Codice tributo 1655: compilazione modello F24

Codice tributo 1655: cos’è e a cosa serve? Istruzioni per la compilazione del modello F24.

Codice tributo 1655: compilazione modello F24

Il codice tributo 1655 è stato istituito dall’Agenzia delle Entrate con la circolare n. 9/E del 2014 e serve per consentire ai datori di lavoro che operano come sostituti d’imposta di recuperare le somme erogate ai lavoratori dipendenti a titolo di bonus 80 euro.

Come noto, il bonus Irpef di 80 euro è erogato ai lavoratori dipendenti direttamente in busta paga. Ad anticiparlo sono i datori di lavoro, i quali operano come sostituti d’imposta e anticipano il credito Irpef spettante.

Per recuperare l’importo anticipato come bonus Renzi l’Agenzia delle Entrate ha istituito il codice tributo 1655 da utilizzare esclusivamente nel modello F24.

Ecco di seguito cos’è nel dettaglio, quando si utilizza il codice tributo 1655 e come compilare il modello F24 per il recupero e l’utilizzo in compensazione del bonus Irpef di 80 euro.

Codice tributo 1655: cos’è?

Il codice tributo 1655 è stato istituito dalla circolare n. 9/E del 2014, al fine di consentire il recupero del credito da parte dei sostituti di imposta che erogano ai lavoratori il bonus 80 euro.

La denominazione esatta del codice tributo 1655 è «Recupero da parte dei sostituti d’imposta delle somme erogate ai sensi dell’articolo 1 del decreto legge 24 aprile 2014, n. 66».

Quando si utilizza il codice tributo 1655?

Il codice tributo 1655 si utilizza quindi per recuperare il credito che i sostituti d’imposta maturano per aver corrisposto il bonus 80 euro ai lavoratori dipendenti.

Come avviene tale recupero per mezzo del codice tributo 1655?

La circolare n. 9/E/2014 dell’Agenzia delle Entrate sul codice tributo 1655 ha chiarito che il recupero del credito da parte dei sostituti d’imposta avviene mediante compensazione con le somme a debito utilizzando il modello di pagamento F24.

Per effetto delle stesse finalità di recupero, alla compensazione medesima non si applicano le regole sui limiti massimi compensabili previste dal D. Lgs. 241/1997.

A questo proposito occorre precisare che nel caso del codice tributo 1655 non opera neanche la limitazione prevista dall’articolo 17 del D. Lgs. 241/1997 in ordine al divieto di compensazione dei crediti relativi alle imposte erariali in presenza di debiti iscritti a ruolo, per imposte erariali ed accessori, di ammontare superiore a euro 1.500.

Ulteriore precisazione riguarda le nuove regole per le compensazioni dei crediti fiscali introdotte con il DL 50/2017. Come specificato sia dall’Agenzia delle Entrate che dai professionisti del settore i nuovi limiti non si applicano all’utilizzo in compensazione del bonus di 80 euro e pertanto alcun limite è fatto alla compilazione del modello F24 con il codice tributo 1655.

Codice tributo 1655: modalità di utilizzo

Il codice tributo 1655 deve essere utilizzato nella sezione erario del modello F24 nella colonna «a credito».

Nei campi «rateazione/regione/prov./mese rif.» e «anno di riferimento» occorre indicare il mese e l’anno in cui è avvenuta l’erogazione del beneficio fiscale, rispettivamente nel formato «00MM» e «AAAA».

Per individuare correttamente il mese e l’anno di pagamento del credito al lavoratore è sufficiente fare riferimento al giorno in cui è stato pagato lo stipendio.

In caso di erroneo utilizzo in eccesso del bonus Renzi, il ravvedimento può essere effettuato versando il codice tributo 1655 “al contrario” ovvero nella colonna a debito. In questo senso si consiglia la lettura della risoluzione 452/E/2008 dell’Agenzia delle Entrate.

Codice tributo 1655: istruzioni compilazione modello F24

Riassumiamo di seguito per punti le istruzioni per la compilazione del modello F24 per il recupero da parte del datore di lavoro delle somme erogate a titolo di bonus Irpef di 80 euro:

  • codice tributo: indicare 1655
  • rateazione/regione/prov/mese rif: ad esempio 03 se si tratta del mese di marzo
  • anno di riferimento: Anno in cui è avvenuta l’erogazione del beneficio fiscale (recupero bonus sostituto), ad esempio 2017
  • importi a debito versati: non compilare
  • importi a credito compensati: indicare l’importo a credito
  • TOTALE A: somma degli importi a debito indicati nella Sezione Erario, non compilare se non sono presenti importi a debito
  • TOTALE B: somma degli importi a credito indicati nella Sezione Erario
  • SALDO (A - B): indicare il saldo (TOTALE A - TOTALE B)
    (9) codice ufficio: non compilare
    (10) codice atto: non compilare

Iscriviti alla newsletter "Fisco" per ricevere le news su Modello F24

Condividi questo post:

Commenti:

Prova gratis le nostre demo forex

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Potrebbero interessarti

Martina Cancellieri -

Sport bonus: codice tributo per l’utilizzo in compensazione del credito d’imposta

Sport bonus: codice tributo per l'utilizzo in compensazione del credito d'imposta

Commenta

Condividi

Francesco Oliva

Francesco Oliva

1 settimana fa

F24 contributi 2018 artigiani e commercianti: nuovo messaggio INPS

F24 contributi 2018 artigiani e commercianti: nuovo messaggio INPS

Commenta

Condividi

Martina Cancellieri -

Sospensione modello F24, criteri e procedura nel provvedimento delle Entrate

Sospensione modello F24, criteri e procedura nel provvedimento delle Entrate

Commenta

Condividi