CCNL Scuola 2016-2018: il testo del nuovo contratto

Qui il testo del CCNL del comparto Istruzione e Ricerca appena firmato: novità per insegnanti, personale ATA e ricercatori.

CCNL Scuola 2016-2018: il testo del nuovo contratto

Il CCNL del comparto Istruzione e Ricerca - che conta 1.191.694 dipendenti e racchiude i precedenti comparti Scuola, Enti di ricerca, Università, Accademie e conservatori - è stato finalmente firmato.

Il testo firmato dall’Aran e dalle OO.SS. - FLC CGIL, CISL, UIL - introduce diverse novità per insegnanti, Ata e ricercatori, e riconosce loro un aumento di stipendio che va dagli 80€ ai 110€ lordi (clicca qui per tutte le tabelle stipendiali).

Per la prima volta nel CCNL viene riconosciuta l’importanza della scuola come comunità “dialogo, di ricerca, di esperienza sociale, ispirata ai valori democratici e alla crescita della persona in tutte le sue dimensioni”.

Ma ci sono diverse novità anche lato normativo, ad esempio per quanto riguarda l’attribuzione del bonus merito. Il bonus premiale resta di competenza del Dirigente Scolastico, il quale però dovrà attenersi a di criteri generali decisi insieme ai sindacati.

Come potete vedere nel testo del CCNL Scuola scaricabile di seguito sono state ripristinate le norme che regolano la mobilità volontaria dei docenti, con il ritorno - dopo le deroghe degli ultimi anni - del vincolo triennale così da tutelare il principio della continuità didattica.

Con il rinnovo sono state introdotte anche delle sanzioni per chi utilizza i social network e tutti i mezzi di comunicazione informatici per motivi che non rientrano nella sfera dell’istruzione, della formazione e dell’orientamento. Quindi tutti gli insegnanti che utilizzeranno Facebook o WhatsApp per interagire con studenti - per motivi che non riguardano la scuola - saranno sanzionati.

Sanzione ben più severa invece per tutti coloro che nel relazionarsi con gli studenti mettano in atto comportamenti a carattere sessuale: per loro è previsto il licenziamento.

Non sono state definite invece le altre norme del codice disciplinare; sarà compito della contrattazione integrativa infatti discutere di tutti quei temi che non sono stati affrontati con il rinnovo del contratto.

Novità per la mobilità

D’ora in avanti gli insegnanti e tutto il personale della scuola potranno presentare domanda ogni anno, ma potranno fare richiesta coloro che sono stati già trasferiti nei tre anni precedenti (ripristinato il vincolo triennale della mobilità previsto dalla Buona Scuola).

Il contratto nazionale che prevede le norme della mobilità invece non sarà più discusso annualmente come avveniva fino ad oggi, poiché questo acquista validità triennale.

Orario di lavoro per gli insegnanti

Nelle scorse settimane la Ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli dichiarò che secondo lei gli “insegnanti che vogliono guadagnare di più dovrebbero lavorare per più ore”. Queste sue dichiarazioni hanno fatto pensare ad un possibile aumento delle ore di lavoro degli insegnanti, che alla fine non si è realizzato.

È stata stralciata dal testo del CCNL Scuola, infatti, la parte che riconosceva ai dirigenti scolastici il potere di assegnare agli insegnanti degli incarichi extra, senza che questi potessero rifiutarsi.

Restano invariate anche le norme riguardanti le ore delle attività funzionali: si continuerà ad applicare il sistema di calcolo 40+40, senza l’introduzione del monte comune di 80 ore.

Nel testo del nuovo contratto inoltre viene chiarito che nelle ore di potenziamento sono comprese anche le attività didattiche finalizzate al conseguimento degli obiettivi del POF triennale.

Per quanto riguarda la formazione dei docenti, invece, nel contratto non è prevista alcuna obbligatorietà.

Di seguito il testo completo del CCNL Scuola appena firmato:

CCNL ISTRUZIONE E RICERCA 2016-2018
Clicca qui per scaricare il testo completo del nuovo contratto per il personale di Scuola e Università; novità sia lato economico che normativo.

Condividi questo post:

Iscriviti alla newsletter "Lavoro" per ricevere le news su Scuola

Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del Dlgs 196/03.

Commenti:

Potrebbero interessarti

Simone Micocci

Simone Micocci

10 ore fa

Calendario scolastico 2018-2019: inizio della scuola posticipato

Calendario scolastico 2018-2019: inizio della scuola posticipato

Commenta

Condividi

Stefania Manservigi -

Pensioni oggi: Ape sociale, gli insegnanti dovranno rimanere in servizio fino al 31 agosto 2018

Pensioni oggi: Ape sociale, gli insegnanti dovranno rimanere in servizio fino al 31 agosto 2018

Commenta

Condividi

Simone Micocci

Simone Micocci

1 settimana fa

Quanto guadagna un insegnante grazie al rinnovo? Meno del resto d’Europa

Quanto guadagna un insegnante grazie al rinnovo? Meno del resto d'Europa

Commenta

Condividi