Cosa prevede Shock!, il piano di Renzi per rilanciare l’economia italiana

Matteo Renzi a Torino ha presentato Shock!, il piano con cui il leader di Italia Viva vuole rilanciare l’economia del Paese chiedendo a riguardo l’appoggio del governo e anche dei partiti di opposizione.

Cosa prevede Shock!, il piano di Renzi per rilanciare l'economia italiana

Italia Viva si prepara a dare una scossa al Paese e - soprattutto - al governo giallorosso. Nel corso di un evento a Torino, al Teatro dei Ragazzi, il partito di Matteo Renzi ha lanciato Shock!, un piano da 120 miliardi per rilanciare la crescita.

Si tratta di un insieme di misure che riguardano moltissimi temi come trasporti, dissesto idrogeologico ed edilizia scolastica. “Sblocchiamo tutto”, ha annunciato con la consueta enfasi l’ex premier.

Non è una contromanovra” ci ha tenuto subito a precisare Renzi riguardo al suo piano Shock!, ma un modo per superare gli intoppi burocratici per permettere lo sblocco di 120 miliardi destinati a infrastrutture per le quali i soldi sono già stati stanziati.

Leggi anche Cosa prevede la legge di Bilancio 2020

Il piano Shock! di Renzi per l’economia italiana

L’iniziativa di Italia Viva è stata lanciata mentre la legge di Bilancio 2020 prosegue il suo iter parlamentare. Dalle pagine del Sole 24 Ore di oggi, Matteo Renzi stesso ha anticipato la proposta con una critica alla manovra economica, che “ha il merito di aver evitato l’aumento dell’IVA”, ma “non basta e non può bastare”.

Ci accusano di essere guastatori ma noi vogliamo stare sui problemi concreti, sulle proposte - ha aggiunto l’ex segretario dem - Certo non possiamo assistere inerti all’arrivo della recessione che si preannuncia”.

Il vero problema” afferma Renzi è che “ i progetti non partono, sono bloccati” per poi sottolineare come “ i soldi sono già stanziati e anche la disponibilità privata non manca ma serve una corsia preferenziale sblocca-burocrazia come abbiamo fatto con l’Expo di Milano e con gli scavi di Pompei.

Secondo Italia Viva, che nel corso dell’evento di Torino ha lanciato su Twitter l’hashtag #ItaliaShock, ci sono 120 miliardi di opere pubbliche che possono essere finalmente liberate.

L’obiettivo per l’ex premier è quello di presentare al più presto un articolato testo, così che a inizio del nuovo anno questo possa essere trasformato in un decreto legge dal governo giallorosso.

A riguardo, oltre al premier Giuseppe Conte a agli alleati di governo Movimento 5 Stelle e Partito Democratico, Italia Viva ha lanciato una sorta di appello anche ai partiti di opposizione affinché anche loro votino il provvedimento.

In totale i 120 miliardi di opere andrebbero a sbloccare lavori che interessano sette settori strategici secondo Renzi per il rilancio del Paese: strade e ferrovie, porti e aeroporti, periferie e piani città, dissesto idrogeologico, scuole e ospedali, cultura e turismo e per ultimo energia e green act.

Iscriviti alla newsletter Notizie e Approfondimenti per ricevere le news su Matteo Renzi

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

\ \