Covid, test della saliva con lo smartphone: cos’è e come funziona

Laura Pellegrini

17 Febbraio 2021 - 15:24

condividi
Facebook
twitter whatsapp

In Francia e in USA sono in corso studi per la realizzazione di un test salivare rapido che ti dice in 10 minuti se sei positivo al Covid-19 tramite un adattatore per smartphone. Ecco come funziona.

Covid, test della saliva con lo smartphone: cos'è e come funziona

Un test della saliva che in 10 minuti ti dice se sei positivo al Covid-19, tramite un adattatore per smartphone: questo innovativo strumento, che potrebbe rappresentare una svolta in ambito tecnico-scientifico, si chiama Cordial-1 e vi sta lavorando un team di ricercatori francesi da marzo 2020.

I primi risultati sono promettenti: l’affidabilità di questi test è pari al 90% (mentre per i test molecolari è pari al 95%), ma occorrono nuove sperimentazioni.

Anche negli Stati Uniti sono stati condotti test che hanno fornito i medesimi risultati francesi, seppur sfruttando un meccanismo un po’ diverso.

Cos’è e e come funziona il test salivare per il Covid-19 che sfrutta lo smartphone e quando potremo usarlo in Italia?

Test salivare tramite smartphone: come funziona

Il test salivare è uno strumento che permette di rilevare la positività al Covid-19 in modo più rapido rispetto a un tampone molecolare (i cui risultati arrivano generalmente entro 48 ore).

Quello che alcuni ricercatori di Lille, nel nord della Francia, stanno sviluppando è un nuovo test salivare su che collegato tramite USB allo smartphone permette di ricevere i risultati in una decina di minuti.

Il “Cordial-1” è molto semplice da utilizzare: consiste nel prelevare una goccia di campione di saliva da depositare su un’apposita striscetta che viene poi inserita in una provetta. Il contenuto viene messo a contatto di un elettrodo (molto simile a una chiavetta USB) connesso allo smartphone e dopo circa 10 minuti l’esito del test appare sullo schermo.

Test della saliva su smartphone: lo studio USA

Anche negli USA, all’Università dell’Ariziona, sono in corso degli studi simili. La ricerca pubblicata su “Nature Protocols”, oltre a ribadire quanto già scoperto dai ricercatori francesi, elenca tutti i vantaggi legati all’utilizzo di un test rapido della saliva per il Covid-19.

Il funzionamento dello strumento americano, però, è un po’ più complesso. Qui lo smartphone viene utilizzato per esaminare le immagini ingrandite dei campioni di saliva che una volta raccolti vanno fatti interagire con anticorpi resi fluorescenti attraverso un’applicazione scaricata sul dispositivo.

Se gli anticorpi si ammassano e sono visibili, significa che il coronavirus è presente; in caso contrario non si riescono a vedere tramite l’applicazione.

Un altro gruppo di ricercatori americani dell’Università di Tulane di New Orleans ha messo ha punto un test salivare, che utilizza sempre uno smartphone, e che in circa 15 minuti permette di ottenere un risultato affidabile nel 97% dei casi.

Si tratta di un importante avanzamento nel campo diagnostico. È un test accurato, low cost e non invasivo. Può essere ripetuto diverse volte alla settimana, perfino quotidianamente”, ha commentato il vicepresidente della ricerca della Tulane, Giovanni Piedimonte.

Quando sarà disponibile

Al momento il test rapido della saliva con lo smartphone è ancora in fase di sperimentazione. I ricercatori francesi hanno ottenuto i risultati sullo smartphone tramite un prelievo naso-faringeo, e dunque è necessario sostituire il campione classico con quello salivare per valutare l’affidabilità di quest’ultimo.

Argomenti

Iscriviti alla newsletter

Money Stories