Titoli di Stato

I titoli di stato sono dei titoli di debito emessi da un governo a supporto della spesa statale. Prima di investire in titoli di stato, l’investitore deve valutare tutti i rischi associati al Paese emittente, come il rischio politico, il rischio di inflazione e quello correlato ai tassi di interesse, anche se - generalmente - i titoli di stato hanno un rischio intrinseco relativamente basso.

I titoli di Stato di Germania e Stati Uniti sono considerati privi di rischio e vengono scambiati in mercati altamente liquidi, ma restituiscono un tasso di interesse tipicamente basso, relativamente ai Paesi più sviluppati.
I prezzi delle obbligazioni governative sono legati ai tassi di interesse, quindi i titoli di stato a tasso fisso affrontano il rischio di tasso di interesse, in quanto le fluttuazioni di quest’ultimi possono causare un calo del valore del prestito obbligazionario.

Titoli di Stato, ultimi articoli su Money.it

Interviene super Mario, quali indicazioni per BTp e titoli di Stato europei?

Le parole del Presidente della BCE, Mario Draghi, a Sintra hanno fatto volare le quotazioni dei ond governativi, con un conseguente crollo dei rendimenti. Poniamo un focus proprio sui titoli di Stato del Vecchio continente, soffermandoci anche sull’analisi tecnica dei futures sui BTp e Bund a 10 anni

Asta BoT a 12 mesi: rendimenti ai minimi da tre mesi

Il Ministero del Tesoro ha comunicato di aver registrato il tutto esaurito nell’asta dei BoT a 12 mesi odierna. Informazioni positive dagli yield, che scendono ai minimi dal collocamento del 12 marzo. Ecco i dettagli

MiniBot: cosa sono e come funzionano

Cosa sono i MiniBot, ossia i «titoli di Stato di piccolo taglio» che potrebbero fungere da «moneta complementare» e preparare il terreno ad una possibile uscita dell’Italia dall’euro? Di seguito la guida completa con tutto quello che c’è da sapere sui MiniBot

Minibot: se non sono moneta parallela forse non ce n’è realmente bisogno

Nelle ultime settimane si è tornati a discutere dei Minibot ideati dall’economista Claudio Borghi. Per alcune persone rappresenterebbero il primo passo per far uscire l’Italia dall’euro, per altri aiuterebbero a rilanciare l’economia e per altri ancora è invece necessario potenziare e rendere più efficaci gli strumenti già esistenti. Quale può essere un’alternativa?

|