COVID-19: Speranza, prime dosi vaccini in Italia entro fine anno. Il presunto piano segreto

Il ministro della salute auspica l’arrivo delle prime dosi del vaccino anti Covid di Oxford entro fine dicembre. Speranza parla di Mes e delle accuse dell’opposizione sul presunto piano segreto del governo per l’emergenza coronavirus. Un commento anche sulle elezioni regionali.

COVID-19: Speranza, prime dosi vaccini in Italia entro fine anno. Il presunto piano segreto

Il ministro della salute Roberto Speranza, si dice ottimista sulla possibilità di avere a disposizione in Italia, le prime dosi del vaccino anti COVID-19, con riferimento al candidato vaccino di Oxford, entro la fine dell’anno. I risultati sono incoraggianti, il contratto con AstraZeneca che lo produce, se tutto va bene lo metterà in fiale ad Anagni. E’ quanto sostiene al Corriere della Sera.

Speranza e la frecciata al governo Conte sul Mes

Roberto Speranza, insiste sull’importanza delle risorse, le ha chieste per il Recovery Fund e lo farebbe anche per il Mes, sembra essere una frecciata al governo Conte che non vuole chiederlo, per il bilancio dello Stato e per il debito pubblico. Tutti i fondi che possono servire al Servizio Sanitario Nazionale e alla salute, sono da sfruttare. E’ necessario effettuare una riforma in una fase espansiva, è la prima volta che si ha l’opportunità di accedere a tante risorse.

Dosi vaccino anti Covid limitate ed entro fine anno

Il ministro della salute teme un autunno non facile con riferimento al coronavirus, sarà importante un’accurata gestione. Nel caso di risultati positivi sul vaccino di Oxford anti COVID-19, l’Italia potrebbe ricevere 2 o 3 milioni di dosi già a dicembre. Visto la quantità disponibile ovviamente limitata rispetto alla popolazione italiana, le prime dosi saranno destinate alle categorie più a rischio: gli anziani con patologie e gli operatori sanitari. Speranza non si esprime sull’obbligatorietà del vaccino, attualmente ci sono problemi maggiori da affrontare, i tempi e le quantità di disponibilità delle dosi.

Speranza invita gli italiani, soprattutto per le categorie più fragili, a vaccinarsi contro l’influenza, in quanto si è fatto uno sforzo economico per coprire anche questa necessità. Nessun problema per quanto concerne la scuola, ogni studente avrà la sua mascherina e si aprirà in sicurezza.

Nessun piano segreto del governo per l’emergenza coronavirus

Inevitabile la domanda del Corriere della Sera sul presunto piano segreto del governo per l’emergenza Covid. Il ministro della salute afferma che non si trattava di un piano, bensì di uno studio su scenari possibili e vari, effettuato dagli scienziati a metà febbraio e concluso a marzo. Speranza assicura che c’è stata la massima trasparenza da parte del governo, fu il Comitato tecnico scientifico a porre il vincolo di riservatezza.

Piovono le accuse dell’opposizione, da Salvini e Meloni per aver secretato questo studio, ma Roberto Speranza replica aspramente, accusando gli oppositori di voler fare solo campagna elettorale alzando un polverone sul nulla.

Le elezioni regionali: nessun voto al governo

Speranza si esprime anche sulle elezioni regionali. Ammette che non aver trovato un’alleanza tra tutte le forze di governo, soprattutto tra PD e M5S, è stato un male che rischia di regalare la vittoria al centrodestra in molte regioni. Il ministro auspica che anche sul territorio, così come a livello nazionale, si possa trovare un accordo in futuro.

In ogni caso, Speranza non considera l’esito del voto alle elezioni regionali del 20 e 21 settembre 2020 come un voto sul governo, anche perchè Conte non ha certamente fatto campagna elettorale.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories
SONDAGGIO

1596 voti

VOTA ORA