Spread

Con il termine spread nel linguaggio finanziario si indica la differenza che vi è tra domanda e offerta.
Lo spread può essere definito anche come la differenza tra bid e ask.

Negli ultimi anni con il termine spread si indica spesso il differenziale tra i tassi d’interesse che pagano dei titoli di debito italiani e gli omologhi tedeschi con pari durata.

La Germania è considerata dagli operatori il Paese più affidabile dell’Eurozona, nel ripagare i sottoscrittori delle sue emissioni obbligazionarie. Lo spread è dunque un utile indicatore per capire qual è il grado di fiducia degli investitori sulla rischiosità di un’emittente di debito.

Quando si parla di spread ci si riferisce alle differenze di rendimento sul mercato secondario, cioè sui segmenti Mot e Mts di Borsa Italiana. Sul secondario è attiva anche la Bce, prima con l’Smp (Securities markets program) e il nuovo Omt.

Spread, ultimi articoli su Money.it

Spread BTp-Bund in stallo sul supporto dinamico di medio-lungo periodo

Lo spread BTp-Bund si attesta a 269,20 punti base dopo il rialzo avvenuto durante le prime giornate di contrattazione dell’anno. Oggi gli operatori dei mercati finanziari saranno focalizzati sulla pubblicazioni dei verbali della BCE della riunione di dicembre, mentre il Tesoro oggi inaugura la prima emissione di BOT dell’anno

Titoli di stato: terminati acquisiti BCE, cosa aspettarsi per il BTp?

I corsi del decennale italiano proseguono in rialzo spinti dall’approvazione della manovra italiana 2019 da parte dell’UE, d’altro canto, tuttavia, il programma di acquisti da parte della BCE si è ufficialmente concluso e questo potrebbe impattare negativamente sul futuro del titolo obbligazionario. Impostiamo le strategie operative

|