Terremoto a Wall Street: Dow Jones crolla nel giorno peggiore dal 2020

Violetta Silvestri

23 Aprile 2022 - 12:18

condividi

Tonfo del Dow Jones negli scambi di venerdì a Wall Street: è stato il calo peggiore dal 2020 per l’indice, che ha perso quasi 1.000 punti. Cosa ha provocato il tonfo e cosa si aspettano i trader?

Terremoto a Wall Street: Dow Jones crolla nel giorno peggiore dal 2020

Effetto Federal Reserve sull’azionario Usa: gli indici statunitensi sono scesi drasticamente negli scambi di venerdì 22 aprile, subendo il più grande calo di un giorno dal 2020.

Gli investitori hanno continuato a valutare i commenti aggressivi sui tassi di interesse del giorno prima del presidente Fed, nonché una nuova serie di utili aziendali che hanno ampiamente deluso.

In una tavola rotonda tenuta giovedì dal Fondo monetario internazionale, Powell ha affermato che la banca deve muoversi più velocemente di quanto non abbia fatto in precedenza per affrontare l’inflazione elevata, il che suggerisce che nei prossimi mesi sono probabili forti aumenti dei tassi di interesse.

Il Dow Jones Industrial Average ha chiuso in ribasso di 981 punti, mentre l’S&P 500 è sceso del 2,8%. Il Nasdaq Composite ha perso il 2,6%. Il Dow ha avuto la sua giornata peggiore dal 28 ottobre 2020.

Crollo a Wall Street: cosa è successo?

La debolezza del mercato azionario Usa è ripresa venerdì 22 aprile dove il sell-off di giovedì si è interrotto, quando le azioni sono crollate dopo che Powell ha espresso il suo supporto per muoversi più velocemente sull’aumento dei tassi di interesse e raffreddare l’inflazione.

Le misure includerebbero un possibile aumento dei tassi di interesse di 50 punti base a maggio.

Intanto, il rendimento del titolo del Tesoro a 10 anni è salito al 2,9% negli ultimi giorni, il livello più alto da dicembre 2018.

I futures sui fondi federali sul CME indicano che il mercato sta ora valutando una probabilità di oltre il 90% di un aumento di tre quarti di punto percentuale alla riunione di giugno. Ciò porterebbe i tassi, che erano a zero solo due mesi fa, all’1,5%. I tassi non sono stati rialzati così drasticamente dal novembre 1994.

La Fed spera che interventi massicci mettano fine all’inflazione galoppante. Economisti e investitori temono che l’aumento dei tassi di interesse rallenterà il mercato immobiliare e la spesa dei consumatori, inaugurando una recessione.

Cosa si aspettano gli investitori?

Si intensificano le riflessioni degli esperti su cosa ci si deve aspettare sui mercati.

Secondo alcuni, il cambiamento aggressivo della Fed e l’incessante aumento dei rendimenti dei Treasury potrebbero indebolire il precedente fascino delle azioni, che erano state viste come l’unica strada praticabile per molti investitori in cerca di rendimento.

Brian Price, capo della gestione degli investimenti presso Commonwealth Financial Network, ha scritto in una nota:

“Questa è la seconda settimana consecutiva di deflussi significativi dai fondi comuni di investimento azionario ed è improbabile che giorni come oggi cambino il sentimento in futuro. L’unico aspetto positivo potrebbe essere che il sentimento è diventato troppo ribassista e potremmo assistere a un rally in controtendenza a un certo punto nelle prossime settimane.”

Alcuni esperti pensano che le preoccupazioni per la Fed che si spinge troppo oltre siano esagerate.

“I mercati sono molto a disagio per la crescente probabilità di un errore politico da parte della Federal Reserve”, ha affermato Jamie Cox, managing partner di Harris Financial Group, “La maggior parte degli investitori farebbe bene a ignorare le macchinazioni della follia dei prezzi e aspettare di vedere cosa succede effettivamente con i tassi.

Secondo Leo Grohowski, chief investment officer di BNY Mellon Wealth Management, “le preoccupazioni della Fed e gli utili deludenti sono una combinazione letale, dato il debole sentimento del mercato al momento.”

Gli investitori, infatti, stanno anche osservando gli sviluppi in Ucraina, anticipando ulteriori interruzioni della catena di approvvigionamento globale e la volatilità nei mercati.

“Sotto il peso della guerra, del rischio energetico e alimentare globale, i mercati azionari potrebbero iniziare a cedere, purtroppo in modo piuttosto spettacolare. È da tempo che diciamo che l’unico modo per proteggere il proprio portafoglio di investimenti è essere cauti sulle azioni e acquistare oro, petrolio e dollaro Usa”, ha affermato Clifford Bennett, capo economista di ACY Securities.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.