Fed sempre più aggressiva: così si combatte l’inflazione secondo Powell

Violetta Silvestri

22 Marzo 2022 - 08:46

condividi

La Federal Reserve è pronta a intensificare la sua politica di aumento dei tassi per combattere un’inflazione sempre più da record: con queste parole Powell ha mostrato un tono aggressivo.

Fed sempre più aggressiva: così si combatte l'inflazione secondo Powell

Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha promesso un’azione dura e decisa sull’inflazione, che secondo lui mette a repentaglio una ripresa economica altrimenti forte.

La banca centrale USA è pronta ad aumentare i tassi di interesse di mezzo punto percentuale nella sua prossima riunione, se necessario: questo il messaggio diffuso, apparso a tutti con tono più aggressivo rispetto a quello utilizzato solo pochi giorni prima.

Powell ha segnalato che c’è ora un’urgenza nella sfida contro l’inflazione che non era così visibile solo una settimana fa, quando la Fed ha effettuato il suo primo aumento dei tassi in tre anni.

La banca centrale statunitense, quindi, è pronta a una strategia aggressiva: cosa significa?

Fed: rialzo dei tassi di mezzo punto in arrivo?

I responsabili politici Fed hanno alzato il tasso di prestito di riferimento di un quarto di punto nel loro incontro della scorsa settimana - ponendo fine a due anni di costi finanziari vicini allo zero - e quest’anno hanno segnalato altri sei aumenti di tale entità, sulla base della proiezione mediana.

Ora, Powell ha indicato che aumenti di mezzo punto potrebbero essere sul tavolo quando ci sarà la prossima riunione il 3-4 maggio.

“Se concludiamo che è appropriato muoverci in modo più aggressivo aumentando il tasso sui fondi federali di oltre 25 punti base lo faremo”, ha detto Powell in un discorso.

L’analisi del governatore si basa su una semplice considerazione: il mercato del lavoro è molto forte e l’inflazione è troppo alta. Per questo, “c’è un’ovvia necessità di agire rapidamente per riportare la posizione della politica monetaria a un livello più neutrale, e quindi passare a livelli più restrittivi se questo è ciò che è necessario per ripristinare la stabilità dei prezzi”

In base a questo approccio Fed più aggressivo, il tasso di riferimento a breve termine - bloccato per due anni vicino allo zero - aumenterebbe a un intervallo compreso tra il 2,25% e il 2,5% entro la fine dell’anno, superiore all’1,9% previsto dai politici della Fed solo la scorsa settimana.

Le azioni sono scivolate ai minimi della sessione dopo le osservazioni di Powell mentre i rendimenti dei Treasury sono aumentati.

Cosa aspettarsi per l’economia USA

Il tasso di disoccupazione negli Stati Uniti è attualmente al 3,8% e le offerte di lavoro pro capite sono a livelli record, una combinazione che sta facendo aumentare i salari più velocemente di quanto sia sostenibile.

C’è un eccesso di domanda e in linea di principio una politica monetaria meno accomodante potrebbe ridurre la pressione sul mercato del lavoro e aiutare a stabilizzare l’inflazione senza aumentare la disoccupazione, generando un atterraggio morbido piuttosto che una recessione: questo il ragionamento di Powell.

L’inflazione, secondo l’indicatore preferito della Fed, è tre volte l’obiettivo del 2% della banca centrale, spinto verso l’alto da catene di approvvigionamento sotto stress che hanno impiegato più tempo per normalizzarsi e che potrebbe peggiorare man mano che la Cina risponde alle nuove ondate di Covid con nuovi blocchi.

In aggiunta alla pressione sui prezzi, la guerra della Russia in Ucraina sta facendo aumentare il costo del petrolio, minacciando di far salire ulteriormente l’inflazione. Gli Stati Uniti, ora il più grande produttore mondiale di petrolio, sono in grado di resistere meglio a uno shock petrolifero rispetto agli anni ’70, ha osservato Powell.

“Cresce il rischio che un lungo periodo di alta inflazione possa spingere le aspettative a lungo termine al rialzo spiacevole, il che sottolinea la necessità che il comitato si muova rapidamente come ho descritto”, ha concluso il governatore.

I commenti suggeriscono che Powell vede un’inflazione ancora più elevata come un rischio maggiore per l’economia rispetto a qualsiasi rallentamento a breve termine derivante dai consumi a causa dei costi del carburante e della crescente incertezza.

L’economia USA, in geerale, è vista come molto forte e ben posizionata per gestire tassi di interesse più elevati. I funzionari della Fed scorsa settimana hanno previsto una crescita economica del 2,8% quest’anno, ma l’invasione russa dell’Ucraina ha gettato nuovi rischi nelle loro prospettive.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.