Spread

Con il termine spread nel linguaggio finanziario si indica la differenza che vi è tra domanda e offerta.
Lo spread può essere definito anche come la differenza tra bid e ask.

Negli ultimi anni con il termine spread si indica spesso il differenziale tra i tassi d’interesse che pagano dei titoli di debito italiani e gli omologhi tedeschi con pari durata.

La Germania è considerata dagli operatori il Paese più affidabile dell’Eurozona, nel ripagare i sottoscrittori delle sue emissioni obbligazionarie. Lo spread è dunque un utile indicatore per capire qual è il grado di fiducia degli investitori sulla rischiosità di un’emittente di debito.

Quando si parla di spread ci si riferisce alle differenze di rendimento sul mercato secondario, cioè sui segmenti Mot e Mts di Borsa Italiana. Sul secondario è attiva anche la Bce, prima con l’Smp (Securities markets program) e il nuovo Omt.

Spread, ultimi articoli su Money.it

Cesaratto: “Nessuna catastrofe con l’uscita dall’Euro”

Nessun miracolo ma neanche chissà quale catastrofe se l’Italia uscisse dall’Euro. Semmai i potenziali problemi potrebbero essere altri: le ritorsioni commerciali di quei Paesi che ci hanno voluto in Europa per convenienza o l’esclusione dal sistema digitale dei pagamenti. Questa l’analisi di Sergio Cesaratto, docente di politica monetaria dell’Ue, ospite di “Testa o Croce” su Money.it

Spread BTP-Bund cancella le paure di un intero anno. I motivi

Con Lagarde alla BCE e lo scampato pericolo della procedura infrazione, fra gli investitori c’è ressa per comprare carta italiana, fra le poche in grado di offrire rendimenti sopra l’1% in Europa. Lo spread BTP-Bund tocca i minimi da maggio 2018

|