Cambiare euro in dollari, dove conviene? Consigli utili

Flavia Provenzani

24/07/2017

02/04/2020 - 15:01

condividi

Dove e come cambiare euro in dollari? Guida completa su tutti i modi per convertire l’euro in biglietti verdi e quale conviene di più.

Cambiare euro in dollari, dove conviene? Consigli utili

Devi cambiare gli euro in dollari. Probabilmente stai per partire per un viaggio negli Stati Uniti e hai bisogno che qualcuno cambi i tuoi euro in dollari americani per poter effettuare tutti i tuoi acquisti negli USA. Ma come fare e soprattutto dove andare?

Chi non ha mai dovuto cambiare i propri euro in dollari si trova sperduto e spesso è difficile comprendere quale sia la strada più conveniente. In molti casi le commissioni sono alte e bisogna pagare fin troppo per poter ricevere dollari in cambio degli euro.

Ecco una guida completa su come e dove cambiare euro in dollari americani, tutti i modi possibili per cambiare sia in Italia che negli Stati Uniti, i pro e i contro di recarsi in banca, utilizzare la carta di credito o la PostePay o utilizzare i contanti.

Cambiare euro in dollari

Stai per partire per gli Stati Uniti e il tuo prossimo passo è capire come cambiare gli euro in dollari e dove conviene di più effettuare il cambio.

Il cambio euro-dollaro è il cambio più famoso nel mercato del Forex (sai già cos’è il Forex?) e il suo valore cambia ogni minuto.

Intanto, per avere un’idea generale, ti consigliamo di scoprire quanto vale un dollaro in euro secondo il mercato delle valute, così da sapere se il tasso di cambio offerto da una banca o da un ufficio cambi è conveniente oppure no oppure se conviene di più utilizzare esclusivamente la propria carta di credito per effettuare pagamenti direttamente in dollari una volta atterrati in territorio statunitense. Infine, è un ottimo strumento per calcolare quanti dollari ti serviranno per la tua vacanza negli Stati Uniti.

A livello generale possiamo dire che il dollaro è una valuta più forte rispetto all’euro, e quindi vale di più. Al momento un euro vale ben 1,10 dollari circa.

Dove conviene?


I viaggiatori hanno esigenze e tempi diversi quindi non esiste una risposta unica alla domanda su dove conviene cambiare i propri euro in dollari statunitensi.
È vero, però, che esistono molti pro e contro per le varie possibilità che si esistono per cambiare l’euro in biglietti verdi, simpatico soprannome per i dollari USA.

In banca

Una delle possibili soluzioni per chi vuole arrivare negli Stati Uniti direttamente con dei dollari in tasca è quello di recarsi presso la propria banca e chiedere che cambino una quantità di euro in dollari.

Pro: È la soluzione migliore per avere in breve tempo dei dollari contanti in tasca e non avere l’urgenza di cambiare i propri euro contanti negli Stati Uniti.
Contro: Le commissioni possono essere più alte della media, senza considerare il tempo impiegato per recarsi fisicamente presso la filiale. In più, a seconda dell’importo da cambiare, è possibile che la banca non abbia tutto l’ammontare di dollari che vogliamo in filiale. Per questo motivo è sempre opportuno chiamare prima e prenotare la somma di dollari che vogliamo avere.|

Alle Poste

Un’altra possibilità da sfruttare per chi vuole cambiare euro in dollari in Italia è quella di recarsi presso una filiale di Poste Italiane sul territorio.

Pro: Potrai avere i dollari che vuoi prima di partire.
Contro: Costo di commissione fissa a circa 5 euro per operazione, tasso di cambio poco vantaggioso, fila di attesa alla posta e necessità di prenotazione.

In un ufficio cambi in Italia

Soprattutto nelle grandi città è possibile trovare dei piccoli uffici cambio in strada che permettono ai turisti, ma anche agli italiani, di cambiare le valute e quindi convertire gli euro in dollari.

Pro: Poca fila di attesa, non c’è la necessità di prenotare preventivamente la somma di dollari di cui hai bisogno.
Contro: Commissioni molto alte, solitamente questi uffici si trovano in centro città difficilmente raggiungibile con il proprio mezzo privato.

Con Bancomat (ATM) negli Stati Uniti

Una volta negli Stati Uniti, potrai utilizzare la tua carta di credito in uno dei numerosi sportelli Bancomat su strada (lì vengono chiamati ATM) e ritirare direttamente dei dollari in contatti. Il cambio da euro in dollari, infatti, viene effettuato in automatico.

Pro: Velocità e praticità. Inoltre, a seconda della propria banca (raccomandiamo di leggere i termini di utilizzo nel contratto di apertura del proprio conto corrente) le commissioni possono essere molto basse e il cambio mediamente vantaggioso.
Contro: Molti ATM negli Stati Uniti non danno la possibilità di impostare la lingua Italiana e bisogna fare molta attenzione alla zona in cui si trova lo sportello per questioni di sicurezza. In caso di problemi con il prelievo di contanti, potrebbe essere complicato presentare la problematica all’impiegato di banca statunitense.

In un ufficio cambi negli Stati Uniti


Come in Italia, anche le zone più turistiche degli Stati Uniti (compresi gli aeroporti) hanno degli uffici di cambio in cui convertire gli euro in dollari

Pro:Solitamente questi uffici cambi sono collocati in zone comode e strategiche.
Contro:Tassi di cambio poco convenienti.

Pagare con carta di credito (senza cambiare euro in dollari)

Un’ultima soluzione è quella di pagare direttamente con la propria carta di credito. Negli Stati Uniti è molto diffuso questo tipo di pagamento. Pochissimi statunitensi utilizzano il denaro contante. Pensa che è assolutamente normale pagare anche solo un caffè o una bottiglietta d’acqua con la carta di credito.

Pro: Velocità, nessuna necessità di cambiare i propri euro in dollari o fare dei confronti per capire chi offre il cambio migliore.
Contro: Utilizzare molto la carta di credito aumenta le probabilità di incorrere in qualche truffa, come la clonazione. È pur vero che ormai i sistemi di controllo hanno fatto passi da giganti, ma una parte di rischio ancora persiste. La carta, inoltre, deve essere abilitata per le transazioni all’estero e potrebbero esserci dei limiti di spesa giornaliera.

Pagare con la PostePay

È possibile pagare con la PostePay senza cambiare euro in dollari: la carta prepagata è riconosciuta negli Stati Uniti, ma non da tutti gli esercenti.

Pro: Come con la carta di credito, non c’è bisogno di cambiare gli euro in dollari.
Contro: Non tutti gli esercizi commerciali riconoscono valida la carta PostePay negli Stati Uniti per la mancanza del nome del titolare sul fronte della carta stessa. Per questo motivo non è possibile sapere con certezza se si potrà utilizzare la propria PostePay per pagare in dollari, quindi è sempre necessario avere dei dollari contanti in tasca.

Dove conviene cambiare euro in dollari?

Alcuni consigliano di partire con già alcuni dollari in contanti in tasca e di cambiarli presso la propria banca. Per questioni di sicurezza sarebbe bene contare su una carta ricaricabile una volta negli Stati Uniti - attenzione che abbia inciso il nome del titolare, altrimenti potresti avere dei problemi come nel caso della PostePay.

Per sentirsi più sicuri, in caso di forti necessità, è bene avere una carta di credito in portafoglio dalla quale attingere dollari extra se i tuoi conti sulle spese preventivate si saranno rivelati errati (non preoccuparti, succede anche ai migliori).

Argomenti

Iscriviti a Money.it