Forex, dollaro USA: crollo o salita con l’aumento dei tassi Fed?

Dollaro, rialzo dei tassi di interesse Fed e previsioni: quale sarà la reazione del biglietto verde? Il rally del dollaro è finito?

Dollaro e riunione Fed-: quale sarà la reazione del biglietto verde al rialzo dei tassi di interesse della Federal Reserve di questa sera?

Segui la diretta della riunione Fed con dichiarazioni tradotte in italiano e la reazione dei mercati.
Aggiornamento: la Fed ha aumentato i tassi come previsto, ora tutti gli occhi sono sulle parole del presidente Janet Yellen.

L’ultima volta che la Fed ha aumentato i tassi di interesse risale a dicembre 2015 e tutti gli occhi oggi sono sul primo rialzo in un anno intero. Molte cose sono cambiate nel corso del 2016, ma gli annunci di politica monetaria rimangono dei grandi motori nel mercato delle valute - in particolare quando una banca centrale prevede di attuare un grande cambiamento di politica.

Nello stesso periodo dello scorso anno, la Fed si stava preparando per il primo rialzo dei tassi degli ultimi 10 anni, mentre la mossa di questo mese è meno significativa storicamente, anche se rimane il primo ritocco al rialzo negli ultimi 12 mesi.

Dollaro: crollo o salita con il rialzo dei tassi Fed?

Tutto il mercato oggi si aspetta un rialzo dei tassi di interesse, ma quale sarà la reazione del dollaro? Il biglietto verde salirà o crollerà all’annuncio del FOMC?

Un rialzo dei tassi in genere è positivo per una valuta , ma in questo caso il dollaro americano ha già colpito i massimi degli ultimi mesi prima della riunione con i futures sui Fed Funds che mostrano il mercato prezzare una probabilità del 100% di un aumento alla riunione della Fed di oggi, 14 dicembre 2016.
In altre parole, tutti si aspettano che la Fed alzi i tassi di interesse tanto che la questione ora non è più quando, ma quale sarà la reazione del dollaro all’annuncio.

La risposta ha delle ramificazioni ampie nel mercato del Forex perché tutti i movimenti delle valute principali - compreso il forte calo l’euro, dello yen giapponese e del dollaro australiano - sono stati alimentati dalla forza del dollaro USA.

Quando la Fed ha aumentato i tassi di interesse a dicembre 2015, vi è stata una breve continuazione prima dell’arrivo di una brusca inversione che ha portato il cambio USD/JPY da un massimo di 123,57 a 116 nel giro di un mese e a quota 111 in soli due mesi. Lo scorso anno, il mercato valutava una probabilità del 75% per un aumento e non del 100%.

Segui la diretta della riunione Fed con dichiarazioni tradotte in italiano e la reazione dei mercati.

Dollaro: le previsioni sul rialzo dei tassi Fed

Esistono tre scenari possibili in vista della reazione del dollaro USA al rialzo dei tassi della Fed a dicembre 2016.

1) Dollaro scende: tassi aumentati, Yellen ignora la Forward Guidance
Se la Fed alza i tassi di interesse e la Yellen non dà alcuna indicazione su quando i tassi saliranno ancora, il dollaro USA dovrebbe scendere. Basandoci su quanto rapidamente e aggressivamente il dollaro americano si è apprezzato nel corso dell’ultimo mese, la presa di profitto sulla valuta è attesa da tempo.

Anche se parte del movimento rialzista del biglietto verde può essere attribuita ai piani di spesa di Donald Trump, il magnate non è neanche ancora presidente e nessun programma di spesa importante è stato ancora implementato. Strutturare il programma e ottenere l’ok dal Congresso potrebbe richiedere molto più tempo di quanto Trump si aspetti e le eventuali riforme potrebbero essere molto meno impressionanti. Quindi, se Janet Yellen non convincerà il mercato che i tassi saliranno ancora almeno una volta nel primo trimestre 2017, potrebbe verificarsi una correzione dell’1-2 per cento sul dollaro nei giorni che seguono la riunione Fed di dicembre.

2) Dollaro scende: Yellen aumenta tassi ma annuncia lungo stop
Se la Fed alza i tassi di interesse e la Yellen parla dell’impatto del rialzo sui rendimenti e/o conferma che i futuri aumenti dei tassi saranno strettamente dipendenti dai dati - il che vorrebbe dire che la Fed non vuole impegnarsi in altre eventuali mosse future - il dollaro scenderà, e in modo più aggressivo di quanto descritto nello scenario 1.
Le prese di profitto a fine anno non sarebbero insolite, soprattutto dopo i grandi movimenti che abbiamo visto negli ultimi mesi, ma in questo scenario la discesa del dollaro avrebbe una continuazione - un trade che potrebbe rivelarsi fruttuoso.

Segui la diretta della riunione Fed con dichiarazioni tradotte in italiano e la reazione dei mercati.

3) Dollaro sale: tassi in rialzo, Yellen parla di necessità nuovi aumenti
Se la Fed alza i tassi di interesse e la Yellen esprime il suo ottimismo circa l’economia facendo scomparire le preoccupazioni circa l’aumento dell’inflazione e sottolinea la necessità di un maggiore serraggio, il dollaro americano salirà. Potrebbe essere raggiunta quota 115 sul cambio USD/JPY e area 1.05 sul cambio euro-dollaro.

Ma alla fine della fiera, la riunione di dicembre del FOMC potrebbe rivelarsi una grande delusione in termini di volatilità dei mercati. Tutto il 2016 ci ha portati fino a questo punto e gli investitori hanno avuto molte opportunità per prepararsi. Lo scenario 1 è il più probabile perché i rendimenti sono aumentati e la Fed ha bisogno di tempo per vedere esattamente quanto lo stimolo fiscale dell’amministrazione Trump possa avere impatto. La Yellen non vorrà impegnarsi, i tori del dollaro saranno delusi, dando agli investitori un buon motivo per prendere i profitti sulle posizioni long sul biglietto verde.

Questo, tuttavia, non significa che il rally del dollaro è finito.

Iscriviti alla newsletter Analisi dei Mercati

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.