TFR

Il Tfr o trattamento di fine rapporto consiste nelle somme che il datore di lavoro ha trattenuto mensilmente dalle buste paga del lavoratore e viene versato allo stesso al momento della cessazione del rapporto di lavoro.
Il versamento del Tfr avviene a patto che il lavoratore abbia deciso di mantenere tali somme in azienda.
Oltre a scegliere di destinare il Tfr in azienda il lavoratore dal 2015 ha la possibilità di scegliere di percepire il Tfr in busta paga: in questo modo il Tfr andrà ad aumentare mensilmente lo stipendio percepito, mentre al momento della cessazione del rapporto di lavoro non spetterà nulla.
E’ possibile inoltre destinare il tfr a forme di previdenza complementare, come ad esempio i fondi pensione.
Per calcolare il Tfr bisogna considerare due variabili: lo stipendio mensile percepito e la variazione annua Istat.

Per approfondire l’argomento leggi anche le guide:

TFR, ultimi articoli su Money.it

Rivalutazione Tfr: la guida completa

Paolo Ballanti

29 Agosto 2022 - 10:35

Rivalutazione Tfr: la guida completa

Che funzione ha la rivalutazione Tfr? Come viene calcolata e che effetti ha sul Trattamento di Fine Rapporto? Ecco una guida completa sulla rivalutazione Tfr e la sua tassazione.

Anticipo Tfr, come viene tassato?

Caterina Gastaldi

25 Luglio 2022 - 18:11

Anticipo Tfr, come viene tassato?

Come funziona la tassazione dell’anticipo del Tfr nel 2022, e quando e come si può richiedere?

Anticipo Tfr: si può richiedere due o più volte?

Claudio Garau

21 Luglio 2022 - 13:28

Anticipo Tfr: si può richiedere due o più volte?

Il TFR matura nel rapporto di lavoro ed è formato dalla somma di accantonamenti annui di una quota di retribuzione rivalutata periodicamente. L’anticipo TFR può essere ottenuto più di una volta?