Il sorpasso: bond Grecia a 5 anni meglio dei BTP

Rendimento Bund 10y ai minimi storici e sorpasso della Grecia sull’Italia sulla parte corta: il resoconto della rovente giornata sui mercati del debito europeo

Il sorpasso: bond Grecia a 5 anni meglio dei BTP

Lo avevamo anticipato all’indomani delle elezioni europee 2019 studiando l’andamento dei titoli governativi periferici dell’Eurozona e oggi è successo.

Gli investitori oggi richiedono un rendimento aggiuntivo maggiore per investire a breve termine sull’Italia rispetto alla Grecia. Il “sorpasso” dei rendimenti è arrivato oggi poco dopo pranzo, al culmine di una settimana rovente sia sul profilo internazionale che interno.

Leggi anche Elezioni europee: Atene meglio di Roma per i mercati finanziari

Atene più sicura sul breve termine

Il BTP 5 anni italiano prezza un rendimento dell’1,712%, il più alto fra i Paesi dell’Eurozona, perfino maggiore di quelli richiesti dagli investitori per mettere soldi sul debito di Atene: il 5 anni della Grecia oggi prezza uno yield dell’1,68 per cento.

Giornata rovente sul mercato del debito europeo

L’esito delle elezioni europee per la verità aveva lasciato i più scettici a bocca asciutta, visto che le urne avevano sostanzialmente confermato lo status quo delle cose regalando però alla Lega una leadership più insidiosa per le sorti del Governo gialloverde.

L’arrivo della lettera di richiamo da parte della Commissione europea ha aggiunto tensioni, rinfocolando il clima di risk off sui mercati del debito europeo con una massiccia dose di acquisti sui titoli obbligazionari dei Pesi Core, in primis la Germania dove il rendimento del Bund decennale oggi ha toccato i suoi minimi storici.

Leggi anche Titoli di Stato: Bund ai massimi storici, dove andranno rendimenti?

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su Spread

Condividi questo post:

1 commento

foto profilo

GGM • 2 mesi fa

E questa è una pessima notizia. Si dovrebbe spiegare a chi ci governa che gli interessi sul debito li paghiamo noi italiani, non è un problema dell’Europa, è un problema NOSTRO. Che approvare manovre a deficit significa che pagheremo le stesse cose di più, perchè dovremo pagarle con gli interessi. Che quando un governo sostiene che possiamo fare tutto il debito che vogliamo, dice al suo popolo che siccome non è stato capace di tagliare le spese, scaricherà le proprie misure sul popolo, prendendo i soldi (non oggi, ma domani) dalle sue tasche. Che se non si prevede di diminuire il rapporto deficit/PIL si sta dicendo ai propri cittadini che fra un po’ di anni crescerà a tal punto che, se va bene costerà sempre di più alle nostre tasche, se va male in caso di crisi non saremo più in grado di pagarlo e andremo in default (e quindi forse sarebbe meglio che i propri cittadini cominciassero a portare i loro risparmi fuori dal paese).

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.