Italia e lettera UE: spread a 300 in vista del 5 giugno

Secondo Antonio Cesarano, Chief Global Strategist di Intermonte, il debito italiano resterà sotto forte pressione fino all’uscita del country report della Commissione UE

Italia e lettera UE: spread a 300 in vista del 5 giugno

L’attesa lettera della Commissione UE all’Italia è arrivata e la reazione dello spread BTP-Bund non si è fatta attendere molto.

Come previsto, nel documento inviato da Bruxelles la Commissione UE ha chiesto a Roma di elencare i cosiddetti fattori rilevanti che hanno impedito la riduzione del rapporto defict/PIL. L’Italia dovrà commentare l’attuale stato dei conti pubblici cercando di fornire giustificazioni sufficienti ad evitare la procedura di infrazione, anche se questo sembrerebbe improbabile.

Leggi anche Debito Italia: ecco la lettera dell’Ue. Cosa dice?

Sui mercati torna il Rischio Italia: dove potrebbe arrivare lo spread?

In queste giornate cariche di tensione su una possibile procedura d’infrazione lo spread Italia-Germania è tornato ad accarezzare massimi che non si vedevano da qualche mese in area 280-288 punti base. Ma dove potrebbe arrivare lo spread BTP-Bund nei prossimi giorni?

Secondo Antonio Cesarano, Chief Global Strategist di Intermonte Sim la prima settimana di giugno sarà cruciale.

«Il climax potrebbe essere probabilmente raggiunto il 5 giugno con la pubblicazione del Country report della Commissione UE sull’Italia. In attesa di quella data, lo spread potrebbe toccare temporaneamente area 300pb in seguito anche alle pressioni che potrebbero arrivare in concomitanza delle aste di titoli di stato italiani del 30 maggio», ha commentato lo strategist.

La seconda data da guardare con attenzione è il giorno dopo, il 6 giugno, in vista della riunione della BCE, il mercato attende i dettagli del terzo round di TLTRO che inizierà a settembre. Su questa data il giudizio di Cesarano è più morbido:

«Visto il notevole carry negativo amplificato dal tasso Bund 10 anni in ampio territorio sotto zero, è possibile ipotizzare un progressivo ritorno sotto i 250 punti base dello spread durante il mese di giugno per effetto anche delle ricoperture e una rifocalizzazione su altri temi, soprattutto la guerra commerciale fra Usa e Cina», chiosa l’esperto

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su Italia

Condividi questo post:

1 commento

foto profilo

GGM • 2 settimane fa

Dipenderà molto da cosa vorrà fare il partito vincitore delle elezioni europee in Italia. Se vorrà andare verso uno scontro per aumentare il consenso interno non è detto che poi scende verso i 250 ppb, altrimenti se vorrà limitare il deficit nella prossima manovra potrebbe anche scendere anche ben sotto i 250 (i titoli Greci sono ora solo 45ppb sopra di noi, Portogallo e Grecia 170-185 punti sotto, per cui il margine per scendere c’è)

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.