Forex, USD/CAD torna a 1,30 con petrolio e Fed: arriva l’inflazione. Quali target?

Il cambio dollaro USA-dollaro canadese si avvia a chiudere una settimana di soli ribassi con importanti market mover: vediamo quali prospettive attendono USD/CAD.

Il cambio dollaro USA-dollaro canadese cerca con la giornata di oggi di frenare il ribasso che prosegue da lunedì.

Il prezzo del petrolio ha ripreso a salire nel continuo su e giù che porta avanti intorno a quota $45, fattore che ha portato al deprezzamento di USD/CAD, dopo il raggiungimento dell’1,325.

La riunione Fed di mercoledì ha poi accelerato la perdita di valore del dollaro USA e condotto il cambio nuovamente a testare l’1,30, prima di un accenno di ripresa nella sessione odierna.

Il calendario economico vede l’arrivo di importanti market mover per il dollaro canadese, che avrà la possibilità con oggi di confermare o invertire l’andamento settimanale, nel tentativo di uscire dal range di prezzi nel quale viaggia da tre mesi.

Vediamo ora nel dettaglio la situazione e le prospettive del cambio dollaro USA-dollaro canadese.

Forex, dollaro USA-dollaro canadese tenta il rialzo: in arrivo l’inflazione

Il cambio dollaro USA-dollaro canadese risale oltre quota 1,305 dopo il test effettuato durante la giornata di ieri dell’1,30, importante livello di supporto e soglia psicologica.

La riunione Fed ha agevolato il movimento tenuto da USD/CAD ma è il prezzo del petrolio il vero market driver che ne determina l’andamento. I continui su e giù che porta avanti da settimane tra quota $40 e $50 si riflettono alla perfezione negli swing tenuti dal cambio, come osservabile dal seguente grafico giornaliero:

La resistenza a 1,325 si sta confermando un muro insuperabile per dollaro USA-dollaro canadese, incapace di salire al di sopra dallo scorso marzo.

L’ultimo tentativo in ordine di tempo è stato anche il più convinto, con il cambio che ha trovato sostegno dal supporto a 1,314, ma la riunione Fed ha annullato il tentativo e proiettato nuovamente il cross al ribasso.

I continui swing sembrano però mostrare una tendenza rialzista, come evidenziato dalla trendline nella parte bassa del grafico.

USD/CAD tende quindi al rialzo, pur non trovando la spinta sufficiente a superare quota 1,325, vero target per sbloccare la situazione delle ultime settimane.

Alle 14:30 di oggi sono in arrivo importanti market mover per il dollaro canadese, che potrebbero offrire sorprese in questo finale di settimana.

L’inflazione del mese di agosto e le vendite generali al dettaglio di luglio sono entrambi previsti in rialzo per il Canada. Se la pubblicazione dei dati dovesse riflettere o superare le aspettative del mercato è possibile che il dollaro canadese si apprezzi ulteriormente nei confronti del biglietto verde, tornando al di sotto di quota 1,30.

Il ribasso così troverebbe continuità e avrebbe come principali target il supporto a 1,290 e il completamento dell’attuale swing ribassista verso la base della trendline, condannando USD/CAD a ripercorrere nuovamente le stesse strade.

Se invece dovessero arrivare notizie deludenti con i dati di oggi la valuta canadese potrebbe deprezzarsi nei confronti del dollaro USA e consentire al cross un ritorno sopra la media mobile a 20 periodi.

A quel punto un ritorno al di sopra di quota 1,313 costituirebbe la premessa per tentare un nuovo approccio alla resistenza più alta, nel tentativo di terminare questo percorso di accumulazione e sfogare nella direzione che sembrerebbe quella più naturale.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories