Manovra Italia: tensioni con l’UE impattano su obbligazioni e azioni

Le tensioni Roma-Bruxelles attorno la manovra di bilancio impattano negativamente sull’andamento dei mercati. Per De Casa di ActivTrades la situazione del mercato obbligazionario non è delle migliori considerando la fine ormai prossima del Qe ma non siamo ancora sui livelli della Grecia

Manovra Italia: tensioni con l'UE impattano su obbligazioni e azioni

La tensione sul debito sovrano italiano continua ad impattare negativamente sulla fiducia che gli investitori nutrono per il Paese. Secondo Alberto De Casa, Capo Analista di ActivTrades molti di questi già da tempo hanno cominciato a vendere asset obbligazionari e azionari italiani.

Questo si è riflettuto evidentemente con l’allargamento del differenziale tra il bond italiano e il bund tedesco a dieci anni che ha superato i 300 punti base. L’indice azionario italiano, inoltre è arrivato a ridosso dell’area supportiva a 20.000 punti ai minimi da inizio 2017.

«Nonostante il parziale recupero di ieri lo scenario rimane incerto: da un lato i vice-primi ministro Salvini e Di Maio rimangono critici nei confronti dell’UE e continuano ad esasperare il conflitto, dall’altro lato invece il ministro delle Finanze sta usando toni molto più moderati cercando di rattoppare il rapporto con l’UE», spiega De Casa.

“In vista della fine dell’allentamento quantitativo atteso per i prossimi mesi, le attuali tensioni sui titoli di stato italiani hanno messo il Belpaese in una situazione difficile, ma questa situazione non è paragonabile alla questione greca”, conclude l’esperto di ActivTrades.

Il quadro tecnico sull’indice FTSE Mib

Riguardo la struttura tecnica dell’indice nostrano, De Casa spiega che bisognerà prestare attenzione ai livelli supportivi all’interno dell’area compresa tra i livelli tondi a 20.000 e 19.000 punti.

«In quest’area il livello a 19.440 punti è un’area decisiva, almeno nel breve termine, che potrebbe favorire un rimbalzo. Violato questo livello, nello scenario peggiore, l’indice potrebbe sprofondare. Il prossimo livello supportivo significativo sarebbe a quota 16.000 punti, area che ha interessato i corsi nel 2016», conclude De Casa.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Deficit pubblico

Condividi questo post:

Commenti:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.