Enpaia, cassa di previdenza agricoltura: iscrizione, prestazioni e contributi

Isabella Policarpio

24/03/2021

24/03/2021 - 12:41

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Guida completa sull’Enpaia, la cassa previdenziale per gli addetti e impiegati nell’agricoltura: come iscriversi, contributi, Tfr e contatti utili.

Enpaia, cassa di previdenza agricoltura: iscrizione, prestazioni e contributi

L’Enpaia è l’Ente Nazionale di Previdenza per gli Addetti e per gli Impiegati in Agricoltura e si occupa di erogare ai suoi iscritti la previdenza obbligatoria (pensione di invalidità, vecchiaia e superstiti), gestire il Tfr, l’assicurazione contro gli infortuni e molto altro.

Fanno riferimento all’Enpaia, ad esempio, il CCNL per i dipendenti dalle organizzazioni degli allevatori, consorzi ed enti zootecnici, CCNL per i dipendenti di cooperative e consorzi agricoli; CCNL per i dirigenti dell’agricoltura.

In questa guida tutte le informazioni utili per capire come funziona l’ente per gli addetti all’agricoltura, gli obblighi contributivi previsti e i contatti a cui rivolgersi.

Enpaia cos’é

L’Enpaia è una Fondazione di diritto privato che si occupa della previdenza obbligatoria per impiegati e dirigenti agricoli, periti agrari e agrotecnici. Enpaia è una sigla che sta per “Ente Nazionale di Previdenza per gli Addetti e per gli Impiegati in Agricoltura” ed è stata istituita nel 1996.

I soggetti beneficiari, elencati sul portale ufficiale dell’Enpaia sono:

  • Imprenditori, Società, Consorzi ed Enti che esercitano attività agricola o attività connesse
  • Istituti, Enti e Associazioni che attuano e promuovono difesa, miglioramento e incremento della produzione agricola
  • Consorzi di miglioramento fondiario e di irrigazione
  • Consorzi di bonifica, per fondo di previdenza e copertura infortuni
  • Tabacchifici e frantoi di olive per i soli impiegati
  • Enti di diritto pubblico, limitatamente ad imprese ed aziende da essi gestite
  • Agenzie di somministrazione per i soli impiegati e dirigenti di cui ai punti precedenti

Sono inoltre tenuti ad effettuare l’iscrizione presso Enpaia, nelle sezioni in gestione separata, i periti agrari, i periti agrari laureati e gli agrotecnici. Per questi ultimi ci sono differenti contributi e prestazioni rispetto a chi è iscritto alla gestione ordinaria.

Per quanto riguarda i consorzi di bonifica, per loro è disposta l’iscrizione all’Enpaia per la gestione istituzionale per quanto concerne il solo fondo di previdenza e la copertura infortuni e al Fondo di Accantonamento del Trattamento di Quiescenza dei Dipendenti Consorziali.

Enpaia registrazione iscritti: cosa serve

Per iscriversi all’Enpaia è necessario effettuare la procedura di registrazione. Per gli iscritti presso la gestione ordinaria è possibile acquisire il PIN collegandosi alla sezione “Registrazione iscritto” presente nella home del sito della cassa di previdenza.

Una volta completata la procedura, si potrà disporre della prima metà del PIN necessario per l’iscrizione al portale online. L’ulteriore metà sarà recapitata per posta.

Per ultimare la registrazione, l’iscritto deve essere in possesso del numero di matricola enpaia e della copia di un documento di identità valido, in formato PDF.

Le informazioni necessarie sono le seguenti:

  • matricola empaia;
  • nome e cognome
  • codice fiscale
  • sesso
  • data, provincia e comune di nascita
  • titolo di studio
  • indirizzo
  • numero cellulare
  • email
  • PEC

Per agrotecnici e periti agrari al contrario si dovrà accedere alla sezione “Servizi on line” del sito dell’Enpaia e, successivamente, selezionare la gestione separata alla quale si è interessati. Il codice utente corrisponderà alla matricola mentre la password è rilasciata al momento dell’iscrizione all’Enpaia.

Enpaia e Tfr

Ai sensi della legge 29 novembre 1962, n.1655, impiegati, quadri e i dirigenti agricoli, a fronte della retribuzione all’Enpaia, ricevono le seguenti prestazioni:

  • Trattamento di fine rapporto (TFR)
  • Fondo di previdenza
  • Infortuni professionali ed extra professionali

Il Tfr viene erogato ai dipendenti al momento della cessazione del rapporto di lavoro nella misura degli accantonamenti annuali pari all’1/13,5% della retribuzione annua contributiva, rivalutati di un tasso pari all’1,5% oltre il 75% dell’aumento dell’indice dei prezzi al consumo.

Sono esclusi dall’erogazione del Tfr i dipendenti dei Consorzi di Bonifica, Irrigazione e Miglioramento Fondiario aderenti al Fondo di cui alla Convenzione del 1971.

Enpaia contributi 2021

Con riguardo ai contributi, questi sono determinati nella misura seguente:

  • il contributo per il fondo di previdenza è stabilito nella misura del 4% della retribuzione, di cui il 2,50% a carico dei datori di lavoro e l’1,50 % a carico dei dipendenti
  • il contributo per il fondo di accantonamento del Tfr è stabilito nella misura del 6,50% della retribuzione ed è posto a totale carico dei datori di lavoro
  • il contributo per l’assicurazione contro gli infortuni è stabilito nella misura del 2% per i dirigenti e dell’1% per gli impiegati dell’agricoltura. Esso è ripartito per metà a carico dei datori di lavoro e per metà a carico dei dirigenti e degli impiegati assicurati.

Per le spese di accertamento e di riscossione sopra elencate, i datori di lavoro devono corrispondere all’ente un’addizionale nella misura del 4% sull’importo dei contributi stessi.

Contatti

Indirizzo Viale Beethoven 48; Roma 00144
E-mail info@enpaia.it
PEC info@pec.enpaia.it
Call Center 800.242624

Iscriviti alla newsletter

Money Stories
SONDAGGIO