Perché la Bce non ha convinto i mercati

Violetta Silvestri

10/06/2022

10/06/2022 - 12:31

condividi

I mercati sono titubanti dopo la decisione Bce del rialzo dei tassi e alle parole non convincenti sull’impegno a evitare una frammentazione della politica monetaria. Debito e inflazione in focus.

Perché la Bce non ha convinto i mercati

Nella riunione del 9 giugno la Bce ha segnalato un aumento dei tassi di interesse di 25 punti base a luglio e ha affermato che potrebbe essere necessario un rialzo maggiore a settembre, poiché le pressioni inflazionistiche stavano aumentando e ampliandosi, supportando il rischio che la crescita elevata dei prezzi si consolidasse.

I mercati non hanno ben accolto la mossa - non sorprendente, ma già ampiamente stimata - della banca. Si moltiplicano i commenti sulla reale efficacia della politica monetaria di Francoforte e su quello che avverrà nelle singole economie.

Sebbene Christine Lagarde abbia sottolineato che la banca centrale sarà impegnata a evitare la cosiddetta «frammentazione» dei costi finanziari tra i membri della zona euro al fine di acquistare obbligazioni, i mercati finanziari non ne sono certi.

Il messaggio della Bce è incerto: commenti e analisi

I mercati restano in subbuglio dopo la riunione Bce di ieri, 9 giugno.

Diversi investitori, come riportato da Reuters in un’analisi, dubitano che l’approccio in via di sviluppo di Lagarde sul processo decisionale della Bce - che sembra dare maggiore voce alle banche centrali nazionali e ai Paesi con una posizione monetaria più aggressiva - consentirà lo stesso tipo di impegno a tempo indeterminato di contenere i costi del debito nella periferia dell’Eurozona data dal suo predecessore Mario Draghi.

I titoli di Stato italiani, il secondo mercato del debito pubblico in euro per dimensione e un elemento trainante del sentimento verso i titoli sovrani in euro ad alto debito in generale, sono crollati dopo gli annunci di giovedì, poiché sia ​​i rendimenti nominali italiani che quelli relativi agli equivalenti tedeschi di riferimento sono cresciuti a dismisura. Lo spread in Italia sta volando.

Poiché i mercati dei futures hanno prezzato ben 1,2 punti percentuali di ulteriori rialzi della Bce tra luglio e la fine dell’anno, il rendimento delle obbligazioni a 10 anni dell’Italia è aumentato di ben 20 punti base nella giornata al livello più alto dal 2018 a 3,715% e solo un soffio dai picchi di otto anni. Anche i rendimenti spagnoli, portoghesi e greci hanno oscillato.

L’ex capo economista del Fondo monetario internazionale Olivier Blanchard ha affermato di essere preoccupato che l’Eurotower non disponga ancora del tipo di strumenti che convinceranno che la frammentazione degli investitori sia gestibile.

“Se gli investitori credono che investirai un po’, ma non abbastanza, avranno comunque uno spread più elevato”, ha affermato Blanchard. “Sono preoccupato in questa fase che la Bce non disponga di un processo con cui possa intervenire sufficientemente per affrontare questo problema e sospetto che questo sarà un problema per il prossimo anno o due.”

Lagarde, in conferenza stampa, ha ribadito che c’è l’impegno per una corretta trasmissione della politica monetaria. Tuttavia, “corretto” è un concetto più confuso quando si sta inasprendo la politica monetaria sottostante, secondo alcuni osservatori.

Dubitando della determinazione della Bce, gli investitori hanno svenduto le obbligazioni dei Paesi del Sud dopo la decisione e i rendimenti dei titoli di Stato italiani a 10 anni sono ora di 235 punti base sopra le loro controparti tedesche, lo spread più ampio in due anni.

In un articolo Bloomberg sottolinea che non c’è stata chiarezza sulla possibilità di elaborare qualsiasi nuovo strumento, come un altro programma di acquisto di obbligazioni, che alcuni investitori e analisti ritengono necessario per evitare che le condizioni finanziarie si inaspriscano in modo sproporzionato nelle economie mediterranee più indebitate.

“Un approccio così vago alla creazione di un backstop sugli spread significa che il mercato dei titoli di Stato europei deve prima entrare in modalità crisi e allargare gli spread ingiustificato prima che la Bce agisca”, ha scritto Jorge Garayo, stratega dei tassi presso Société Générale.

“Nessuno dovrebbe avere il minimo dubbio, anche nei mercati, sulla nostra volontà collettiva di prevenire questa frammentazione, ha affermato separatamente il capo della banca centrale francese Francois Villeroy de Galhau.

Intanto, inflazione e oneri finanziari in aumento pressano i Paesi Ue.

“I tassi di inflazione dell’area dell’euro non diminuiranno da soli”, ha dichiarato il presidente della Bundesbank tedesca Joachim Nagel in una nota. “La politica monetaria è chiamata a ridurre l’inflazione attraverso un’azione risoluta”.

L’inflazione quest’anno sarà ancora più forte di quanto non fosse all’inizio degli anni ’80, ha affermato Nagel, riferendosi all’ultimo periodo di crescita dei prezzi.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.