Tassi Fed, cosa succederà? Le previsioni delle grandi banche

Violetta Silvestri

19 Febbraio 2022 - 13:10

condividi

La Federal Reserve domina le speculazioni di mercato: di quanto aumenterà i tassi? Questa la domanda più diffusa tra analisti ed esperti. Le grandi banche del mondo lanciano le loro scommesse.

Tassi Fed, cosa succederà? Le previsioni delle grandi banche

A meno di un mese dalla riunione di marzo della Fed, le speculazioni sull’entità del rialzo dei tassi di interesse si moltiplicano.

Cosa sta per succedere sui mercati finanziari? Le mosse della banca centrale USA sono osservate speciali in tutto il mondo, visto che si prevedono ripercussioni a livello globali di costi di finanziamento più elevati.

Jerome Powell ha preannunciato la decisione, spinto da numeri sull’inflazione davvero elevati. I dati della scorsa settimana hanno mostrato che i prezzi al consumo negli Stati Uniti sono aumentati al ritmo più veloce dall’inizio degli anni ’80.

Le principali banche d’investimento si sono espresse sul prossimo rialzo dei tassi: a quanto ammonterà?

Di quanto aumenteranno i tassi Fed? La parola ai gruppi bancari

L’attuale Fed fund rate è 0-0,25%.

Mentre la banca centrale statunitense si prepara ad aumentare i tassi, le principali banche di investimento globali si sono espresse con le loro stime, riportate da Reuters.

JP Morgan: sette rialzi dei tassi di 25 punti base rispetto ai cinque precedenti, per un totale di 175 punti base di inasprimento quest’anno.

Morgan Stanley: sei aumenti di 25 punti base quest’anno. In precedenza aveva previsto un inasprimento di 125 pb tramite quattro rialzi di 25 pb più un deflusso equivalente ai fondi federali di 25 pb del bilancio della Fed.

UBS: inasprimento di 150 pb quest’anno tramite sei movimenti consecutivi di un quarto di punto da marzo a novembre. In precedenza aveva previsto aumenti di 25 punti base a marzo e giugno, quindi un “potenziale spostamento verso un ritmo di aumento ogni incontro”.

BNP Paribas: sei aumenti di 25 pb quest’anno a partire da marzo, con un conseguente inasprimento cumulativo di 150 pb.

Citi: inasprimento di 150 pb quest’anno, a partire da un movimento di 50 pb a marzo, seguito da incrementi di quattro punti a maggio, giugno, settembre e dicembre.

Credit Suisse: aumento cumulativo di 175 pb quest’anno, iniziando con un rialzo di 50 pb alla prossima riunione di marzo.

Goldman Sachs: sette aumenti consecutivi dei tassi di 25 punti base in ciascuna delle restanti riunioni del Federal Open Market Committee (FOMC) nel 2022 da una precedente aspettativa di cinque aumenti.

BofA Global Research: aumento dei tassi di 25 pb in ciascuno dei restanti sette incontri di quest’anno, invariato rispetto al suo precedente outlook. Tuttavia, ha affermato che esiste il rischio di un aumento di 50 punti base nella riunione di marzo.

Deutsche Bank:un aumento di 50 punti base a marzo più altri cinque aumenti di 25 punti base nel 2022, con un aumento sempre tranne nella riunione di novembre.

Barclays: la Fed alzerà i tassi di 25 pb cinque volte quest’anno, rispetto ai tre rialzi previsti in precedenza.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.