Pensione con 41 anni di contributi: quota 41 o anticipata?

Lorenzo Rubini

22 Marzo 2021 - 11:04

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Per chi ha maturato 41 anni di contributi vi sono due misure che permettono il pensionamento indipendentemente dall’età.

Pensione con 41 anni di contributi: quota 41 o anticipata?

Per chi ha maturato 41 anni di contributi accedere alla pensione in tempi abbastanza brevi non dovrebbe richiedere il rispetto di un requisito anagrafico. Con 41 anni di contributi, infatti, c’è la possibilità, a determinate condizioni, di accedere alla quota 41 per lavoratori precoci o, in alternativa, attendendo qualche anno, alla pensione anticipata ordinaria.

Rispondiamo ad un lettore di Money.it che ci scrive:

“Buonasera ho 59 anni e41 anni di versamenti contributi quando dovrei andare in pensione? Grazie per la vostra gentilezza”

Pensione con 41 anni di contributi

Avendo versato 41 anni di contributi ed avendo 59 anni di età ha la possibilità di rientrare nel lavoro precoce se almeno 12 mesi dei suoi contributi da lavoro effettivo sono stati versati prima del compimento dei 19 anni di età.

Verificata l’appartenenza al lavoro precoce potrebbe avere diritto al pensionamento con la quota 41, ma solo a patto di rientrare in uno dei profili di tutela previsti dalla normativa, ossia:

  • lavoratore disoccupato a seguito di licenziamento che ha terminato da almeno 3 mesi di fruire dell’intera Naspi spettante
  • lavoratore invalido con percentuale pari o superiore al 74%
  • lavoratore caregiver che al momento della domanda di pensione assiste da almeno 6 mesi un familiare convivente con handicap grave ai sensi della legge 104/1992
  • lavoratore addetto a mansioni gravose o lavoro usurante.

Se non rientra nel diritto di pensionamento con la quota 41, in ogni caso, versando circa altri 2 anni di contributi può accedere alla pensione anticipata ordinaria che, sempre indipendentemente dall’età anagrafica, permette il pensionamento alle donne che hanno maturato almeno 41 anni e 10 mesi di contributi e agli uomini che ne hanno maturati 42 anni e 10 mesi.

Entrambe le misure, sia la quota 41 che l’anticipata ordinaria, richiedono una finestra di attesa di 3 mesi per la decorrenza della pensione dal raggiungimento del requisito contributivo.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Iscriviti alla newsletter

Money Stories