Niente pensione senza green pass: cosa cambia dal 1° febbraio

Simone Micocci

21 Gennaio 2022 - 12:37

condividi

Per il ritiro della pensione in contanti sarà necessario un green pass valido: le nuove regole entrano in vigore il 1° febbraio e valgono per Poste e banche.

Niente pensione senza green pass: cosa cambia dal 1° febbraio

Vietato il ritiro in contanti della pensione a chi non ha il green pass.

Importanti novità con l’approvazione del DPCM che definisce l’elenco delle attività essenziali alle quali a partire dal 1° febbraio 2022 si potrà accedere senza certificazione verde.

Tra i servizi comunque garantiti a coloro che sono sprovvisti di green pass, infatti, non figura - nonostante fino all’ultimo se ne fosse parlato - il ritiro in contanti della pensione, sia alla Posta che in banca.

Questo perché dal 1° febbraio 2022 sarà obbligatorio il green pass per entrare in banca come pure alla Posta; tuttavia la speranza dei pensionati non vaccinati era quella per cui ci potesse essere una deroga per le attività riferite al ritiro in contanti della pensione. Nulla di fatto: alla fine il Governo ha deciso di condizionare anche la possibilità di ritirare la pensione in contanti al possesso del green pass.

Niente ritiro in contanti della pensione per chi non ha il green pass

Il testo del DPCM appena firmato dal Presidente del Consiglio Mario Draghi definisce nel dettaglio le cosiddette “attività essenziali” alle quali dal 1° febbraio prossimo, quando tra l’altro cambierà la durata della certificazione, si potrà accedere anche senza essere in possesso di un green pass in corso di validità.

Nell’ultima bozza del provvedimento si leggeva che tra le attività essenziali figuravano anche quelle “indifferibili e urgenti connesse alla riscossione, presso gli sportelli di Poste italiane Spa e degli istituti di credito abilitati, di pensioni o emolumenti comunque denominati non soggetti a obbligo di accredito”.

Una norma che di fatto avrebbe derogato all’obbligo di green pass per banche e Poste che entrerà in vigore dal 1° febbraio 2022, dando la possibilità ai pensionati non vaccinati, o comunque a coloro che percepiscono altre prestazioni come potrebbe essere l’assegno sociale o una pensione d’invalidità civile, di poter ritirare la pensione in contanti.

Tuttavia, all’ultimo secondo questa norma è saltata e non è presente nel testo del DPCM approvato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri. Ne risulta, dunque, che a partire dal 1° febbraio 2022 solamente chi ha un green pass valido potrà recarsi presso banche e Poste per ritirare la somma spettante in contanti.

Per chi ritira la pensione in banca, quindi, questa novità vale già per il cedolino di febbraio, in pagamento proprio martedì 1° febbraio quando tale obbligo entrerà in vigore. Va meglio a coloro che invece hanno scelto il ritiro in contati presso gli uffici postali, dove il cedolino di febbraio viene pagato in anticipo secondo un calendario che si conclude il 31 gennaio 2022.

Come ritirare la pensione in contanti dal 1° febbraio 2022

Nessun problema, dunque, per chi è vaccinato da meno di 6 mesi (vista la nuova scadenza che entrerà in vigore dal 1° febbraio), in quanto per loro non cambiano le regole per il ritiro in contanti della pensione.

Diverso è il caso dei pensionati non vaccinati, i quali per potersi recare sia in banca che in posta dovranno mostrare di avere una certificazione valida. Si tratta comunque di un green pass base, e non rafforzato, quindi per poter ritirare la pensione in contanti sarà sufficiente sottoporsi a un tampone nelle 48 o 72 ore (a seconda della tipologia di test) precedenti, e sperare ovviamente che il risultato sia negativo.

È sempre possibile poi delegare un terzo al ritiro della pensione per proprio conto. Si ricorda che la comunicazione riguardo alla delega va inviata, sia per quanto riguarda il ritiro in Posta che in banca, all’INPS. Per i cittadini di età pari o superiore ai 75 anni che riscuotono generalmente la pensione in contanti e che non hanno delegato già altri soggetti, vi è poi la possibilità di farsi consegnare la pensione direttamente a casa fruendo dell’apposito servizio offerto dall’Arma dei Carabinieri.

Infine, è bene sottolineare che le suddette regole valgono solamente per coloro che entrano negli uffici postali o in banca. Sarà sempre possibile, anche senza green pass, ritirare la pensione in contanti dagli sportelli ATM o Postamat nel caso in cui l’assegno sia stato accreditato su conto corrente bancario o postale.

Iscriviti a Money.it