Lyft: investitori preoccupati per la sostenibilità del business, trimestrale delude

Dopo aver raccolto 2 miliardi di dollari con la sua IPO, le azioni della società hanno perso oltre il 15% rispetto al prezzo di esordio a Wall Street. Neanche i dati sulla trimestrale di ieri hanno dato modo agli investitori di riuscire ad alleviare le preoccupazioni sulla sostenibilità del modello di business

Lyft: investitori preoccupati per la sostenibilità del business, trimestrale delude

Dopo aver raccolto circa 2 miliardi di dollari all’IPO, le azioni Lyft hanno perso oltre il 15% rispetto al prezzo di esordio a Wall Street.

I dati sulla trimestrale rilasciata ieri non sono in grado di alleviare le preoccupazioni sulla sostenibilità del modello di business, dopo che la società ha riportato una perdita di 1,14 miliardi di dollari nell’intero trimestre.

I conti del primo trimestre 2019

Anche se la maggior parte delle perdite può essere attribuita ai costi per la conduzione dell’IPO, la perdita operativa resta di 211,5 milioni di dollari, più o meno equivalente alle perdite registrate un anno fa.

Tra l’altro, i ricavi hanno mostrato un miglioramento risultando pari a 776 milioni di dollari, aiutati dal miglioramento della statistica sui ricavi per pilota che è passato da 28,27 a 37,86 dollari, mentre gli utenti totali sono saliti a 20,5 milioni, dai 18,6 milioni del dato IPO.

Per il secondo trimestre le stime per i ricavi dovrebbero aumentare fino a oltre 800 milioni di dollari, con ricavi totali per l’anno che dovrebbero arrivare a circa 3,3 miliardi di dollari.

«Questo dato va nella giusta direzione e probabilmente offrirà ossigeno al settore in vista dell’IPO Uber di questa settimana che dovrebbe uscire venerdì. Ciò che questi numeri non fanno è mascherare il fatto che queste società di condivisione dei trasporti difficilmente riusciranno a fare abbastanza ricavi per compensare l’attuale livello di perdite a breve termine», spiega Michael Hewson, Capo analista per CMC Market UK.

Lyft e Uber: modello di business fragile

A ricordare agli investitori i rischi insiti nei modelli di business di entrambe le società, ci hanno pensato i piloti sia di Lyft sia di Uber iniziando uno sciopero di 24 ore oggi, per protestare contro le pratiche lavorative di entrambe le società. Alcuni conducenti stanno anche avviando azioni collettive contro i loro datori di lavoro per cattive pratiche.

«Ciò suggerisce che rimane un limite al livello di profitti che le aziende possono fare sul numero di viaggi completati dai loro conducenti. Al di là della concorrenza nel settore, i piloti devono anche arrivare a fine mese», ha commentato Hewson.

Questi tipi di protesta sono uno dei fattori di rischio per il modello di business, insieme a quelli normativi e mentre il management può sostenere che il futuro delle applicazioni di condivisione del ride è probabilmente legato alle auto a guida autonoma, eliminando così la necessità di un driver, questa tecnologia rimane in gran parte non testata e comporta rischi significativi in termini di incidenti. Lyft sta già percorrendo questa strada con Waymo nella zona di Phoenix.

«Come abbiamo visto con il sistema MCAS per il Boeing 737 MAX, quando la tecnologia va male gli effetti possono essere catastrofici. Per ora le perdite della società, anche se non sostenibili a lungo termine, possono essere assorbite dai sostenitori della società, con General Motors che detiene una partecipazione del 7,76% e Alphabet di Google con una quota del 5,33%», prosegue l’esperto.

Lyft e Uber non sono le nuove Amazon

Quando le persone parlano di Lyft o di Uber come «la nuova Amazon» non riescono ad apprezzare il fatto che Amazon non abbia avuto una valutazione multimiliardaria quando è entrata nel mercato azionario.

Questo può sembrare un concetto singolare, ma per le società per essere sostenibili devono essere redditizi e le loro valutazioni devono riflettere i fondamentali sottostanti.

«Per molti motivi questi unicorni tecnologici riflettono i fondamenti dell’attività sottostante, e per questo motivo sono un azzardo. Questo è qualcosa di cui gli azionisti di Lyft avrebbero dovuto essere a conoscenza quando hanno presentato un’azione collettiva dicendo che la società ha travisato i suoi fondamenti , oltre a non aver rivelato problemi di sicurezza con le sue biciclette elettriche», conclude l’esperto di CMC Markets UK.

Iscriviti alla newsletter Strumenti per ricevere le news su Wall Street

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.