Caos mercati: inflazione e Cina spingono il tonfo

Violetta Silvestri

6 Maggio 2022 - 08:35

condividi

Ci si avvia verso un fine di settimana turbolento per i mercati: il timore inflazione e la debolezza economica in Cina hanno pesato sul sentiment. A Wall Street è stato un tonfo, rosso anche in Asia.

Caos mercati: inflazione e Cina spingono il tonfo

Mercati in agitazione: azioni e obbligazioni scivolano pesantemente e il dollaro sale mentre l’inflazione, l’aumento dei costi finanziari e il blocco cinese del Covid stanno deprimendo il sentiment degli investitori.

I titoli dell’Asia-Pacifico sono ampiamente diminuiti negli scambi di venerdì dopo che un calo notturno a Wall Street ha portato il Dow Jones al suo giorno peggiore dal 2020.

L’avversione al rischio ha spazzato via il rally registrato sulla scia della decisione della Federal Reserve di mercoledì. La banca centrale statunitense ha aumentato i tassi d’interesse di più dal 2000, respingendo al contempo i discorsi di rialzi più aggressivi.

Il sentimento, però, è rapidamente scivolato di nuovo sulla fredda realtà dell’inasprimento delle condizioni finanziarie. Anche la guerra in Ucraina e l’epidemia di Covid in Cina stanno suscitando angoscia e alimentando preoccupazioni per il rischio di una recessione. Inoltre, Bank of England ha messo in guardia il Regno Unito di un’inflazione che potrà arrivare anche al 10%.

I mercati, quindi, stanno piombando nel caos.

Da Wall Street all’Asia è crollo nei mercati: che succede

Wall Street ha chiuso in forte ribasso in una brusca inversione rispetto al rally della precedente sessione di negoziazione, con il Nasdaq che ha registrato il suo più grande calo di un giorno da giugno 2020.

Il Nasdaq Composite, composto da molte delle più grandi società tecnologiche statunitensi, è sceso del 5%. Anche l’indice blue-chip S&P 500 è diminuito in modo significativo, scivolando del 3,5% con oltre il 95% dei titoli nel benchmark che ha chiuso al ribasso.

Tutti i grandi settori sono stati in rosso, con industrie tra cui le società di beni di consumo discrezionali e tecnologiche a toccare i maggiori tonfi.

I mercati sono stati duramente colpiti quest’anno poiché gli investitori hanno ridimensionato le previsioni di crescita globale tra le preoccupazioni per un rallentamento della Cina e gli effetti dell’invasione russa dell’Ucraina.

Più di 8 trilioni di dollari sono stati spazzati via dal valore del mercato azionario statunitense quest’anno, con gli hedge fund e altri investitori che hanno tagliato le posizioni.

In Asia, l’indice Hang Seng di Hong Kong ha guidato le perdite a livello regionale, essendo sceso del 3,57% nel pomeriggio. Nella Cina continentale, lo Shanghai Composite e lo Shenzhen Component perdono oltre il 2%.

Richard Martin, consulente aziendale e amministratore delegato di IMA Asia, ha commentato: “In Asia, ovviamente, siamo molto influenzati da ciò che fa la Fed statunitense e dall’economia statunitense, ma ora affrontiamo il problema zero-Covid dalla Cina. Molti componenti e materiali provengono dalla Cina, quindi oltre alla domanda debole nazionale, avremo una carenza di componenti che dal lato dell’offerta nei mercati asiatici interromperà il funzionamento delle fabbriche.”

Pechino, intanto, ha ribadito la sua preferenza per una strategia di lockdown per eliminare il Covid nonostante il costo economico. I massimi leader hanno messo in guardia dal mettere in discussione la cosiddetta strategia Covid Zero del presidente Xi Jinping.

Separatamente, la nazione ha ordinato alle agenzie del Governo centrale e alle società sostenute dallo Stato di sostituire i personal computer di marca straniera con alternative nazionali entro due anni.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Selezionati per te

Correlato