Ryanair: Covid travolgente sui conti, 815 milioni di perdite

Violetta Silvestri

17/05/2021

17/05/2021 - 12:44

condividi

I conti Rayanair nel bilancio chiuso a marzo 2021 in profondo rosso: il Covid ha affossato le perdite, che hanno raggiunto oltre 800 milioni di euro. Cosa aspettarsi nel 2022?

Ryanair: Covid travolgente sui conti, 815 milioni di perdite

Azioni Ryanair in rialzo a Londra, nella speranza di archiviare al più presto il bilancio chiuso a marzo 2021.

Il Covid ha fatto affondare i conti della compagnia low-cost, confermando un anno nero per il settore trasporto aereo.

L’azienda ha registrato perdite da oltre 800 milioni di euro. L’orizzonte si colora di speranza, con un aumento importante di prenotazioni da aprile. Tuttavia, il pareggio dei conti non arriverà prima di marzo 2022.

Le azioni Ryanair scambiano a +0,59% alle ore 12.00 italiane: cosa hanno svelato i conti?

Ryanair: perdita record nell’anno segnato dal Covid

Ryanair ha registrato una perdita annuale record nell’esercizio chiuso a marzo 2021.

“Le prenotazioni sono aumentate in modo significativo nelle ultime settimane, indicando una forte ripresa nella seconda metà dell’anno...L’intero anno fiscale 2022 continua a essere impegnativo, con incertezze su quando e dove verranno ridotti i blocchi di Covid e le restrizioni di viaggio”, ha comunicato la società irlandese.

Ciò ha reso impossibile fornire una guida finanziaria più dettagliata.

Nel dettaglio, Ryanair ha registrato una perdita di 815 milioni di euro per l’anno terminato il 31 marzo, rispetto all’utile di 1 miliardo di euro dell’anno precedente.

Il vettore con sede a Dublino ha dichiarato il 7 aprile che la cifra sarebbe compresa tra 800 milioni di euro e 850 milioni di euro.

O’Leary ha affermato di aspettarsi che la capacità sulle rotte intraeuropee sarà sostanzialmente inferiore per il prossimo futuro, cercando opportunità per raggiungere la quota di mercato con prezzi più bassi, soprattutto la prossima estate, quando Ryanair dovrebbe aver ricevuto fino a 65 aerei Max da un ordine di 210.

Intanto, nell’anno fino a marzo 2021, la compagnia aerea ha evidenziato 27,5 milioni di clienti, con le restrizioni del Covid-19 a spingere i suoi livelli di traffico verso il basso dell′81%.

Cosa aspettarsi nei prossimi mesi?

Si guarda all’estate con un certo ottimismo da Ryanair e, in generale, dal settore:

La compagnia irlandese ha sottolineato:

“Nella prima settimana di aprile abbiamo ricevuto poco meno di mezzo milione di prenotazioni. Sei settimane dopo, la scorsa settimana, ne abbiamo avute 1,5 milioni di prenotazioni. Quindi stiamo assistendo a una ripresa molto forte nelle prenotazioni, cominciando da giugno, luglio, agosto

In termini finanziari, però, il pareggio non è previsto prima di marzo 2022.

O’Leary ha detto di sperare che l’Italia e la Grecia verranno aggiunte a una «lista verde» esente da quarantena questo mese, seguite dalla Spagna all’inizio di giugno.

L’amministratore delegato ha affermato di essere in trattative con aeroporti in Italia, Spagna, Svezia ed Europa centrale e orientale per l’aggiunta di ulteriori voli, sebbene la confusione sulla consegna dei primi 737 Max da parte di Boeing Co. influisca sulla capacità della società di impegnarsi nelle rotte.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.