Sharing economy

La sharing economy è un modello economico in cui gli individui possono prendere in prestito o prestare prodotti posseduti da qualcun’altro. Il modello della sharing economy ha più possibilità di espandersi ed essere utilizzato quanto più il prezzo di mercato è alto o nelle condizioni in cui lo stesso bene non è sfruttato dal proprietario in modo continuativo.

Le persone condividono e si prestano oggetti di proprietà da migliaia di anni, ma con l’avvento di Internet è diventato molto più semplice l’incontro tra domanda e offerta, tra chi ricerca un prodotto ad un prezzo scontato e chi è disposto a cedere e prestare quello stesso prodotto.

L’“economia in condivisione” permette agli individui di guadagnare da asset sottoutilizzati. In questo modo, le attività fisiche vengono condivise come se fossero servizi. Ad esempio, un proprietario di un’automobile può permettere a qualcuno di affittare il proprio veicolo quando non lo utilizza, o proprietario di una casa la può affittare mentre è in vacanza.

Sharing economy, ultimi articoli su Money.it

Lyft: investitori preoccupati per la sostenibilità del business, trimestrale delude

Pubblicato il 8 maggio 2019 alle 12:47

Dopo aver raccolto 2 miliardi di dollari con la sua IPO, le azioni della società hanno perso oltre il 15% rispetto al prezzo di esordio a Wall Street. Neanche i dati sulla trimestrale di ieri hanno dato modo agli investitori di riuscire ad alleviare le preoccupazioni sulla sostenibilità del modello di business

|