Mercati: Piazza Affari maglia rosa in Europa, discesa rendimento BTP da record

Oggi la discesa del rendimento offerto dal BTP decennale italiano è stata una delle più ampie negli ultimi sei anni (-29 punti base). Ne hanno approfittato i titoli delle banche che hanno portato su Piazza Affari

Mercati: Piazza Affari maglia rosa in Europa, discesa rendimento BTP da record

Seduta frizzante per Piazza Affari oggi, in una giornata che ha visto gli investitori guardare con minor apprensione verso i rischi di un’uscita dall’Italia dall’euro. Ad agevolare questa visione sono state le parole del ministro dell’Economia, Giovanni Tria, che ha rassicurato gli investitori circa il mantenimento dei conti pubblici italiani sotto controllo e la permanenza dell’Italia nell’area euro. In questo quadro Piazza Affari ha chiuso sugli scudi con il FTSE Mib miglior indice dell’Eurozona grazie ad un +3,4% a 22.086,20 punti.

Sospiro di sollievo anche per i risparmiatori italiani, allarmati inutilmente nelle scorse sedute. Oggi il rendimento del BTP a dieci anni è sceso di ben 29 punti base al 2,83%: è stata una delle discese giornaliere più ampie degli ultimi sei anni. Lo spread fra BTP-Bund è sceso a 233 punti base sulla scadenza decennale dal 261 punti base di venerdì.

Valute da tenere sotto osservazione. Bce, Fed ma non solo

A livello internazionale però la tensione rimane alta dopo un G7 che è stato definito dalla stampa “uno dei più caldi degli ultimi anni”. Gli occhi degli investitori ora sono puntati sul bilaterale fra il presidente Usa Trump e il coreano Kim. In questo quadro potrebbero emergere opportunità interessanti sul valutario.

Il tasso di cambio Eur/Usd si muove ancora sotto 1,18 in attesa della delicata riunione della Banca centrale europea di giovedì nella quale, con ogni probabilità, verrà comunicata la decisione finale sull’estensione o meno del Qe fino a fine anno.

Il cambio Gbp/Usd ha subito un brusco calo dopo che il Regno Unito ha mostrato dati economici deludenti. Ad aprile la produzione industriale e la produzione manifatturiera sono diminuite rispettivamente dello 0,8% e dell’1,4%. Il deficit nella bilancia commerciale delle merci si è ampliato da 12 miliardi di sterline a £ 14.03 miliardi, mentre gli economisti si aspettavano che scendesse a £ 11,3 miliardi. Per Mauro Masoni di CMC Markets il Cable “sta continuando il suo rimbalzo dopo i minimi del 29 maggio, e si muove in zona 1,3370 guardando come primo obiettivo alla media mobile a 200 periodi posizionata a 1,3594. Al ribasso c’è il supporto a 1.3300, la cui rottura sarebbe il prodromo per il raggiungimento di 1.3204”.

L’esperto della casa di brokeraggio è stato interpellato da Money.it anche per quanto riguarda i futuri sviluppi della situazione britannica:

La settimana iniziata oggi sarà caratterizzate dai meeting della Fed e della Bce in programma rispettivamente per mercoledì e per giovedì. Anche per il Regno Unito sarà una settimana intensa, visto che tra martedì e mercoledì avremo i dati relativi all’occupazione, andamento dei salari e inflazione, dati fondamentali per orientare le scelte di policy da parte della Bank of England. Su base annua ci si attende una crescita dei salari stabile al 2.9%, mentre l’inflazione dovrebbe attestarsi al 2.5%, in leggero aumento rispetto al mese scorso. Ricordiamo come la BOE nel suo ultimo outlook economico abbia previsto per l’anno un tasso d’inflazione al 2.5%, vedremo se i dati confermeranno questa previsione

.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su FTSE MIB 40

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.