Perché l’euro digitale salverà l’Europa

Pierandrea Ferrari

8 Marzo 2021 - 18:28

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Secondo Mediobianca l’euro digitale potrebbe rafforzare la posizione dell’Unione europea nel quadro geopolitico che la pandemia sta contribuendo a delineare, sempre più influenzato dal braccio di ferro tra Cina e Stati Uniti.

Perché l'euro digitale salverà l'Europa

L’euro digitale salverà l’Europa. Di questo avviso Mediobanca, istituto di credito meneghino, che vede nella futura criptovaluta continentale lo strumento in mano a Bruxelles per difendersi dal fuoco incrociato sull’asse Cina-Stati Uniti, le due superpotenze a duello per la leadership economica globale.

Esaurita a gennaio la consultazione pubblica della BCE sulla nuova valuta digitale, le prossime tappe prevedono l’avvio delle prime sperimentazioni entro la fine del 2021 e il lancio della digital currency nell’arco dei prossimi cinque anni.

L’euro digitale salverà l’Europa

La pandemia ha contribuito a mischiare le carte, dunque: la Cina, dopo essere stata aggredita dal virus nella megalopoli di Wuhan poco più di un anno fa, è riuscita a rimettere in piedi l’economia nazionale, mentre Washington continua a pompare liquidità nel sistema USA per defibrillare dei fondamentali economici deteriorati dalla crisi sanitaria.

E così, giocoforza, Pechino punta ora a scalzare gli Stati Uniti dal trono per imporsi come prima economia del mondo entro il 2028, e anche il ruolo internazionale del dollaro potrebbe finire nel mirino, viste le ambizioni (altissime) del Dragone sullo yuan digitale, la crypto cinese ormai in fase avanzata di sperimentazione.

Un duello serrato, con l’UE nel mezzo a schivare i colpi: la guerra commerciale tra le due superpotenze sta infatti mettendo pressione al modello europeo guidato dalle esportazioni, con Bruxelles che sembra ormai divisa tra le due sponde, nonostante il legame di lungo corso con i partner statunitensi. Una pioggia di sanzioni, tariffe e dazi doganali ha finito infatti per deteriorare una storia secolare di sinergie e affinità, e l’accordo firmato lo scorso dicembre da Bruxelles e Pechino ha fatto il resto, rilanciando la Cina come primo partner commerciale del vecchio continente.

Ora, in questo scenario, è l’euro digitale che potrebbe togliere le castagne dal fuoco all’UE. Uno strumento fondamentale per “ottenere flessibilità strategica su molti fronti” secondo gli analisti di Mediobanca, e che permetterebbe alla BCE di difendere la sovranità monetaria del continente e alla Commissione europea di alleggerire la dipendenza dagli Stati Uniti e rafforzare il processo di integrazione dell’UE.

La regolamentazione dell’euro digitale

La criptovaluta continentale sarà dunque decisiva per ribaltare le sorti dell’UE in uno scenario geopolitico via via più complesso. Rimangono da mettere a punto, però, le regolamentazioni e le modalità di pagamento dell’euro digitale.

Due gli scenari, secondo Mediobanca: un sistema di pagamento senza funzione di riserva di valore, in linea con gli obiettivi della BCE, o uno non vincolato che possa conformarsi ai target della Commissione europea.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories