Bonus 2.400 euro, per la domanda bisogna attendere: chi lo prende in automatico?

Teresa Maddonni

26/03/2021

12/04/2021 - 15:22

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Bonus 2.400 euro dl Sostegni: per la domanda bisogna ancora attendere, ma c’è chi riceverà il pagamento in automatico come comunica INPS nel messaggio del 25 marzo. Vediamo anche chi sono i nuovi beneficiari che devono fare richiesta.

Bonus 2.400 euro, per la domanda bisogna attendere: chi lo prende in automatico?

Il bonus 2.400 euro introdotto dal decreto Sostegni non è ancora possibile richiederlo, per la domanda infatti c’è da attendere anche se c’è chi lo prenderà in automatico e a spiegarlo è INPS con il messaggio n. 1275 del 25 marzo 2021.

Il bonus 2.400 euro una tantum è rivolto ai lavoratori stagionali, autonomi occasionali, lavoratori dello spettacolo e altre categorie che hanno ridotto, sospeso o cessato l’attività lavorativa per l’emergenza Covid.

INPS richiama quelli che sono i requisiti oltre a introdurre, con lo stesso messaggio, le novità per coloro che andranno a fare domanda per la disoccupazione Naspi.

Per il bonus 2.400 euro ancora non è possibile fare domanda a INPS che deve adeguare la piattaforma informatica, ma l’Istituto spiega che qualcuno lo riceverà in automatico. Vediamolo nel dettaglio in attesa della successiva circolare attuativa dell’Istituto.

Bonus 2.400 euro: chi lo prende in automatico

Il bonus 2.400 euro introdotto dall’articolo 10 decreto-legge 22 marzo 2021, n. 41, comma 1 lo prende in automatico chi ha ricevuto il bonus 1.000 euro dei decreto Ristori convertito con i successivi tre nella legge n. 176/2020 del 18 dicembre scorso.

Il bonus 2.400 euro, ricorda INPS, viene erogato nel dettaglio alle seguenti categorie di lavoratori:

  • i lavoratori stagionali e i lavoratori in somministrazione dei settori del turismo e degli stabilimenti termali;
  • i lavoratori dipendenti stagionali appartenenti a settori diversi da quelli del turismo e degli stabilimenti termali;
  • i lavoratori intermittenti;
  • i lavoratori autonomi occasionali;
  • i lavoratori incaricati alle vendite a domicilio;
  • i lavoratori a tempo determinato dei settori del turismo e degli stabilimenti termali;
  • i lavoratori dello spettacolo.

Questi lavoratori, se hanno già beneficiato della precedente indennità una tantum, riceveranno il pagamento automatico del bonus 2.400 euro per gli stagionali il quale verrà erogato, specifica INPS nel messaggio, con le modalità indicate dagli stessi per il pagamento delle indennità già erogate.

Bonus 2.400 euro: chi deve fare domanda e novità

INPS spiega chiaramente chi deve fare domanda per il bonus 2.400 euro del dl Sostegni e in particolare, come anticipato in attesa dell’applicativo informatico e della circolare, coloro che non hanno ricevuto l’indennità dalle precedenti disposizioni. Non solo, ricorda INPS anche una novità del bonus 2.400 euro:

“possono fare domanda anche i lavoratori in somministrazione presso aziende utilizzatrici appartenenti a settori diversi da quelli del turismo e degli stabilimenti termali, non rientranti nell’ambito di applicazione delle disposizioni in materia di indennità Covid delle precedenti disposizioni.”

Novità anche per i lavoratori dello spettacolo per i quali cambiano i requisiti di accesso per il bonus 2.400 euro e quindi molti potranno fare domanda. Nel dettaglio il bonus 2.400 euro spetta:

  • ai lavoratori iscritti al Fondo pensioni lavoratori dello spettacolo con almeno 7 contributi giornalieri versati dal 1° gennaio 2019 alla data di entrata in vigore del decreto, con un reddito riferito all anno 2019 non superiore a 35.000 euro;
  • ai lavoratori iscritti al Fondo pensioni lavoratori dello spettacolo con almeno 30 contributi giornalieri versati dal 1° gennaio 2019 alla data di entrata in vigore del decreto al medesimo Fondo, con un reddito riferito all’anno 2019 non superiore a 75.000 euro, e non titolari di pensione né di contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato, diverso dal contratto intermittente di cui agli articoli 13, 14, 15, 17 e 18 del decreto legislativo 15 giugno 2015, n. 81, senza corresponsione dell’indennità di disponibilità.

Rispetto alle precedenti disposizioni, per quest’ultima categoria l’importo del reddito è stato alzato a 75.000 euro dai 50.000 precedentemente previsti.

Coloro che devono presentare domanda per il bonus 2.400 euro devono inoltrare la richiesta a INPS esclusivamente in via telematica entro il 30 aprile 2021. Occorrerà utilizzare i consueti canali messi a disposizione per i cittadini e per gli Enti di Patronato nel sito internet dell’INPS.

Messaggio numero 1275 del 25-03-2021.pdf
Bonus 2.400 euro introdotto dal dl Sostegni. Prime indicazioni INPS.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories