Tagli alle pensioni nella Spending review di Cottarelli?

Valentina Pennacchio

20 Marzo 2014 - 10:37

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Quali saranno i tagli alle pensioni nella spending review di Cottarelli? Nel mirino invalidità, accompagnamento, reversibilità e pensioni di guerra, ma non solo.

Tagli ai dipendenti pubblici, ai privilegi della politica, pensioni. Sono questi gli ingredienti principali della spending review di Carlo Cottarelli, il quale auspica un risparmio di 5 miliardi in 8 mesi se si partisse da maggio.

La sforbiciata prevista da Cottarelli servirà in primis a finanziare il taglio del cuneo fiscale e reperire i famosi 80 euro in più sullo stipendio a partire da maggio.

Cottarelli ha spiegato che il capitolo pensioni è legato a scelte politiche e ha presentato gli aspetti principali su cui vorrebbe intervenire, vediamoli in dettaglio.

Spending review e pensioni

In che modo la spending review agirebbe sulle pensioni? Si ipotizza:

  • un innalzamento dell’età contributiva delle donne da 41 a 42 anni, che farebbe ricavare un risparmio di circa un miliardo a regime (200 milioni solo quest’anno);
  • un blocco dell’indicizzazione delle pensioni dal prossimo anno;
  • un giro di vite sugli assegni di guerra, per cui lo Stato spende 1,5 miliardi, e su quelli di reversibilità, su cui potrebbero essere introdotte delle fasce di reddito;
  • una stretta anche sulle pensioni di invalidità e accompagnamento, che potrebbero essere negate oltre una certa soglia di reddito:
    - 30.000 euro individuali;
    - 45.000 euro di reddito familiare.

Esclusa da Renzi l’ipotesi che aveva fatto tremare i pensionati: un contributo di solidarietà sulle pensioni fino a 2.500 euro lordi, che avrebbe esentato, secondo Cottarelli, l’85% dei pensionati e assicurato un risparmio di 1,4 miliardi di euro per quest’anno.

Quali scelte politiche farà allora il Premier Renzi in un campo minato come quello delle pensioni? Dopo i lavoratori autonomi e tanti precari, praticamente esclusi dal Jobs Act, Renzi pesterà i piedi ancora una volta ai soggetti più deboli?

Iscriviti alla newsletter

Money Stories