità di utilizzare un pagamento crittografato standard potrebbe anche eliminare la necessità di diversi siti Amazon specifici per ogni nazione. Amazon ha una comprovata esperienza nell’acquistare domini locali: nell’aprile del 2017 la piattaforma ha perso oltre 500 mila dollari per l’Amazon di proprietà svedese, quello che gli osservatori del mercato avevano interpretato come l’indicatore di un imminente sito svedese localizzato.

I metodi di pagamento basati su crittografia senza valuta potrebbero liberare Amazon dai requisiti specifici imposti da ogni Paese, rendendolo disponibile in nuove località a livello internazionale. Le migliaia di sviluppatori che lavorano per Amazon hanno di certo le competenze per sviluppare un sistema di pagamento basato su blockchain in grado di risolvere il problema della scalabilità.

Dato che “l’ossessione per il cliente” è uno dei principi fondamentali dell’azienda di Bezos, l’adozione di una criptovaluta come metodo di pagamento - che Amazon ne sia proprietario o meno - gli permetterebbe di soddisfare un enorme gruppo di utenti che chiede questo tipo di cambiamento. I clienti al dettaglio trarrebbero vantaggio da tariffe più basse, una maggiore sicurezza e il potenziale delle transazioni agevolate dal contratto intelligente. E, naturalmente, i fornitori potrebbero aspettarsi gli stessi benefici anche a vantaggio del loro versante.

Le implicazioni nel mercato delle criptovalute

L’impatto dell’adozione della crittografia di Amazon sul mercato delle criptovalute sembra chiaro. Il mercato sta infatti cominciando a riprendersi dopo un inizio 2018 difficile, e se arrivasse sulla scena un giocatore importante come Amazon le criptovalute potrebbero entrare immediatamente in un mercato rialzista e aprirsi a un pubblico globale.

Resta improbabile che l’azienda di Bezos introduca i bitcoin nelle opzioni di pagamento ora, anche se l’imminente aggiunta di Lightning Network potrebbe voler dire che il bitcon diventerà un metodo di pagamento praticabile per il mercato Amazon ad alta velocità e volume elevato.

Uno dei problemi principali con le criptovalute come Bitcoin ed Ethereum, al di fuori della volatilità e della velocità delle transazioni, è la conformità. La piattaforma blockchain di proprietà privata Ripple, tuttavia, potrebbe essere un’opzione praticabile per Amazon, vista la sua stretta relazione con istituzioni finanziarie consolidate. Stellar potrebbe invece rappresentare una scommessa esterna, vista la sua relazione con IBM (IBM Cloud e Amazon Web Services sono concorrenti in uno dei mercati più proficui del settore informatico).

Esistono già numerose soluzioni che consentono ai possessori di criptovaluta di acquistare carte regalo Amazon tramite la crittografia, quindi è possibile che Amazon consenta semplicemente transazioni di criptovaluta per eliminare questa soluzione a metà. La volatilità della criptovaluta potrebbe essere negata attraverso il maggior numero di metodi che possono consentire ad Amazon di convertire criptovalute in titoli azionari in pochi istanti.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Amazon

Condividi questo post:

Commenti:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.