Titoli di Stato

I titoli di stato sono dei titoli di debito emessi da un governo a supporto della spesa statale. Prima di investire in titoli di stato, l’investitore deve valutare tutti i rischi associati al Paese emittente, come il rischio politico, il rischio di inflazione e quello correlato ai tassi di interesse, anche se - generalmente - i titoli di stato hanno un rischio intrinseco relativamente basso.

I titoli di Stato di Germania e Stati Uniti sono considerati privi di rischio e vengono scambiati in mercati altamente liquidi, ma restituiscono un tasso di interesse tipicamente basso, relativamente ai Paesi più sviluppati.
I prezzi delle obbligazioni governative sono legati ai tassi di interesse, quindi i titoli di stato a tasso fisso affrontano il rischio di tasso di interesse, in quanto le fluttuazioni di quest’ultimi possono causare un calo del valore del prestito obbligazionario.

Titoli di Stato, ultimi articoli su Money.it

Argentina: bond prezzano scenario troppo cupo, tre fattori favoriscono rimbalzo

L’esito delle primarie dell’11 agosto scorso ha avuto forti ripercussioni negative sui mercati azionari e obbligazionari dell’Argentina. Ora i bond in valuta forte prezzano un rischio di default entro i prossimi 12 mesi del 63%, con un tasso di recupero in linea a quello del 2005. Tuttavia nonostante il recente crollo del peso argentino e lo stato di salute dell’economia del Paese sudamericano i prezzi delle obbligazioni appaiono ingiustificati. Ecco i motivi per cui le quotazioni potrebbero rimbalzare

Banche: a giugno scendono le sofferenze

Dal rapporto «Banche e Moneta: serie nazionali» relativo a giugno 2019 pubblicato oggi da Banca d’Italia, emerge come nel mese siano scese le sofferenze degli istituti di credito. In discesa anche i prestiti alle società non finanziarie

|