TFR

Il Tfr o trattamento di fine rapporto consiste nelle somme che il datore di lavoro ha trattenuto mensilmente dalle buste paga del lavoratore e viene versato allo stesso al momento della cessazione del rapporto di lavoro.
Il versamento del Tfr avviene a patto che il lavoratore abbia deciso di mantenere tali somme in azienda.
Oltre a scegliere di destinare il Tfr in azienda il lavoratore dal 2015 ha la possibilità di scegliere di percepire il Tfr in busta paga: in questo modo il Tfr andrà ad aumentare mensilmente lo stipendio percepito, mentre al momento della cessazione del rapporto di lavoro non spetterà nulla.
E’ possibile inoltre destinare il tfr a forme di previdenza complementare, come ad esempio i fondi pensione.
Per calcolare il Tfr bisogna considerare due variabili: lo stipendio mensile percepito e la variazione annua Istat.

Per approfondire l’argomento leggi anche le guide:

TFR, ultimi articoli su Money.it

Liquidazione TFS dopo pensione quota 100: dopo quanto?

Lorenzo Rubini

18 Marzo 2021 - 14:29

Liquidazione TFS dopo pensione quota 100: dopo quanto?

Il trattamento di fine servizio per i dipendenti pubblici viene liquidato in tempi molto lunghi, che si allungano ancora di più quando si sceglie il pensionamento con la quota 100.

In cassa integrazione si maturano ferie, permessi e TFR?

Isabella Policarpio

19 Novembre 2020 - 17:02

In cassa integrazione si maturano ferie, permessi e TFR?

Molti dipendenti in cassa integrazione si chiedono come funziona la maturazione di ferie, ore di permesso, ratei di tredicesima e quattordicesima e TFR. Ecco cosa c’è da sapere.

Anticipo TFS statali al via, novità INPS: come funziona e domanda

Teresa Maddonni

18 Novembre 2020 - 18:30

Anticipo TFS statali al via, novità INPS: come funziona e domanda

Al via l’anticipo del TFS per gli statali fino a 45mila euro con le ultime novità introdotte da INPS per ottenere la certificazione. Operativa anche la piattaforma online per richiederlo alle banche. Vediamo come funzione e come fare domanda.