Mercati colpiti da un mix pericoloso: Asia ancora ko

Violetta Silvestri

17 Agosto 2021 - 08:36

condividi

Mercati asiatici in rosso: gli indici vanno giù, frenati da un sentiment che si sta facendo sempre più cupo. Tra variante Delta, caos afghano e stretta sulle big tech cinesi, le Borse oscillano.

Mercati colpiti da un mix pericoloso: Asia ancora ko

Mercati oggi: azioni asiatiche in perdita, a causa della crescente allerta per il picco nella variante Delta e delle turbolenze in Afghanistan che hanno eclissato la forza di Wall Street nella notte.

I segnali di un rallentamento della ripresa cinese, la repressione normativa di Pechino e i freni alla mobilità per combattere il ceppo più aggressivo del Covid stanno inasprendo l’umore in Asia.

E in questo mix già dannoso ora si è aggiunto anche il caos afghano, che sta portando i talebani così vicini alle terre ricche di petrolio del Medio Oriente.

In questo contesto, che succede oggi nei mercati?

Mercati oggi: Asia in perdita, la fiducia vacilla

Alle ore 8.15 circa il Nikkei giapponese scambia in rosso con un -0,36%. Gli indici cinesi Shenzhen e Shanghai crollano, rispettivamente del 2,15% e dell’1,85%.

Kospi, Taiwan e Hong Kong sono tutti sotto la parità.

All’inizio della giornata di negoziazione asiatica, l’indice MSCI più ampio delle azioni dell’Asia-Pacifico al di fuori del Giappone è sceso dello 0,4%.

In Cina continua la politica di tolleranza zero verso le big tech. Martedì il regolatore del mercato cinese ha emesso una bozza di regole volte a fermare la concorrenza sleale su Internet.

Le misure pubblicate dall’Amministrazione statale per la regolamentazione del mercato coprono una vasta gamma di aree e comprendono divieti sul modo in cui le aziende possono utilizzare i dati per eliminare le recensioni false sui prodotti.

I titoli tecnologici cinesi quotati a Hong Kong sono scesi bruscamente alla notizia. Il gigante dei giochi Tencent ha perso il 3,5% negli scambi in tarda mattinata, mentre il gigante dell’e-commerce Alibaba è sceso del 2,5%.

Gli analisti all’ANZ hanno commentato la situazione attuale dei mercati, osservando che:

“Dati economici deludenti, ansia per gli sviluppi in Afghanistan, preoccupazioni per gli impatti della variante Delta e un ribasso più marcato del previsto nell’indice manifatturiero dell’Empire State di New York hanno pesato sulla propensione al rischio, aumentando la domanda di beni rifugio.”

Riflettori ancora accesi su USA e Fed

Il dollaro è aumentato rispetto a un paniere di sei valute principali, salendo dello 0,024% a 92,644 dopo essere sceso al minimo di una settimana venerdì.

Il rendimento dei titoli del Tesoro di riferimento a 10 anni è sceso mentre la domanda di obbligazioni statunitensi rifugio è aumentata.

Il rendimento dei titoli del Treasury a 10 anni è sceso all’1,255% rispetto alla chiusura statunitense dell’1,257% di lunedì.

Il rendimento a due anni, che sale con le aspettative degli operatori di tassi più elevati sui fondi Fed, ha toccato lo 0,2092% rispetto a una chiusura statunitense dello 0,205%.

Gli operatori continuano a confrontarsi con il rischio di una crescita più lenta, l’impatto di un’inflazione elevata e la prospettiva di un supporto ridotto della banca centrale.

Negli ultimi commenti della Fed, il presidente di Boston Eric Rosengren ha affermato che sarebbe favorevole all’annuncio dell’inizio del tapering a settembre se gli Stati Uniti ricevessero un altro rapporto forte sul mercato del lavoro.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Selezionati per te