Powell spinge ancora Wall Street: i motivi

Violetta Silvestri

28 Agosto 2021 - 10:00

condividi

Powell ha parlato a Jackson Hole, dando indicazioni sulle prossime mosse della Federal Reserve. Wall Street ha risposto con nuovi record: cosa ha detto il presidente Fed?

Powell spinge ancora Wall Street: i motivi

Powell ha ancora una volta mostrato un atteggiamento attendista nel suo discorso al simposio Jackson Hole.

Gli investitori hanno ricevuto una certa rassicurazione sul fatto che gli straordinari sforzi della banca centrale per sostenere l’economia potessero ancora sostenere gli asset di rischio. E Wall Street, infatti, ha reagito con nuovi rialzi.

Il tapering ci sarà, lo ha specificato il presidente Fed, ma per l’aumento dei tassi bisogna ancora attendere. E questo, per ora, è bastato ai mercati per tenersi su performance positive.

Cosa ha detto Powell e cosa aspettarsi?

Cosa ha detto Powell sul tapering

Powell ha inviato il suo segnale più forte che la Federal Reserve potrebbe iniziare a ridurre il suo massiccio programma di stimolo dell’era della pandemia quest’anno, dichiarando “chiari progressi” nella ripresa del mercato del lavoro statunitense.

Venerdì, in un discorso virtuale strettamente seguito al raduno dei banchieri centrali di Jackson Hole, il presidente Fed ha affermato che la banca centrale degli Stati Uniti ha raggiunto il primo dei due obiettivi necessari prima di ridurre il suo programma mensile di acquisto di attività da 120 miliardi di dollari.

La Fed probabilmente inizierà a tagliare la quantità di obbligazioni che acquista ogni mese prima della fine dell’anno, a condizione che il progresso economico continui. Sulla base delle dichiarazioni di altri funzionari della banca centrale, un annuncio di riduzione potrebbe arrivare dopo la riunione del 21-22 settembre.

Tuttavia, ciò non significa che gli aumenti dei tassi siano incombenti.

“I tempi e il ritmo della prossima riduzione degli acquisti di attività non saranno destinati a portare un segnale diretto per quanto riguarda i tempi del decollo dei tassi di interesse, per i quali abbiamo articolato un test diverso e sostanzialmente più rigoroso”, ha affermato Powell.

Ha aggiunto che mentre l’inflazione è solidamente intorno al tasso obiettivo della Fed del 2%, sul fronte occupazione c’è ancora molta strada da percorrere. E questo fattore sarà indicativo per decidere quando aumentare i tassi.

Sul tema prezzi al consumo, che tanto sta facendo discutere all’interno della banca centrale in merito alla sua impennata più o meno transitoria, Powell ha precedentemente riconosciuto che le pressioni inflazionistiche sono aumentate più rapidamente e in misura maggiore rispetto a quanto inizialmente previsto dalla Fed, e venerdì ha insistito che la banca centrale avrebbe agito se necessario.

Wall Street chiude con nuovi massimi

Le azioni sono aumentate venerdì a chiudere una settimana vincente a Wall Street.

Il sentiment è che il presidente della Federal Reserve Jerome Powell abbia preparato i mercati alla riduzione dello stimolo monetario, evitando traumi.

Il Dow Jones Industrial Average ha guadagnato 242,68 punti, o 0,6%, a 35.455,80. L’S&P 500 è salito dello 0,8% per raggiungere un nuovo massimo e ha chiuso a 4.509,37. Il Nasdaq Composite è aumentato dell′1,2%, raggiungendo anche un nuovo record durante la sessione, chiudendo a 15.129,50.

Secondo analisti e investitori, il disaccoppiamento di un tapering dai futuri aumenti dei tassi ha aiutato a spiegare la reazione del mercato al discorso.

Il rendimento dei titoli del Tesoro a due anni, sensibile agli aggiustamenti di politica monetaria, è sceso di 0,03 punti percentuali allo 0,22%.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.