I mercati alla prova della nuova variante Omicron: che succede?

Violetta Silvestri

29/11/2021

29/11/2021 - 09:44

condividi

I mercati oggi cercano nuovi equilibri dopo il ritorno aggressivo della pandemia con la varinate Omicron. In attesa di notizie certe sul ceppo, l’Asia va in rosso ma petrolio e futures USA recuperano.

I mercati alla prova della nuova variante Omicron: che succede?

Mercati oggi: Asia scambia in territorio negativo, ma i futures sulle azioni statunitensi stanno guidando un rimbalzo del mercato da venerdì nero.

Gli investitori devono aspettare qualche settimana per vedere se la variante Omicron ha il potenziale di far deragliare la ripresa economica e i piani di inasprimento di alcune banche centrali.

S&P 500, Nasdaq 100 e i futures europei rimbalzano; il petrolio WTI torna a circa 71 dollari al barile e il rendimento dei titoli del Tesoro USA a 10 anni sale di oltre l’1,50%.

Le azioni asiatiche scendono, ma le mosse sono inferiori rispetto al sell-off di azioni globali di venerdì 26 novembre, che ha spazzato via più di $ 2.000 miliardi di valore di mercato.

Mercati oggi: Asia in rosso per variante e non solo

Alle ore 8.08 circa il Nikkei scambia con un calo dell’1,63% e gli indici cinesi Shenzhen e Shanghai sono misti, con il primo a +0,16% e il secondo a -0,14%. Hong Kong viaggia a -1%.

Il Giappone guida le perdite dopo che il primo ministro ha deciso di chiudere il Paese agli stranieri nel tentativo di frenare la variante Omicron.

La debolezza cinese non è causato soltanto dai timori pandemici. A crollare sono anche i titoli dei casinò di Macao scesi tra il 5 e il 7% in seguito alla notizia di 11 arresti per presunti legami con il gioco d’azzardo oltre frontiera e il riciclaggio di denaro.

I futures sul carbone termico cinese, inoltre, sono crollati mentre Pechino sta intensificando le misure per controllare i prezzi.

Banche centrali e trader del petrolio attendono novità su Omicron

Gli investitori stanno cercando di capire se la riacutizzazione del virus sarà uno spavento relativamente breve da cui i mercati alla fine si riprenderanno, o un colpo più grande per la ripresa economica globale.

La prospettiva di una politica monetaria più restrittiva per far fronte alle pressioni sui prezzi stava già complicando le prospettive.

L’OMS ha esortato alla cautela, affermando che ci vorrà del tempo per valutare l’agente patogeno.

Nel frattempo, nei mercati delle materie prime, i prezzi del petrolio sono rimbalzati dopo aver subito il più grande calo di un giorno da aprile 2020 venerdì scorso.

L’OPEC, che deve riunirsi questa settimana come da calendario, potrebbe posticipare l’incontro per meglio valutare gli effetti della nuova variante.

La presidente della BCE Christine Lagarde ha affermato che la zona euro è meglio attrezzata per affrontare l’impatto economico di una nuova ondata di infezioni da Covid o della variante Omicron.

Sostieni Money.it

Informiamo ogni giorno centinaia di migliaia di persone in forma gratuita e finanziando il nostro lavoro solo con le entrate pubblicitarie, senza il sostegno di contributi pubblici.

Il nostro obiettivo è poterti offrire sempre più contenuti, sempre migliori, con un approccio libero e imparziale.

Dipendere dai nostri lettori più di quanto dipendiamo dagli inserzionisti è la migliore garanzia della nostra autonomia, presente e futura.

Sostienici ora

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.