Pensione nati 1954 e 1955: le possibilità di quiescenza

Lorenzo Rubini

17 Marzo 2021 - 13:41

condividi
Facebook
twitter whatsapp
Pensione nati 1954 e 1955: le possibilità di quiescenza

Per chi si avvicina ai 67 anni di età le possibilità di pensionarsi in breve tempo diventano più concrete visto che, se non si riesce a centrare una pensione anticipata si potrà accedere a quella di vecchiaia in tempi abbastanza veloci.

In questo articolo risponderemo a due lettori di Money.it nati rispettivamente nel 1954 e nel 1955 per capire le reali possibilità di quiescenza.

Pensione nati 1953 e 1954

  • “Salve ho 32 anni di contributi e sono nato il 30 12 1954 quando posso fare la domanda di pensione e quando ci andrò grazie.”

Con 64 anni compiuti da poco e 32 anni di contributi l’unica possibilità di pensionamento anticipato è offerta dall’Ape sociale che può cogliere, entro il 31 dicembre 2021, solo se rientra in uno dei profili tutelati.

Possono accedere all’Ape sociale coloro che hanno compiuto i 63 anni e sono in possesso di almeno 30 anni di contributi a patto che si trovino in una delle seguenti condizioni:
1) lavoratori disoccupati che hanno finito da almeno 3 mesi di fruire dell’intera Naspi spettante;
2) lavoratori invalidi con percentuale pari o superiore al 74%;
3) lavoratori che al momento della domanda assistono da almeno 6 mesi un familiare convivente con handicap grave ai sensi della legge 104.

Se non si trova in una delle sopra indicate condizioni, pertanto, potrà accedere alla pensione di vecchiaia non appena compie i 67 anni.

  • “Buongiorno sono nato nel 1955 e sono in possesso di 40 anni di contributi accreditati, tra figurativi ed effettivi. Vorrei capire se arrivo prima alla pensione anticipata o a quella di vecchiaia.”

Con circa 63 anni di età e con 40 anni di contributi potrebbe accedere fin da subito al pensionamento anticipato con la quota 100, avendo raggiunto sia il requisito anagrafico che quello contributivo richiesti per l’accesso.

Se, invece, punta al pensionamento con le misure previste dalla riforma Fornero le mancano: per la pensione di vecchiaia 4 anni visto che potrà accedere al compimento dei 67 anni (più eventuale aumento per aspettativa di vita Istat) mentre per la pensione anticipata 3 anni circa visto che per gli uomini sono richiesti 42 anni e 10 mesi di contributi maturati ed una finestra di attesa di 3 mesi per la decorrenza del trattamento previdenziale.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Argomenti

Iscriviti alla newsletter

Money Stories
SONDAGGIO